Panoramica dei riquadri secondari (app di Windows Runtime)

Applies to Windows and Windows Phone

I riquadri secondari consentono agli utenti di mettere in evidenza contenuti interessanti e collegamenti diretti (ovvero riferimenti a una posizione specifica all'interno dell'app di aggiunta) dalle app di Windows Store alla schermata Start. I riquadri secondari consentono agli utenti di personalizzare la propria esperienza nella schermata Start aggiungendo amici, nuove origini, quotazioni di borsa e altri elementi che ritengono importanti.

L'opzione che consente di creare un riquadro secondario spesso nell'interfaccia utente appare come Aggiungi a Start. Per aggiungere contenuto, è necessario creare un riquadro secondario. Questa opzione spesso è disponibile come glifo sulla barra dell'app.

Quando l'utente seleziona il riquadro secondario con un tocco o un clic, viene aperto nell'app padre per mostrare un'esperienza specifica incentrata sul contenuto o sul contatto aggiunto.

I riquadri secondari possono essere aggiunti solo dagli utenti e non dalle app a livello di programmazione, senza l'approvazione dell'utente. Gli utenti hanno anche un controllo esplicito sulla rimozione dei riquadri secondari, tramite la schermata Start o l'app padre.

Riquadri secondari e riquadri delle app a confronto

I riquadri secondari sono associati a una sola app padre. Vengono aggiunti alla schermata Start per consentire all'utente di accedere direttamente a un'area usata di frequente dell'app padre in modo coerente ed efficiente. Può trattarsi di una sottosezione generale dell'app padre che include contenuti aggiornati di frequente o un collegamento diretto a un'area specifica dell'app.

Alcuni esempi di scenari in cui vengono usati riquadri secondari sono:

  • Previsioni meteorologiche per una città specifica in un'app meteo
  • Un riepilogo dei prossimi eventi in un'app calendario
  • Stato e aggiornamenti di un contatto importante in un'app social
  • Feed specifici in un lettore RSS
  • Una playlist musicale
  • Un blog

Un riquadro secondario è adatto a racchiudere contenuti soggetti a frequenti modifiche che un utente vuole tenere sotto controllo. Dopo l'aggiunta del riquadro secondario, gli utenti possono ricevere brevi aggiornamenti al suo interno e usarlo per accedere direttamente all'app padre.

I riquadri secondari presentano molte similitudini con i riquadri delle app:

  • Usano modelli di riquadro per determinare il layout delle notifiche.
  • Devono includere un logo di 150 x 150 pixel per il contenuto del riquadro predefinito.
  • Facoltativamente possono includere un logo esteso di 310 x 150 pixel per il contenuto del riquadro predefinito.
  • Possono visualizzare notifiche relative ai riquadri.
  • Possono essere ridisposti nella schermata Start.
  • Possono essere visualizzati nella schermata Start o nella visualizzazione Tutte le app.
  • Vengono eliminati automaticamente durante la disinstallazione dell'app.
  • Possono essere visualizzati nella schermata di blocco.

I riquadri secondari presentano tuttavia anche alcune importanti differenze rispetto ai riquadri delle app:

  • Gli utenti possono eliminare i riquadri secondari in qualsiasi momento senza rimuovere l'app padre.
  • I riquadri secondari possono essere creati in fase di esecuzione, mentre i riquadri delle app possono essere creati solo durante l'installazione.
  • Prima dell'aggiunta di un riquadro secondario, viene visualizzato un riquadro a comparsa per chiedere conferma dell'operazione.
  • Quando un utente acquisisce un'app in un secondo computer, i riquadri secondari possono essere duplicati da Windows nel cloud.
  • Non possono essere aggiunti alla schermata di blocco a livello di programmazione mediante una richiesta all'utente. L'utente deve aggiungere il riquadro secondario manualmente tramite la pagina Personalizza in Impostazioni PC.

Per gli strumenti di aggiornamento di notifiche e riquadri e per i canali di notifiche push usati con i riquadri secondari vengono forniti metodi di creazione specifici. Tali metodi collimano con le versioni usate con i riquadri delle app. Ad esempio, CreateBadgeUpdaterForApplication e CreateBadgeUpdaterForSecondaryTile.

Creazione di riquadri secondari mediante aggiunta

Gli sviluppatori possono usare la barra dell'app per fornire un'opzione che consente di aggiungere e rimuovere contenuti nella schermata Start. In Windows sono disponibili glifi di aggiunta (WinJS.UI.AppBarIcon.pin e WinJS.UI.AppBarIcon.unpin) per personalizzare la barra dell'app e un'implementazione del codice JavaScript che il glifo deve avviare per eseguire l'azione di aggiunta o rimozione. Se in uno scenario è preferibile non usare la barra dell'app, le implementazioni fornite possono essere avviate da elementi diversi dalla barra dell'app. Per altre informazioni, vedi WinJS.UI.AppBar.

