Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Il presente articolo è stato tradotto manualmente. Passare il puntatore sulle frasi nell'articolo per visualizzare il testo originale. Ulteriori informazioni.
Traduzione
Originale

Utilizzare la Creazione guidata piano di manutenzione

Stato dell'argomento: Alcune informazioni riportate in questo argomento rappresentano una documentazione non definitiva e sono soggette a modifiche nelle versioni future. Nelle informazioni sulla versione provvisoria sono descritte nuove funzionalità o modifiche alle funzionalità esistenti in Microsoft SQL Server 2014.

In questo argomento viene descritto come creare un piano di manutenzione a uno o più server utilizzando la Creazione guidata piano di manutenzione in SQL Server 2014. Tramite la Creazione guidata piano di manutenzione è possibile creare un piano di manutenzione che potrà essere regolarmente eseguito in Microsoft SQL Server Agent. In questo modo è possibile eseguire a intervalli specificati varie attività di amministrazione di database, tra cui backup, controlli di integrità del database o aggiornamenti delle statistiche del database.

Contenuto dell'argomento

Limitazioni e restrizioni

  • Per creare un piano di manutenzione multiserver, è necessario configurare un ambiente multiserver composto da un server master e uno o più server di destinazione. I piani di manutenzione multiserver devono essere creati e gestiti nel server master. Questi piani possono essere visualizzati, ma non gestiti, nei server di destinazione.

  • I membri dei ruoli db_ssisadmin e dc_admin possono essere in grado di elevare i privilegi a sysadmin. Questa elevazione dei privilegi può verificarsi perché tali ruoli possono modificare i pacchetti di Integration Services. I pacchetti possono essere eseguiti in SQL Server utilizzando il contesto di sicurezza sysadmin di SQL Server Agent. Per impedire questa elevazione dei privilegi durante l'esecuzione di piani di manutenzione, set di raccolta dati e altri pacchetti di Integration Services, configurare i processi di SQL Server Agent che eseguono pacchetti in modo da utilizzare un account proxy con privilegi limitati o aggiungere solo i membri sysadmin ai ruoli db_ssisadmin e dc_admin.

Sicurezza

Autorizzazioni

Per creare o gestire piani di manutenzione, è necessario essere membro del ruolo predefinito del server sysadmin. In Esplora oggetti il nodo Piani di manutenzione viene visualizzato solo per gli utenti membri del ruolo predefinito del server sysadmin.

Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Per avviare la Creazione guidata piano di manutenzione

  1. Espandere il server in cui si desidera creare il piano di manutenzione.

  2. Espandere la cartella Gestione.

  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Piani di manutenzione e scegliere Creazione guidata piano di manutenzione.

  4. Nella pagina Creazione guidata piano di manutenzione di SQL Server fare clic su Avanti.

  5. Nella pagina Selezione proprietà piano:

    1. Nella casella Nome immettere il nome del piano di manutenzione che si desidera creare.

    2. Nella casella Descrizione descrivere brevemente il piano di manutenzione.

    3. Nell'elenco Esegui come specificare le credenziali utilizzate da Microsoft SQL Server Agent per l'esecuzione del piano di manutenzione.

    4. Selezionare Pianificazioni separate per ogni attività o Singola pianificazione per l'intero piano o nessuna pianificazione per specificare la pianificazione periodica del piano di manutenzione.

      Nota Nota

      Se si seleziona Pianificazioni separate per ogni attività, è necessario eseguire i passaggi indicati di seguito per ogni attività del piano di manutenzione.

    5. Se si seleziona Singola pianificazione per l'intero piano o nessuna pianificazione, scegliere Cambia in Pianificazione.

      1. Nella casella Nome della finestra di dialogo Nuova pianificazione processo immettere il nome della pianificazione del processo.

      2. Nell'elenco Tipo pianificazione selezionare il tipo di pianificazione:

        • Avvia automaticamente all'avvio di SQL Server Agent

        • Avvia quando la CPU risulta inattiva

        • Periodica. Si tratta della selezione predefinita.

