Definizione di progetti per il team

Visual SourceSafe non richiede l'utilizzo di criteri specifici per la definizione di progetti. Tuttavia, al fine di garantire che il progetto di Visual SourceSafe sia organizzato in modo accurato e venga eseguito in maniera efficiente, è consigliabile tenere presenti le indicazioni riportate in questa sezione. Quando si è pronti per la creazione di progetti, vedere Procedura: creare un progetto di Visual SourceSafe.

Indicazioni generali per la definizione di progetti

Le seguenti indicazioni sono valide per qualsiasi tipo di progetto di Visual SourceSafe:

  • Impostare ogni cartella esistente nel file system locale come un progetto di Visual SourceSafe. Ogni sottocartella può essere un sottoprogetto. Se ad esempio si archivia del codice in una cartella con tre sottocartelle nel file system locale, creare un progetto con tre sottoprogetti all'interno di Visual SourceSafe.

  • Suddividere i file in modo logico tra progetti e sottoprogetti. Visual SourceSafe consente di gestire un massimo di 8.000 file in un progetto. Se tuttavia si suddividono i progetti di grandi dimensioni in sottoprogetti, i file potranno essere gestiti con più facilità.

  • Non aggiungere uno stesso file a più progetti se si desidera che le modifiche del file vengano implementate nei diversi progetti. La soluzione migliore è quella di condividere il file tra i progetti.

  • Non creare un nuovo progetto se si desidera semplicemente passare a una nuova versione di un progetto. È sufficiente assegnare un'etichetta al progetto per indicare la versione.

  • Quando si definiscono dei sottoprogetti, rispettare il limite consentito di 15 livelli di nidificazione. La nidificazione dei sottoprogetti potrebbe anche essere limitata dalla lunghezza massima della stringa del percorso del progetto, pari a 259 caratteri.

  • Assegnare un nome univoco a tutti i sottoprogetti di un progetto. All'interno di ogni progetto i nomi di file devono essere univoci.

  • Per l'assegnazione dei nomi ai progetti rispettare le convenzioni di denominazione di Visual SourceSafe descritte in Convenzioni di denominazione e di sintassi e limitazioni delle dimensioni. I nomi di file e di progetto non supportano la distinzione tra maiuscole e minuscole. Se ad esempio è presente un file con il nome Test.C, non sarà possibile creare un sottoprogetto o un file con il nome "Test.c" o "test.c" all'interno dello stesso progetto.

Indicazioni per la definizione di progetti per un ambiente di sviluppo

Quando si definiscono progetti per un ambiente di sviluppo software, tenere presenti i seguenti criteri di definizione:

  • Inserire tutti i file necessari per creare un programma in un unico progetto di Visual SourceSafe, inclusi i file di codice, i makefile, le librerie, le immagini bitmap, le librerie di collegamento dinamico e persino i programmi ausiliari.

  • Non archiviare file eseguibili in progetti di Visual SourceSafe a meno che i tempi di generazione non siano lunghi. Evitare di occupare spazio in Visual SourceSafe quando è possibile effettuare su richiesta la compilazione e il collegamento per la generazione di un file eseguibile.

  • Assicurarsi che il progetto contenga esclusivamente l'ultimo codice testato che viene compilato ed eseguito correttamente. Anche se non sempre è possibile, soprattutto all'inizio di un progetto, è in genere consigliabile consentire l'archiviazione in Visual SourceSafe solo di codice che possa essere compilato ed eseguito. Se si adotta questa regola, chiunque potrà leggere un progetto, compilarlo e verificarne lo stato in qualsiasi momento.

  • Archiviare le versioni correnti di file della documentazione, icone, file di grafica e altri file nei progetti di Visual SourceSafe.

  • Nei progetti multiutente evitare che i file rimangano estratti per un periodo di tempo superiore a quello necessario per effettuare e testare le modifiche. Se un file rimane estratto per più giorni, gli altri utenti potrebbero non essere in grado di utilizzare la versione più recente contenente le modifiche apportate.

Vedere anche

Mostra: