Linee guida e limitazioni per l'utilizzo di raccolte di schemi XML nel server

Esistono alcune limitazioni relative alla convalida del linguaggio XML Schema Definition (XSD) per le colonne SQL che utilizzano il tipo di dati xml. La tabella seguente fornisce informazioni dettagliate su tali limitazioni, nonché alcune linee guida per modificare lo schema XSD in modo che sia supportato da SQL Server. Gli argomenti in questa sezione forniscono informazioni aggiuntive su limiti specifici e indicazioni per il loro utilizzo.

Elemento

Limitazione

minOccurs e maxOccurs

I valori degli attributi minOccurs e maxOccurs devono essere contenibili in valori integer a 4 byte. Gli schemi che non sono conformi vengono rifiutati dal server.

<<xsd:choice>>

SQL Server rifiuta gli schemi che includono una particella <xsd:choice> senza elementi figlio, a meno che la particella non sia definita con un attributo minOccurs di valore pari a zero.

<xsd:include>

Attualmente, SQL Server non supporta questo elemento. Gli schemi XML che includono tale elemento vengono rifiutati dal server.

Per risolvere questo problema, è possibile eseguire la pre-elaborazione degli schemi XML che includono la direttiva <xsd:include> per copiare e unire il contenuto di tutti gli schemi inclusi in un singolo schema da caricare nel server. Per ulteriori informazioni, vedere Strumento di pre-elaborazione per schemi XML.

<xsd:key>, <xsd:keyref>, e <xsd:unique>

Attualmente, SQL Server non supporta questi seguenti vincoli basati su XSD per imporre l'univocità o stabilire chiavi e relativi riferimenti. Non è possibile registrare gli schemi XML che contengono questi elementi.

<xsd:redefine>

SQL Server non supporta questo elemento. Per informazioni su un'altra modalità di aggiornamento degli schemi, vedere Elemento <xsd:redefine>.

Valori <xsd:simpleType>

SQL Server supporta soltanto la precisione in millisecondi per i tipi semplici che hanno componenti secondi diversi rispetto a xs:time e xs:dateTime e una precisione da 100 nanosecondi per xs:time e xs:dateTime. SQL Server pone limiti a tutte le enumerazioni di tipo semplice XSD.

SQL Server non supporta l'utilizzo del valore "NaN" nelle dichiarazioni <xsd:simpleType>.

Per ulteriori informazioni, vedere Valori per dichiarazioni <xsd:simpleType>.

xsi:schemaLocation e xsi:noNamespaceSchemaLocation

SQL Server ignora questi attributi se sono presenti nei dati dell'istanza XML inseriti in una colonna o una variabile con tipo di dati xml.

xs:QName

SQL Server non supporta tipi derivati da xs:QName che utilizzano un elemento di restrizione dello schema XML.

SQL Server non supporta tipi unione con xs:QName come elemento membro.

Per ulteriori informazioni, vedere Xs:Tipo QName .

Aggiunta di membri a un gruppo di sostituzione esistente

Non è possibile aggiungere membri a un gruppo di sostituzione esistente in una raccolta di schemi XML. La restrizione relativa a un gruppo di sostituzione in uno schema XML impone che l'elemento Head e tutti gli elementi membri corrispondenti vengano definiti nella stessa istruzione {CREATE | ALTER} XML SCHEMA COLLECTION.

Forme canoniche e restrizioni di pattern

La rappresentazione canonica di un valore non deve violare la restrizione del pattern per il tipo corrispondente. Per ulteriori informazioni, vedere Forme canoniche e restrizioni di pattern.

Facet di enumerazione

SQL Server non supporta gli schemi XML con tipi che dispongono di facet basati su pattern o di enumerazioni che violano tali facet.

Facet per la lunghezza

I facet length, minLength e maxLength vengono archiviati come tipo long, un tipo a 32 bit. Pertanto, l'intervallo di valori accettabili per tali valori è 2^31.

Attributo ID

Ogni componente dello schema XML può includere un attributo ID. SQL Server applica l'univocità per le dichiarazioni <xsd:attribute> di tipo ID, ma non archivia tali valori. L'ambito di applicazione dell'univocità è l'istruzione {CREATE | ALTER} XML SCHEMA COLLECTION.