        • Singola occorrenza

      3. Selezionare o deselezionare la casella di controllo Abilitata per abilitare o disabilitare la pianificazione.

      4. Se si seleziona Periodica:

        1. In Frequenza nell'elenco Ricorrenza specificare la frequenza di occorrenza:

          • Se si seleziona Giornaliera, nella casella Ogni immettere la frequenza in base alla quale si ripete la pianificazione del processo nei giorni.

          • Se si seleziona Settimanale, nella casella Ogni immettere la frequenza in base alla quale si ripete la pianificazione del processo nelle settimane. Selezionare i giorni della settimana durante i quali viene eseguita la pianificazione del processo.

          • Se si seleziona Mensile, selezionare Giorno oppure Ogni.

            • Se si seleziona Giorno, immettere sia la data del mese in cui si desidera sia eseguita la pianificazione del processo sia la frequenza in base alla quale si ripete questa pianificazione nei mesi. Ad esempio, se si desidera che la pianificazione del processo venga eseguita il giorno 15 del mese e a mesi alterni, selezionare Giorno e immettere "15" nella prima casella e "2" nella seconda casella. Si noti che il numero più grande consentito nella seconda casella è "99".

            • Se si sceglie Ogni, selezionare il giorno specifico della settimana del mese in cui si desidera sia eseguita la pianificazione del processo e la frequenza in base alla quale si ripete questa pianificazione nei mesi. Ad esempio, se si desidera che la pianificazione del processo sia eseguita l'ultimo giorno feriale del mese e a mesi alterni, selezionare Giorno, ultimo nel primo elenco e giorno feriale nel secondo elenco, quindi immettere "2" nell'ultima casella. Nei primi due elenchi è anche possibile selezionare primo, secondo, terzo o quarto, nonché i giorni della settimana specifici, ad esempio domenica o mercoledì. Si noti che il numero più grande consentito nell'ultima casella è "99".

        2. In Frequenza giornaliera specificare la frequenza in base alla quale si ripete la pianificazione del processo in quel determinato giorno:

          • Se si seleziona Una sola volta alle, immettere l'ora specifica del giorno in cui deve essere eseguita la pianificazione del processo nella casella Una sola volta alle. Immettere l'ora, il minuto e il secondo del giorno, nonché AM o PM.

          • Se si seleziona Ogni specificare la frequenza in base alla quale la pianificazione del processo viene eseguita durante il giorno scelto in Frequenza. Ad esempio, se si desidera che la pianificazione del processo sia ripetuta ogni 2 ore durante il giorno scelto per questa pianificazione, selezionare Ogni, immettere "2" nella prima casella, quindi selezionare ora/e nell'elenco. In questo elenco è anche possibile selezionare minuto/i e secondo/i. Si noti che il numero più grande consentito nella prima casella è "100".

            Nella casella A partire dalle immettere l'ora in cui dovrebbe iniziare l'esecuzione della pianificazione del processo. Nella casella Fino alle immettere l'ora in cui dovrebbe terminare la ripetizione della pianificazione del processo. Immettere l'ora, il minuto e il secondo del giorno, nonché AM o PM.

        3. In Durata di Data inizio immettere la data in cui si desidera sia avviata l'esecuzione della pianificazione del processo. Selezionare Data fine o Nessuna data di fine per indicare quando dovrebbe terminare l'esecuzione della pianificazione del processo. Se si seleziona Data fine immettere la data in cui si desidera venga terminata l'esecuzione della pianificazione del processo.

      5. Se si seleziona Singola occorrenza, in Singola occorrenza nella casella Data immettere la data in cui verrà eseguita la pianificazione del processo. Nella casella Ora immettere l'ora in cui verrà eseguita la pianificazione del processo. Immettere l'ora, il minuto e il secondo del giorno, nonché AM o PM.

      6. In Descrizione in Riepilogo verificare che tutte le impostazioni della pianificazione del processo siano corrette.

      7. Fare clic su OK.

    6. Scegliere Avanti.

  6. Nella pagina Selezione server di destinazione selezionare i server in cui si desidera eseguire il piano di manutenzione. Questa pagina viene visualizzata solo nelle istanze di SQL Server configurate come server master.

    Nota Nota

    Per creare un piano di manutenzione multiserver, è necessario configurare un ambiente multiserver che include un server master e uno o più server di destinazione. Il server locale deve essere inoltre configurato come server master. Negli ambienti multiserver, in questa pagina vengono visualizzati il server master (local) e tutti i server di destinazione corrispondenti.

  7. Nella pagina Selezione attività di manutenzione selezionare una o più attività di manutenzione da aggiungere al piano. Dopo avere selezionato tutte le attività necessarie, scegliere Avanti.

    Nota Nota

    Le attività selezionate determinano quali pagine è necessario completare dopo la pagina Selezione ordine attività di manutenzione.

  8. Nella pagina Selezione ordine attività di manutenzione selezionare un'attività e fare clic su Sposta su… o Sposta giù… per modificare il relativo ordine di esecuzione. Al termine, o dopo avere raggiunto l'ordine di attività desiderato, scegliere Avanti.

    Nota Nota

    Se si seleziona Pianificazioni separate per ogni attività nella pagina Selezione proprietà piano, non sarà possibile modificare l'ordine delle attività di manutenzione in questa pagina.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Controlla integrità database (CHECKDB)

  • Nella pagina Definizione attività Controlla integrità database scegliere il database o i database in cui verranno controllate l'allocazione e l'integrità strutturale degli indici e delle tabelle utente e di sistema. Eseguendo l'istruzione Transact-SQL DBCC CHECKDB, questa attività assicura che i problemi di integrità del database vengano segnalati, in modo che vengano affrontati in seguito da un amministratore di sistema o dal proprietario del database. Per ulteriori informazioni, vedere DBCC CHECKDB (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elenco Database

    Specificare i database su cui verrà eseguita l'attività.

    • Tutti i database

      Viene generato un piano di manutenzione per l'esecuzione di questa attività in tutti i database di Microsoft SQL Server, a eccezione di tempdb.

    • Database di sistema

      Viene generato un piano di manutenzione per l'esecuzione di questa attività sui database di sistema di SQL Server, a eccezione di tempdb e dei database creati dall'utente.

    • Tutti i database utente (diversi da master, model, msdb e tempdb)

      Viene generato un piano di manutenzione per l'esecuzione di questa attività su tutti i database creati dall'utente. Nessuna attività di manutenzione viene eseguita sui database di sistema di SQL Server.

    • I database seguenti

      Viene generato un piano di manutenzione per l'esecuzione di questa attività solo sui database selezionati. Se si sceglie questa opzione, è necessario selezionare almeno un database nell'elenco.

    Casella di controllo Includi indici

    Viene controllata l'integrità di tutte le pagine di indice, nonché delle pagine dei dati della tabella.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Compatta database

  • Nella pagina Definizione attività Compatta database creare un'attività che tenti di ridurre le dimensioni dei database selezionati tramite l'istruzione DBCC SHRINKDATABASE, con l'opzione NOTRUNCATE o TRUNCATEONLY. Per ulteriori informazioni, vedere DBCC SHRINKDATABASE (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    Nota di attenzione Attenzione

    I dati spostati per ridurre un file possono essere inseriti in qualsiasi punto disponibile nel file, provocando la frammentazione dell'indice e rallentando le prestazioni di query che eseguono ricerche in un intervallo dell'indice. Per eliminare la frammentazione, valutare la possibilità di ricompilare gli indici sul file dopo la compattazione.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elenco Database

    Specificare i database su cui verrà eseguita l'attività. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questo elenco, vedere il passaggio 9.

    Casella Compatta database quando le dimensioni superano

    Specificare le dimensioni in megabyte che causano l'esecuzione dell'attività.

    Casella Spazio che deve rimanere disponibile dopo la compattazione

    Arresta l'attività di compattazione quando lo spazio disponibile nei file del database raggiunge questa soglia (come percentuale).

    Mantieni spazio liberato nei file di database

    Il database viene organizzato in pagine contigue, ma queste ultime non vengono deallocate, né i file del database vengono compattati. Utilizzare questa opzione se si prevede una nuova espansione del database e non si desidera riallocare lo spazio. Con questa opzione, i file del database non verranno compattati al massimo. L'opzione utilizza l'istruzione NOTRUNCATE.

    Restituisci spazio liberato al sistema operativo

    Il database viene organizzato in pagine contigue e queste ultime vengono rilasciate al sistema operativo per essere utilizzate da altri programmi. I file del database vengono compattati al massimo. L'opzione utilizza l'istruzione TRUNCATEONLY. Si tratta dell'opzione predefinita.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione delle attività dell'indice

  1. Nella pagina Definizione attività Riorganizza indice selezionare il server o i server in cui le pagine dell'indice verranno spostate in un ordine di ricerca più efficiente. In questa attività viene utilizzata l'istruzione ALTER INDEX … REORGANIZE. Per ulteriori informazioni, vedere ALTER INDEX (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elenco Database

    Specificare i database su cui verrà eseguita l'attività. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questo elenco, vedere il passaggio 9.

    Elenco Oggetti

    Limitare l'elenco Selezione per visualizzare tabelle, viste o entrambe. Questo elenco è disponibile solo se si sceglie un solo database nell'elenco Database.

    Elenco Selezione

    Specificare le tabelle o gli indici su cui verrà eseguita l'attività. Questa opzione non è disponibile quando si seleziona Tabelle e viste nella casella Oggetto.

    Casella di controllo Compatta oggetti di grandi dimensioni

    Dealloca spazio per tabelle e viste, se possibile. Questa opzione utilizza l'istruzione ALTER INDEX … LOB_COMPACTION = ON.

  2. Nella pagina Definizione attività Ricompila indice selezionare il database o i database in cui verranno creati più indici. In questa attività viene utilizzata l'istruzione ALTER INDEX … REBUILD PARTITION. Per ulteriori informazioni, vedere ALTER INDEX (Transact-SQL)). Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elenco Database

    Specificare i database su cui verrà eseguita l'attività. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questo elenco, vedere il passaggio 9.

    Elenco Oggetti

    Limitare l'elenco Selezione per visualizzare tabelle, viste o entrambe. Questo elenco è disponibile solo se si sceglie un solo database nell'elenco Database.

    Elenco Selezione

    Specificare le tabelle o gli indici su cui verrà eseguita l'attività. Questa opzione non è disponibile quando si seleziona Tabelle e viste nella casella Oggetto.

    Area Opzioni spazio disponibile

    Contiene opzioni relative all'applicazione del fattore di riempimento a indici e tabelle.

    Spazio libero predefinito per pagina

    Riorganizza le pagine mantenendo la quantità predefinita di spazio disponibile. Selezionando questa opzione verranno eliminati gli indici delle tabelle del database e verranno ricreati utilizzando il fattore di riempimento specificato al momento della creazione degli indici. Opzione predefinita.

    Casella Modifica percentuale di spazio disponibile per pagina

    Elimina gli indici delle tabelle del database e li ricrea utilizzando un nuovo fattore di riempimento calcolato automaticamente, riservando in tal modo la quantità di spazio disponibile specificata nelle pagine dell'indice. Maggiore è la percentuale, maggiore sarà la quantità di spazio disponibile riservata nelle pagine dell'indice e maggiori saranno le dimensioni dell'indice. I valori validi sono compresi tra 0 e 100. Viene utilizzata l'opzione FILLFACTOR.

    Area Opzioni avanzate

    Presenta opzioni aggiuntive per l'ordinamento degli indici e la reindicizzazione.

    Casella di controllo Ordina risultati in tempdb

    Utilizza l'opzione SORT_IN_TEMPDB che determina la posizione in cui i risultati intermedi dell'ordinamento, generati durante la creazione dell'indice, vengono memorizzati temporaneamente. Se non è necessario eseguire un'operazione di ordinamento o se l'ordinamento può essere eseguito in memoria, l'opzione SORT_IN_TEMPDB viene ignorata.

    Casella di controllo Mantieni indici online durante la reindicizzazione

    Utilizza l'opzione ONLINE per consentire agli utenti di accedere alla tabella o ai dati dell'indice cluster sottostanti, nonché agli eventuali indici non cluster associati durante le operazioni sugli indici. La selezione di questa opzione comporta l'attivazione di opzioni aggiuntive per la ricompilazione degli indici che non consentono le ricompilazioni online: Non ricompilare indici e Ricompila indici offline.

    Nota Nota

    Le operazioni sugli indici online sono disponibili solo in alcune edizioni di SQL Server 2014. Per ulteriori informazioni, vedere Funzionalità supportate dalle edizioni di SQL Server 2014.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Aggiorna statistiche

  • Nella pagina Definizione attività Aggiorna statistiche definire il database o i database su cui verranno aggiornate le statistiche relative a tabelle e indici. In questa attività viene utilizzata l'istruzione UPDATE STATISTICS. Per ulteriori informazioni, vedere UPDATE STATISTICS (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elenco Database

    Specificare i database su cui verrà eseguita l'attività. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questo elenco, vedere il passaggio 9.

    Elenco Oggetti

    Limitare l'elenco Selezione per visualizzare tabelle, viste o entrambe. Questo elenco è disponibile solo se si sceglie un solo database nell'elenco Database.

    Elenco Selezione

    Specificare le tabelle o gli indici su cui verrà eseguita l'attività. Questa opzione non è disponibile quando si seleziona Tabelle e viste nella casella Oggetto.

    Tutte le statistiche esistenti

    Consente di aggiornare le statistiche sia per le colonne che per gli indici.

    Solo statistiche colonne

    Consente di aggiornare soltanto le statistiche relative alle colonne. Utilizza l'opzione WITH COLUMNS.

    Solo statistiche indici

    Consente di aggiornare soltanto le statistiche relative agli indici. Utilizza l'opzione WITH INDEX.

    Tipo analisi

    Tipo di analisi utilizzata per raccogliere statistiche aggiornate.

    Analisi completa

    Consente di leggere tutte le righe della tabella o della vista per raccogliere le statistiche.

    Campionamento per

    Specificare la percentuale della tabella o della vista indicizzata o il numero di righe da utilizzare come campione durante la raccolta di statistiche per tabelle o viste di grandi dimensioni.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Pulizia contenuto cronologia

  • Nella pagina Definizione attività Pulizia contenuto cronologia definire il database o i database in cui si desidera rimuovere la cronologia attività obsoleta. In questa attività vengono utilizzate le istruzioni EXEC sp_purge_jobhistory, EXEC sp_maintplan_delete_log e EXEC sp_delete_backuphistory per rimuovere le informazioni cronologiche dalle tabelle di msdb. Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Selezionare i dati cronologici da eliminare

    Scegliere il tipo di dati attività da eliminare.

    Cronologia operazioni di backup e ripristino

    Se si mantengono i record relativi alla data di creazione di backup recenti, è possibile semplificare la creazione di un piano di recupero da parte di SQL Server in caso si desideri ripristinare un database. Il periodo di memorizzazione deve essere almeno pari alla frequenza dei backup completi del database.

    Cronologia processo di SQL Server Agent

    Questa cronologia si rivela utile per risolvere problemi relativi a processi non riusciti o per individuare le cause di determinate azioni sul database.

    Cronologia piano di manutenzione

    Questa cronologia si rivela utile per risolvere problemi relativi a processi del piano di manutenzione non riusciti o per individuare le cause di determinate azioni sul database.

    Rimuovi dati presenti nella cronologia da più di

    Specifica il periodo di permanenza nella cronologia oltre il quale gli elementi devono essere eliminati. È possibile specificare Ora/e, Giorno/i, Settimana/e (impostazione predefinita), Mese/i o Anno/i.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Esegui processo di SQL Server Agent

  • Nella pagina Definizione attività Esegui processo di SQL Server Agent scegliere il processo o i processi da eseguire in Processi di SQL Server Agent disponibili. Se non sono presenti processi di SQL Agent, non è possibile utilizzare questa opzione. In questa attività viene utilizzata l'istruzione EXEC sp_start_job. Per ulteriori informazioni, vedere sp_start_job (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Backup

  1. Nella pagina Definizione attività Backup database (completo) selezionare il database o i database su cui eseguire un backup completo. In questa attività viene utilizzata l'istruzione BACKUP DATABASE. Per ulteriori informazioni, vedere BACKUP (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elenco Tipo di backup

    Visualizza il tipo di backup da eseguire. Questo valore è di sola lettura.

    Elenco Database

    Specificare i database su cui verrà eseguita l'attività. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questo elenco, vedere il passaggio 9.

    Componente di cui eseguire il backup

    Selezionare Database per eseguire il backup dell'intero database. Selezionare File e filegroup per eseguire il backup solo di una parte del database. Quando si seleziona questa opzione, è necessario specificare il nome del file o del filegroup. Se nella casella Database sono selezionati più database, è necessario specificare Database solo per Componente di cui eseguire il backup. Per eseguire i backup di file o filegroup, creare un'attività per ogni database. Queste opzioni sono disponibili solo se si sceglie un solo database nell'elenco Database.

    Casella di controllo Scadenza set di backup

    Indica quando è possibile sovrascrivere il set di backup per il backup specifico. Selezionare Dopo e immettere un numero di giorni alla scadenza oppure selezionare Il e immettere una data di scadenza. Questa opzione è disabilitata se è selezionato URL come destinazione di backup.

    Backup su

    Specifica il supporto su cui eseguire il backup del database. Selezionare Disco, Nastro o URL. Sono disponibili solo i dispositivi nastro collegati al computer in cui è archiviato il database.

    Backup database in uno o più file

    Fare clic su Aggiungi per aprire la finestra di dialogo Seleziona destinazione di backup. Questa opzione è disabilitata se è stato selezionato URL come destinazione di backup.

    Fare clic su Rimuovi per rimuovere un file dalla casella.

    Fare clic su Contenuto per leggere l'intestazione del file e visualizzare il contenuto del backup corrente del file.

    Finestra di dialogo Seleziona destinazione di backup

    Selezionare il file, l'unità nastro o il dispositivo di backup come destinazione. Questa opzione è disabilitata se è stato selezionato URL come destinazione di backup.

    Elenco Azione per file di backup esistenti

    Specifica il modo in cui devono essere gestiti i backup esistenti. Selezionare Accoda per aggiungere i nuovi backup dopo eventuali backup esistenti nel file o sul nastro. Selezionare Sovrascrivi per rimuovere il contenuto meno recente dal file o dal nastro e sostituirlo con il nuovo backup.

    Crea un file di backup per ogni database

    Creare un file di backup nel percorso specificato nella casella della cartella. Viene creato un file per ciascun database selezionato. Questa opzione è disabilitata se è stato selezionato URL come destinazione di backup.

    Casella di controllo Crea una sottodirectory per ogni database

    Crea una sottodirectory nella directory specificata che contiene il database di cui si esegue il backup nell'ambito del piano di manutenzione.

    Nota importante Importante

    La sottodirectory erediterà le autorizzazioni dalla relativa directory padre. Limitare le autorizzazioni per impedire l'accesso non autorizzato.

    Casella Cartella

    Specificare la cartella in cui inserire i file di database creati automaticamente. Questa opzione è disabilitata se è stato selezionato URL come destinazione di backup.

    Credenziali SQL

    Selezionare le credenziali SQL utilizzate per autenticare il servizio di archiviazione Windows Azure. Se non si dispone di credenziali SQL esistenti utilizzabili, fare clic sul pulsante Crea per crearne delle nuove.

    Nota sulla sicurezza Nota sulla protezione

    La finestra di dialogo visualizzata quando si fa clic su Crea richiede un certificato di gestione o il profilo di pubblicazione per la sottoscrizione. Se non si dispone dell'accesso al certificato di gestione o al profilo di pubblicazione, è possibile creare le credenziali SQL specificando il nome dell'account di archiviazione e la chiave di accesso tramite Transact-SQL o SQL Server Management Studio. Vedere il codice di esempio nell'argomento Creare credenziali per creare le credenziali tramite Transact-SQL. In alternativa, utilizzando SQL Server Management Studio, dall'istanza del motore di database, fare clic con il pulsante destro del mouse su Sicurezza, scegliere Nuovo e selezionare Credenziale. Specificare il nome dell'account di archiviazione per Identity e la chiave di accesso nel campo Password.

    Contenitore di archiviazione di Azure

    Specificare il nome del contenitore del servizio di archiviazione Windows Azure.

    Prefisso URL

    Viene generato automaticamente in base alle informazioni sull'account di archiviazione archiviate nelle credenziali SQL e al nome del contenitore di archiviazione di Azure specificato. Si consiglia di non modificare le informazioni in questo campo a meno che non si utilizzi un dominio con un formato diverso da <account di archiviazione>.blob.core.windows.net.

    Casella Estensione file di backup

    Specificare l'estensione da utilizzare per i file di backup. L'estensione predefinita è bak.