Ecco una panoramica delle azioni necessarie per creare un riquadro secondario:

  1. L'utente richiama il comando di aggiunta tramite l'app, spesso con il comando Aggiungi a Start sulla barra dell'app.
  2. L'app esegue un controllo per accertarsi che il riquadro non sia già stato aggiunto.
  3. L'app fornisce le informazioni necessarie per creare un riquadro secondario, incluso un ID univoco. Le altre informazioni includono il colore di sfondo, il colore del testo, il nome visualizzato, le funzionalità di notifica, il logo e altre caratteristiche del riquadro. Per altre informazioni, vedi Windows.UI.StartScreen.SecondaryTile.
  4. Windows visualizza un riquadro a comparsa che mostra un'anteprima del riquadro, richiedendo all'utente di confermarne la creazione.
  5. L'utente conferma e il riquadro secondario viene aggiunto alla schermata Start.
  6. L'app invia qualsiasi combinazione di notifiche locali, pianificate, push o pull al riquadro secondario. Per altre informazioni, vedi Argomenti correlati in fondo alla pagina.

Il flusso di rimozione, se fornito dallo sviluppatore, è simile a quello per l'aggiunta:

  1. L'utente richiama il comando di rimozione tramite l'opzione Rimuovi nell'app.
  2. L'app fornisce le informazioni necessarie per rimuovere un riquadro secondario.
  3. Windows visualizza un riquadro a comparsa che mostra l'anteprima del riquadro da rimuovere, richiedendo all'utente di confermarne la rimozione. (Nota che non viene visualizzato alcun riquadro a comparsa di conferma quando il riquadro viene rimosso tramite la barra dell'app della schermata Start.)
  4. L'utente conferma e il riquadro secondario viene rimosso dalla schermata Start.

Quando l'utente rimuove il riquadro mediante il comando Rimuovi sulla barra delle app nella schermata Start (a cui si accede facendo scorrere rapidamente un dito o facendo clic sul riquadro), non vengono richieste all'app informazioni sulla rimozione, non viene richiesto all'utente di confermare e non viene inviata all'app una notifica dell'avvenuta rimozione del riquadro. Ogni ulteriore operazione di pulizia che l'app avrebbe eseguito per rimuovere il riquadro dovrà essere eseguita al successivo avvio dell'app, durante l'enumerazione dei riquadri secondari che consente di rilevare i riquadri aggiunti o eliminati.

Nota  

I punti essenziali di queste procedure sono la fornitura da parte dell'app delle informazioni necessarie per creare o rimuovere un riquadro secondario e la scelta finale dell'utente sull'esecuzione dell'azione.

L'app gestisce le richieste di attivazione del riquadro secondario dalla schermata Start mediante il normale meccanismo di attivazione usato per i riquadri delle app. I riquadri secondari possono essere attivati solo tramite la schermata Start e le app.

L'app esegue anche le operazioni seguenti:

  • Crea un ID univoco per il riquadro secondario.
  • Avvia le notifiche inviate al riquadro secondario, impostando un URI (Uniform Resource Identifier) di polling, richiedendo un URI di canale per effettuare il push delle notifiche al riquadro secondario, inviando una notifica locale o impostando una notifica pianificata.
  • Espone in modo appropriato i comandi di aggiunta e rimozione.
  • Gestisce le richieste di attivazione per i collegamenti diretti esposti dal riquadro secondario.
  • Include la barra dell'app e gestisce tutte le richieste di comando avviate da essa.

Sincronizzazione di un riquadro secondario in più dispositivi

È possibile sincronizzare (roaming) la creazione e l'eliminazione di riquadri secondari tra i PC e i tablet di un utente. A partire da Windows 8.1 questo è il comportamento predefinito, a condizione che l'utente abbia abilitato la sincronizzazione della schermata Start nelle impostazioni di sistema di OneDrive. Tuttavia, un riquadro secondario può rifiutare esplicitamente la sincronizzazione in più dispositivi impostando la proprietà RoamingEnabled su false.

  • Applies to Windows Phone

Il roaming della schermata Start, inclusi i riquadri secondari, non è supportato in Windows Phone 8.1.

Nota  In Windows 8, il comportamento è l'opposto, ovvero il riquadro secondario deve acconsentire esplicitamente al roaming impostando la proprietà CopyOnDeployment. Questa proprietà è deprecata a partire da Windows 8.1.

Argomenti correlati

Guida introduttiva: Aggiunta di un riquadro secondario
Linee guida ed elenco di controllo per i riquadri secondari
Esempio di riquadri secondari
Come attivare un'app
Aggiunta di barre dell'app
Guida introduttiva: Invio di un aggiornamento di riquadro
Come richiedere, creare e salvare un canale di notifica
Come impostare il polling di riquadri
Come pianificare una notifica di riquadro
Come posizionare il riquadro a comparsa del riquadro secondario
SecondaryTile class

 

 

Mostra:
© 2015 Microsoft