Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Il presente articolo è stato tradotto manualmente. Passare il puntatore sulle frasi nell'articolo per visualizzare il testo originale. Ulteriori informazioni.
Traduzione
Originale

Ottimizzazione delle prestazioni dei filtri con parametri con le partizioni pre-calcolate

Le partizioni pre-calcolate consentono di ottimizzare le prestazioni e possono essere utilizzate con le pubblicazioni di tipo merge filtrate. Rappresentano inoltre un requisito per l'utilizzo dei record logici sulle pubblicazioni filtrate. Per ulteriori informazioni sui record logici, vedere Raggruppamento di modifiche alla righe correlate con record logici.

Quando viene eseguita la sincronizzazione tra un Sottoscrittore e un server di pubblicazione, quest'ultimo deve valutare i filtri del Sottoscrittore per stabilire quali righe appartengono alla partizione o al set di dati di tale Sottoscrittore. Questo processo di determinazione dell'appartenenza alla partizione delle modifiche del server di pubblicazione per ogni Sottoscrittore che riceve un set di dati filtrato viene definita valutazione della partizione. In assenza di partizioni pre-calcolate, la valutazione della partizione deve essere eseguita per ogni modifica apportata a una colonna filtrata nel server di pubblicazione dall'ultima esecuzione dell'agente di merge per uno specifico Sottoscrittore e questo processo deve essere ripetuto per ogni Sottoscrittore sincronizzato con il server di pubblicazione.

Se tuttavia il server di pubblicazione e il Sottoscrittore vengono eseguiti su Microsoft SQL Server 2005 o versione successiva e si utilizzano partizioni pre-calcolate, l'appartenenza alla partizione per tutte le modifiche sul server di pubblicazione viene pre-calcolata e mantenuta durante l'inserimento delle modifiche. Di conseguenza, quando un Sottoscrittore viene sincronizzato con il server di pubblicazione, può iniziare immediatamente a scaricare le modifiche relative alla propria partizione senza essere sottoposto al processo di valutazione della partizione. In questo modo è possibile ottenere significativi miglioramenti delle prestazioni quando una pubblicazione presenta un numero elevato di modifiche, Sottoscrittori o articoli.

Oltre a utilizzare partizioni pre-calcolate, creare snapshot preliminari e/o consentire ai Sottoscrittori di richiedere la generazione e l'applicazione di snapshot alla prima sincronizzazione. Utilizzare una o entrambe le opzioni per generare snapshot per le pubblicazioni che utilizzando filtri con parametri. Se non si specifica alcuna opzione, le sottoscrizioni vengono inizializzate tramite una serie di istruzioni SELECT e INSERT, anziché tramite l'utilità bcp. Questo processo risulta decisamente più lento. Per ulteriori informazioni, vedere Snapshot per pubblicazioni di tipo merge con filtri con parametri.

Per utilizzare le partizioni pre-calcolate

Per impostazione predefinita, le partizioni pre-calcolate sono abilitate su tutte le pubblicazioni nuove ed esistenti che rispettano le indicazioni descritte sopra. È possibile modificare l'impostazione mediante SQL Server Management Studio o a livello di programmazione. Per ulteriori informazioni, vedere Ottimizzazione dei filtri di riga con parametri.

Se vengono soddisfatti i requisiti riportati di seguito, per impostazione predefinita le nuove pubblicazioni di tipo merge vengono create con le partizioni pre-calcolate abilitate e quelle esistenti vengono automaticamente aggiornate per l'utilizzo di tale funzionalità. Se una pubblicazione non soddisfa i requisiti, è possibile modificarla e quindi procedere all'abilitazione delle partizioni pre-calcolate. Se solo alcuni articoli soddisfano questi requisiti, provare a creare due pubblicazioni, abilitandone solo una per le partizioni pre-calcolate.

Requisiti per le clausole di filtro

  • Le funzioni utilizzate nei filtri di riga con parametri, quali HOST_NAME() e SUSER_SNAME(), devono essere visualizzate direttamente nella clausola di filtro con parametri e non devono essere nidificate all'interno di una vista o di una funzione dinamica. Per ulteriori informazioni su queste funzioni, vedere HOST_NAME (Transact-SQL), SUSER_SNAME (Transact-SQL) e Filtri di riga con parametri.

  • I valori restituiti per ogni Sottoscrittore non devono essere modificati in seguito alla creazione della partizione. Se, ad esempio, si utilizza HOST_NAME() in un filtro, senza sovrascrivere il valore HOST_NAME(), non modificare il nome del computer nel Sottoscrittore.

  • I filtri join non devono contenere funzioni dinamiche, ovvero funzioni come HOST_NAME() e SUSER_SNAME() che restituiscono un valore diverso a seconda del Sottoscrittore in fase di sincronizzazione. Solo i filtri di riga con parametri devono contenere funzioni dinamiche.

  • Non è possibile utilizzare funzioni non deterministiche in una clausola di filtro. Per ulteriori informazioni sulle funzioni non deterministiche, vedere Funzioni deterministiche e non deterministiche.

  • Le viste a cui viene fatto riferimento nelle clausole relative ai filtri join o ai filtri con parametri non devono contenere funzioni dinamiche.

  • Nella pubblicazione non devono essere presenti relazioni circolari tra filtri join.

Regole di confronto del database

  • Quando si utilizzano partizioni pre-calcolate, per effettuare confronti vengono sempre utilizzate le regole di confronto del database anziché quelle della tabella o della colonna. Si consideri lo scenario seguente:

    • Un database con regole di confronto con distinzione tra maiuscole e minuscole contiene una tabella con regole di confronto per le quali non viene applicata tale distinzione.

    • La tabella contiene la colonna ComputerName, che viene confrontata con il nome host del Sottoscrittore in un filtro con parametri.

    • La tabella contiene una riga con il valore "MYCOMPUTER" e una riga con il valore "mycomputer" in questa colonna.

    Se il Sottoscrittore viene sincronizzato con il nome host "mycomputer", riceverà solo una riga in quanto il confronto supporta la distinzione tra maiuscole e minuscole (le regole di confronto del database). Se le partizioni pre-calcolate non vengono utilizzate, il Sottoscrittore riceverà entrambe le righe, in quanto le regole di confronto della tabella non supportano la distinzione tra maiuscole e minuscole.

Il calo delle prestazioni delle partizioni pre-calcolate è ridotto quando le modifiche vengono caricate dal Sottoscrittore nel server di pubblicazione, ma il tempo per l'elaborazione dei processi merge viene impiegato per la valutazione delle partizioni e il download delle modifiche dal server di pubblicazione al Sottoscrittore e pertanto il guadagno netto può risultare ancora significativo. I vantaggi in termini di prestazioni varieranno a seconda del numero di Sottoscrittori che eseguono contemporaneamente la sincronizzazione e del numero di aggiornamenti per sincronizzazione che comportano lo spostamento delle righe da una partizione all'altra.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2015 Microsoft