    Casella di controllo Verifica integrità backup

    Consente di verificare che il set di backup sia completo e che tutti i volumi siano leggibili.

    Crittografia dei backup

    Per creare un backup crittografato, selezionare la casella di controllo Crittografa backup. Selezionare un algoritmo di crittografia da utilizzare per il passaggio di crittografia e specificare un certificato o una chiave asimmetrica da un elenco di chiavi asimmetriche o di certificati esistenti. Gli algoritmi di crittografia disponibili sono:

    • AES 128

    • AES 192

    • AES 256

    • Triple DES

    L'opzione di crittografia è disabilitata se si è scelto di eseguire l'accodamento a un set di backup esistente.

    È consigliabile eseguire il backup del certificato o delle chiavi e archiviarli in un percorso diverso da quello utilizzato per il backup crittografato.

    Sono supportate solo le chiavi che si trovano in Extensible Key Management (EKM).

    Elenco Imposta compressione backup

    In SQL Server 2008 Enterprise o versioni successive, selezionare uno dei valori di compressione di backup seguenti:

    Utilizza l'impostazione predefinita del server

    Fare clic su questa opzione per utilizzare l'impostazione predefinita a livello di server. Tale impostazione predefinita è impostata dall'opzione di configurazione backup compression default del server. Per informazioni sulla visualizzazione dell'impostazione corrente di questa opzione, vedere Visualizzare o configurare l'opzione di configurazione del server backup compression default.

    Comprimi backup

    Fare clic su questa opzione per comprimere il backup, indipendentemente dall'impostazione predefinita a livello di server.

    Nota importante Importante

    Per impostazione predefinita, la compressione aumenta significativamente l'utilizzo della CPU e la CPU aggiuntiva utilizzata dal processo di compressione può avere un impatto negativo sulle operazioni simultanee. Potrebbe pertanto essere necessario creare backup compressi con priorità bassa in una sessione in cui l'utilizzo della CPU è limitato da Resource Governor. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo di Resource Governor per limitare l'utilizzo della CPU da parte della compressione dei backup (Transact-SQL).

    Non comprimere il backup

    Fare clic su questa opzione per creare un backup non compresso, indipendentemente dall'impostazione predefinita a livello di server.

  2. Nella pagina Definizione attività Backup database (differenziale) selezionare il database o i database su cui eseguire un backup parziale. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questa pagina, vedere l'elenco delle definizioni nel passaggio 16. In questa attività viene utilizzata l'istruzione BACKUP DATABASE … WITH DIFFERENTIAL. Per ulteriori informazioni, vedere BACKUP (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

  3. Nella pagina Definizione attività Backup database (log trans) selezionare il database o i database su cui eseguire un backup per un log delle transazioni. Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili in questa pagina, vedere l'elenco delle definizioni nel passaggio 16. In questa attività viene utilizzata l'istruzione BACKUP LOG. Per ulteriori informazioni, vedere BACKUP (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Definizione attività Pulizia file manutenzione

  • Nella pagina Definizione attività Pulizia file manutenzione specificare i tipi di file da eliminare come parte del piano di manutenzione, inclusi report di testo creati dai piani di manutenzione e file di backup del database. In questa attività viene utilizzata l'istruzione EXEC xp_delete_file. Al termine, fare clic su Avanti.

    Nota importante Importante

    Tramite questa attività non si eliminano automaticamente i file nelle sottocartelle della directory specificata. Si tratta di una misura precauzionale per ridurre le probabilità di un attacco dannoso che utilizzi l'attività Pulizia file manutenzione per eliminare i file. Per eliminare i file nelle sottocartelle di primo livello è necessario selezionare Includi sottocartelle di primo livello.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Elimina i file del tipo seguente

    Specifica il tipo di file da eliminare.

    File di backup

    Elimina i file di backup di database.

    Report in formato testo piano di manutenzione

    Elimina i report in formato testo relativi a piani di manutenzione eseguiti in precedenza.

    Percorso del file

    Specifica il percorso dei file da eliminare.

    Elimina file specifico

    Elimina il file specifico indicato nella casella di testo Nome file.

    Cerca nella cartella ed elimina i file in base all'estensione

    Consente di eliminare tutti i file con l'estensione specificata contenuti nella cartella indicata. Utilizzare questa opzione per eliminare più file contemporaneamente, ad esempio tutti i file di backup con estensione bak contenuti nella cartella specificata.

    Casella Cartella

    Percorso e nome della cartella contenente i file da eliminare.

    Casella Estensione file

    Indica l'estensione dei file da eliminare.

    Casella di controllo Includi sottocartelle di primo livello

    Elimina i file con l'estensione specificata in Estensione file dalle sottocartelle di primo livello nella cartella specificata in Cartella.

    Casella di controllo Elimina i file in base alla data del file al momento dell'esecuzione dell'attività

    Specifica il periodo di memorizzazione minimo trascorso il quale i file verranno eliminati, indicando un numero e un'unità di tempo nella casella Elimina i file con data anteriore a.

    Elimina i file con data anteriore a

    Specificare il periodo di memorizzazione minimo trascorso il quale i file verranno eliminati indicando un numero e un'unità di tempo (Ora/e, Giorno/i, Settimana/e, Mese/i o Anno/i). I file con data anteriore alla data specificata verranno eliminati.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Selezione opzioni report

  • Nella pagina Selezione opzioni report selezionare le opzioni per salvare o distribuire un report delle azioni del piano di manutenzione. In questa attività viene utilizzata l'istruzione EXEC sp_notify_operator. Per ulteriori informazioni, vedere sp_notify_operator (Transact-SQL). Al termine, fare clic su Avanti.

    In questa pagina sono disponibili le opzioni seguenti.

    Casella di controllo Scrivi report in un file di testo

    Salva il report in un file.

    Casella Percorso cartella

    Specifica il percorso del file che conterrà il report.

    Casella di controllo Invia report tramite posta elettronica

    Inviare un messaggio di posta elettronica quando un'attività non viene completata in seguito a un errore. Per utilizzare questa attività l'applicazione Posta elettronica database deve essere abilitata e configurata correttamente con MSDB come database host della posta elettronica ed è necessario disporre di un operatore Microsoft SQL Server Agent con un indirizzo di posta elettronica valido.

    Operatore agente

    Consente di specificare il destinatario del messaggio di posta elettronica.

    Profilo posta

    Specificare il profilo mediante il quale viene definito il mittente del messaggio di posta elettronica.

    Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Completamento procedura guidata

  1. Nella pagina Completamento procedura guidata verificare le scelte effettuate nelle pagine precedenti, quindi scegliere Fine.

  2. Nella pagina Stato Creazione guidata piano di manutenzione monitorare le informazioni di stato sulle azioni della Creazione guidata piano di manutenzione. A seconda delle opzioni selezionate nella procedura guidata, la pagina di stato può contenere una o più azioni. Nella casella superiore viene visualizzato lo stato complessivo della procedura guidata e viene indicato il numero di messaggi di stato, di errore e di avviso restituiti durante l'esecuzione della procedura guidata.

    Nella pagina Stato Creazione guidata piano di manutenzione sono disponibili le opzioni seguenti:

    Dettagli

    Vengono forniti messaggi generici, di azione e di stato restituiti in seguito all'azione eseguita dalla procedura guidata.

    Azione

    Specifica il tipo e il nome di ciascuna azione.

    Stato

    Indica se l'intera azione della procedura guidata ha restituito il valore Esito positivo o Esito negativo.

    Messaggio

    Fornisce gli eventuali messaggi di errore o di avviso restituiti dal processo.

    Report

    Crea un report contenente i risultati della Creazione guidata partizione. Le opzioni sono Visualizza report, Salva report su file, Copia report negli Appunti e Invia report per posta elettronica.

    Visualizza report

    Apre la finestra di dialogo Visualizza report in cui è contenuto un report di testo dello stato della Creazione guidata partizione.

    Salva report su file

    Apre la finestra di dialogo Salva report con nome.

    Copia report negli Appunti

    Copia i risultati del report dello stato della procedura guidata negli Appunti.

    Invia report per posta elettronica

    Copia i risultati del report dello stato della procedura guidata in un messaggio di posta elettronica.

Icona freccia utilizzata con il collegamento Torna all'inizio [Inizio pagina]

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2015 Microsoft