Tipo ID

SQL Server non supporta gli elementi di tipo xs:ID, xs:IDREF o xs:IDREFS. Uno schema potrebbe non dichiarare elementi di questo tipo, o elementi derivati dalla restrizione o dall'estensione da questo tipo.

Spazio dei nomi locale

Lo spazio dei nomi locale deve essere specificato in modo esplicito per l'elemento <xsd:any>. SQL Server rifiuta gli schemi che utilizzano una stringa vuota ("") come valore per l'attributo Namespace. SQL Server richiede invece l'utilizzo esplicito di "##local" per indicare un elemento o un attributo non qualificato come istanza del carattere jolly.

Tipo misto e contenuto semplice

SQL Server non supporta la restrizione di un tipo misto in un contenuto semplice. Per ulteriori informazioni, vedere Tipo misto e contenuto semplice.

Tipo NOTATION

SQL Server non supporta il tipo NOTATION.

Condizioni di memoria insufficiente

Durante l'utilizzo di raccolte di schemi XML di grandi dimensioni, può verificarsi una condizione di memoria insufficiente. Per soluzioni a questo problema, vedere Raccolte di schemi XML di grandi dimensioni e condizioni di memoria insufficiente.

Valori ripetuti

SQL Server rifiuta gli schemi in cui il blocco o l'attributo finale include valori ripetuti quali "restriction restriction" ed "extension extension".

Identificatori dei componenti di schema

SQL Server limita gli identificatori dei componenti di schema a una lunghezza massima di 1000 caratteri Unicode. Non vengono inoltre supportate le coppie di caratteri surrogati all'interno degli identificatori.

Informazioni sul fuso orario

In SQL Server 2008, le informazioni sul fuso orario sono supportate pienamente per valori xs:date, xs:timee xs:dateTime per la convalida dello schema XML. Con la modalità di compatibilità con le versioni precedenti SQL Server 2005, le informazioni sul fuso orario sono normalizzate sempre a Coordinated Universal Time (ora di Greenwich). Per gli elementi di tipo dateTime, il server convertirà l'ora fornita in GMT utilizzando il valore di offset ("-05:00") e restituendo l'ora GMT corrispondente.

Tipi unione

SQL Server non supporta restrizioni da tipi unione.

Decimali di precisione delle variabili

SQL Server non supporta decimali di precisione delle variabili. Il tipo xs:decimal rappresenta numeri decimali di precisione arbitraria. I processori XML con conformità minima devono supportare numeri decimali con un minimo di totalDigits=18. SQL Server supporta totalDigits=38,, ma limita le cifre frazionarie a 10. Tutti i valori xs:decimal per i quali viene creata un'istanza vengono rappresentati internamente dal server tramite il tipo numeric SQL (38, 10).

Argomento

Descrizione

Forme canoniche e restrizioni di pattern

Spiegazione delle forme canoniche e delle restrizioni di pattern.

Componenti jolly e convalida del contenuto

Descrizione delle limitazioni dell'utilizzo di Elementi dei caratteri jolly, della convalida lax e dell'anyType con le raccolte di schemi XML.

Elemento <xsd:redefine>

Spiegazione del limite di utilizzo dell'elemento <xsd:redefine> e descrizione di una soluzione alternativa.

Xs:Tipo QName

Descrizione del limite relativo al tipo xs:QName.

Valori per dichiarazioni <xsd:simpleType>

Descrizione delle restrizioni applicate alle dichiarazioni <xsd:simpleType>.

Facet di enumerazione

Descrizione della limitazione relativa ai facet dell'enumerazione.

Tipo misto e contenuto semplice

Descrizione del limite relativo alla restrizione di un tipo misto a un contenuto semplice.

Raccolte di schemi XML di grandi dimensioni e condizioni di memoria insufficiente

Indicazione delle soluzioni per la condizione di memoria insufficiente che qualche volta si verifica con le raccolte di schemi di grandi dimensioni.

Modelli di contenuto non deterministici

Descrizione dei limiti relativi ai modelli di contenuto non deterministici.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra: