Questa documentazione è stata archiviata e non viene gestita.

Proprietà Binding.RelativeSource

Aggiornamento: novembre 2007

Ottiene o imposta l'origine dell'associazione specificandone la posizione rispetto a quella della destinazione dell'associazione.

Spazio dei nomi:  System.Windows.Data
Assembly:  PresentationFramework (in PresentationFramework.dll)
XMLNS per XAML: http://schemas.microsoft.com/winfx/xaml/presentation

public RelativeSource RelativeSource { get; set; }
/** @property */
public RelativeSource get_RelativeSource()
/** @property */
public  void set_RelativeSource(RelativeSource value)

public function get RelativeSource () : RelativeSource
public function set RelativeSource (value : RelativeSource)

                    Per informazioni su XAML, vedere Estensione del markup RelativeSource.
                

Valore proprietà

Tipo: System.Windows.Data.RelativeSource

Oggetto RelativeSource che specifica la posizione relativa dell'origine dell'associazione da utilizzare. Il valore predefinito è null.

Questa proprietà viene generalmente utilizzata per associare una proprietà di un oggetto a un'altra proprietà dello stesso oggetto o per definire un'associazione in uno stile o modello.

Per impostazione predefinita, le associazioni ereditano il contesto dati specificato dalla proprietà DataContext, se impostata. La proprietà RelativeSource rappresenta tuttavia una delle modalità per l'impostazione esplicita dell'origine di una classe Binding e per l'override del contesto dati ereditato. Per ulteriori informazioni, vedere Procedura: specificare l'origine di associazione.

Le proprietà Binding.ElementName e Binding.Source consentono inoltre di impostare l'origine dell'associazione in modo esplicito. È tuttavia necessario impostare solo una delle tre proprietà ElementName, Source e RelativeSource per ciascuna associazione onde evitare conflitti. La proprietà genera un'eccezione in caso di conflitto relativo all'origine dell'associazione.

Nell'esempio riportato di seguito viene illustrato un trigger dello stile che crea un ToolTip che segnala un messaggio di errore di convalida. Il valore del metodo di impostazione viene associato al contenuto dell'errore dell'oggetto TextBox corrente, ovvero l'oggetto TextBox che utilizza lo stile, mediante la proprietà RelativeSource. Per ulteriori informazioni su questo esempio, vedere Procedura: implementare la convalida dell'associazione.

<Style x:Key="textBoxInError" TargetType="{x:Type TextBox}">
  <Style.Triggers>
    <Trigger Property="Validation.HasError" Value="true">
      <Setter Property="ToolTip"
        Value="{Binding RelativeSource={x:Static RelativeSource.Self},
                        Path=(Validation.Errors)[0].ErrorContent}"/>
    </Trigger>
  </Style.Triggers>
</Style>


Per visualizzare l'esempio completo, vedere Esempio di convalida dell'associazione.

Altro codice

Procedura: creare ListViewItem con un CheckBoxIn questo esempio viene illustrato come visualizzare una colonna di controlli CheckBox in un controllo ListView che utilizza GridView.
Procedura: specificare l'origine di associazioneNell'associazione dati, l'oggetto origine di associazione fa riferimento all'oggetto da cui si ottengono i dati. In questo argomento vengono descritte le diverse modalità per la specifica dell'origine di associazione.

Windows Vista

.NET Framework e .NET Compact Framework non supportano tutte le versioni di ciascuna piattaforma. Per un elenco delle versioni supportate, vedere Requisiti di sistema di .NET Framework.

.NET Framework

Supportato in: 3.5, 3.0
Mostra: