Questa documentazione è stata archiviata e non viene gestita.

Classe SqlDataSourceView

Nota: questa classe è stata introdotta con .NET Framework versione 2.0.

Supporta il controllo SqlDataSource e fornisce un'interfaccia per i controlli con associazione a dati per eseguire operazioni di dati SQL su database relazionali.

Spazio dei nomi: System.Web.UI.WebControls
Assembly: System.Web (in system.web.dll)

public class SqlDataSourceView : DataSourceView, IStateManager
public class SqlDataSourceView extends DataSourceView implements IStateManager
public class SqlDataSourceView extends DataSourceView implements IStateManager

La classe SqlDataSourceView è destinata principalmente a essere utilizzata da controlli con associazione a dati e non come oggetto programmabile nel codice della pagina.

I controlli origine dati di ASP.NET contengono uno o più elenchi di dati, rappresentati da oggetti vista origine dati. La classe SqlDataSourceView estende la classe DataSourceView, definisce le funzionalità del controllo SqlDataSource a cui è associata e implementa le funzionalità di base per il controllo origine dati. La classe SqlDataSourceView implementa le funzionalità dei dati per il controllo SqlDataSource, vale a dire le operazioni Select, Update, Insert e Delete, l'ordinamento, il filtraggio e la gestione delle impostazioni conservate nello stato di visualizzazione.

Numerose proprietà dell'oggetto SqlDataSourceView sono esposte direttamente agli sviluppatori di pagine dal controllo SqlDataSource, anche se l'oggetto non lo è. L'operazione più basilare eseguita da una vista origine dati è il recupero dei dati dal database sottostante tramite il metodo Select, che recupera un insieme IEnumerable di elementi dati. La classe SqlDataSourceView implementa il recupero dei dati dai database relazionali mediante query SQL. È possibile aggiungere parametri alle query SQL per ottenere maggiore flessibilità e protezione. I metodi, le proprietà e gli eventi di recupero dati riportati di seguito sono implementati dall'oggetto SqlDataSourceView ed esposti direttamente dal relativo controllo SqlDataSource agli sviluppatori di pagine e ad altri chiamanti:

L'oggetto SqlDataSourceView supporta l'aggiornamento dei dati in un database relazionale mediante comandi SQL. È possibile aggiungere parametri ai comandi SQL per ottenere maggiore flessibilità e protezione. A differenza di altri controlli, è possibile configurare i controlli con associazione a dati, ad esempio GridView e DetailsView, per l'esecuzione automatica degli aggiornamenti tramite l'oggetto SqlDataSourceView. I metodi, le proprietà e gli eventi di aggiornamento riportati di seguito sono implementati dall'oggetto SqlDataSourceView ed esposti direttamente dal relativo controllo SqlDataSource agli sviluppatori di pagine e ad altri chiamanti:

L'oggetto SqlDataSourceView supporta l'inserimento di nuove righe di dati in un database relazionale. È possibile aggiungere parametri ai comandi SQL specificati nella proprietà InsertCommand per ottenere maggiore flessibilità e protezione. A differenza di altri controlli, è possibile configurare i controlli con associazione a dati, ad esempio GridView e DetailsView, per l'esecuzione automatica degli inserimenti tramite l'oggetto SqlDataSourceView. I metodi, le proprietà e gli eventi di inserimento riportati di seguito sono implementati dall'oggetto SqlDataSourceView ed esposti direttamente dal relativo controllo SqlDataSource agli sviluppatori di pagine e ad altri chiamanti:

L'oggetto SqlDataSourceView supporta anche l'eliminazione di dati da un database relazionale. Come per altri comandi, è possibile aggiungere parametri ai comandi SQL specificati nella proprietà DeleteCommand per ottenere maggiore flessibilità e protezione. A differenza di altri controlli, è possibile configurare i controlli con associazione a dati, ad esempio GridView e DetailsView, per l'esecuzione automatica delle eliminazione tramite l'oggetto SqlDataSourceView. I metodi, le proprietà e gli eventi di eliminazione riportati di seguito sono implementati dall'oggetto SqlDataSourceView ed esposti direttamente dal relativo controllo SqlDataSource agli sviluppatori di pagine e ad altri chiamanti:

Le operazioni di recupero dei dati risultano più efficaci se la clausola utilizzata per filtrare i dati durante il recupero è dinamica. In altre parole, una query SQL con una clausola WHERE statica non è così flessibile e potente come una query SQL in cui i valori della clausola WHERE sono associati a valori che possono cambiare, ad esempio a valori visualizzati in controlli di una pagina Web Form. Anziché rigenerare una query SQL e impostare la proprietà SelectCommand in ogni caricamento di pagina, è possibile utilizzare le proprietà FilterExpression e FilterParameters per applicare il filtraggio dinamico al recupero dei dati. Queste proprietà sono implementate dall'oggetto SqlDataSourceView ed esposte direttamente dal relativo controllo SqlDataSource ai controlli con associazione a dati e ad altri chiamanti.

È possibile ordinare i dati recuperati con il controllo SqlDataSource aggiungendo una clausola ORDER BY, che fa sì che il database esegua l'ordinamento automaticamente quando vengono recuperati i dati, oppure ordinando i dati in memoria dopo il recupero. È possibile specificare un'espressione di ordinamento per l'oggetto SqlDataSourceView impostando la proprietà SortExpression dell'oggetto DataSourceSelectArguments che viene passato al metodo Select. La sintassi della proprietà SortExpression è identica alla sintassi della proprietà DataView.Sort. Se si utilizza una stored procedure per il recupero dei dati, è inoltre possibile utilizzare la proprietà SortParameterName per specificare un parametro da utilizzare specificatamente per l'ordinamento dei risultati di una chiamata alla stored procedure.

Se più utenti possono modificare il database contemporaneamente, può verificarsi un conflitto di concorrenza. Il controllo SqlDataSource controlla la concorrenza tramite la proprietà SqlDataSource.ConflictDetection. La funzionalità è implementata nella proprietà SqlDataSourceView.ConflictDetection.

Come molti altri controlli server Web, l'oggetto SqlDataSourceView implementa l'interfaccia IStateManager e utilizza lo stato di visualizzazione per tenere traccia del relativo stato nelle richieste di pagine. Le implementazioni della proprietà IsTrackingViewState e dei metodi LoadViewState, SaveViewState e TrackViewState vengono fornite per attivare la traccia dello stato di visualizzazione per il controllo. Per ulteriori informazioni, vedere Cenni preliminari sulla gestione dello stato ASP.NET.

  • AspNetHostingPermission  per operare in un ambiente host. Valore richiesta: LinkDemand. Valore autorizzazione: Minimal.
  • AspNetHostingPermission  per operare in un ambiente host. Valore richiesta: InheritanceDemand. Valore autorizzazione: Minimal.

I membri statici pubblici (Shared in Visual Basic) di questo tipo sono validi per le operazioni multithreading. I membri di istanza non sono garantiti come thread safe.

Windows 98, Windows 2000 SP4, Windows Server 2003, Windows XP Media Center Edition, Windows XP Professional x64 Edition, Windows XP SP2, Windows XP Starter Edition

.NET Framework non supporta tutte le versioni di ciascuna piattaforma. Per un elenco delle versioni supportate, vedere Requisiti di sistema.

.NET Framework

Supportato in: 2.0
Mostra: