Per visualizzare l'articolo in inglese, selezionare la casella di controllo Inglese. È possibile anche visualizzare il testo inglese in una finestra popup posizionando il puntatore del mouse sopra il testo.
Traduzione
Inglese

Esecuzione di test di carico e delle prestazioni Web sulle applicazioni di SharePoint 2010 e 2013

 

I test delle prestazioni Web e i test di carico possono essere utilizzati per verificare le funzionalità, le prestazioni e le capacità di carico delle applicazioni SharePoint. L'inclusione di test delle prestazioni Web e di test di carico per un'applicazione SharePoint può migliorare notevolmente il processo di gestione del ciclo di vita dell'applicazione da parte del team ed è utile se nell'applicazione viene utilizzata una metodologia di recapito continuo.

Per altre informazioni, vedere Test per il recapito continuo con Visual Studio 2012.

  • Test delle prestazioni Web

    I test delle prestazioni Web possono essere registrati e quindi essere eseguiti e analizzati sulle applicazioni SharePoint. Ad esempio, è possibile creare test delle prestazioni Web tramite cui vengono effettuate le operazioni seguenti nell'applicazione SharePoint:

    SharePoint 2010

    • Rendering del sito

    • Operazioni relative alla raccolta documenti

    • Operazioni relative ad attività, calendario e libreria

    • Ricerca contenuto

    • Wiki

    • Personalizzazione di Web part

    • Flussi di lavoro

    • Più operazioni dalla barra multifunzione

    • Riproduzione di test su più siti ed elenchi

    • Office Web Applications (OWA): scenari caricati e scaricati

    • Gestione delle applicazioni dei servizi di metadati e ricerca di colonne negli elenchi e nelle librerie

    • Integrazione di SharePoint ed Excel Services

    • Per InfoPath: è possibile usare il plug-in (strumento) da CodePlex

    SharePoint 2013

    • Tutti gli scenari elencati sopra per SharePoint 2010

    • Social networking

    • Applicazioni SharePoint

  • Test di carico

    Per effettuare test di stress dell'applicazione SharePoint simulando carichi utente elevati, topologie di rete differenti e altre condizioni, è possibile creare test di carico che utilizzano i test delle prestazioni Web di SharePoint.

Altre informazioni

Note

  • Prerequisito I test delle prestazioni Web per le applicazioni SharePoint sono supportati solo con SharePoint 2010 e SharePoint 2013.

  • Prerequisito I test delle prestazioni Web codificati non sono supportati per le applicazioni SharePoint.

    Un test delle prestazioni Web codificato viene in genere creato convertendo in codice un test delle prestazioni Web registrato esistente. Un test Web codificato è una classe .NET che genera una sequenza di WebTestRequests. Può essere programmato utilizzando Visual C# o Visual Basic.

System_CAPS_noteNota

In questa procedura si presuppone che si disponga di un sito di SharePoint 2010 generico, http://SP2010, e di un sito secondario denominato SampleSite. È possibile creare un sito secondario scegliendo Nuovo sito dall'elenco a discesa Azioni sito di SharePoint.

  1. Creare un nuovo progetto di test di carico e prestazioni Web. Nel menu di Visual Studio scegliere File, Nuovo, Progetto. Espandere Visual C# o Visual Basic, quindi scegliere Test. Scegliere Progetto di test di carico e prestazioni Web, quindi OK.

  2. Viene visualizzato l'Editor test prestazioni Web con un test vuoto. Per registrare il test, scegliere il pulsante Aggiungi registrazione.

    Aggiungere una registrazione
  3. Viene visualizzata una nuova finestra vuota del Web browser con il pannello Registrazione test Web a sinistra. Immettere il nome del sito di SharePoint nella barra degli indirizzi del browser. Visual Studio registra ed elenca gli URL nel pannello Registrazione test Web.

    Registrazione test prestazioni Web
  4. Effettuare i passaggi seguenti per spostarsi nel sito secondario SampleSite di SharePoint e aggiungere un nuovo elemento all'elenco di attività del sito:

    1. Scegliere SampleSite nella parte superiore del sito di SharePoint.

      Scegliere SampleSite
    2. Nel menu a sinistra scegliere Attività.

      Scegliere attività

      Viene visualizzata la pagina SampleSite > Attività: Tutte le attività.

    3. Per aggiungere una nuova attività all'elenco, scegliere il collegamento Aggiungi nuovo elemento.

      Aggiungi nuovo elemento

      Viene visualizzata la finestra di dialogo Attività - Nuovo elemento. L'unico campo obbligatorio è Titolo e il valore inserito non è rilevante. Completare le informazioni nella finestra di dialogo e scegliere Salva.

      Creare una nuova attività
    4. Viene nuovamente visualizzata la pagina SampleSite > Attività: Tutte le attività, nella quale è ora elencata la nuova attività aggiunta nel passaggio precedente.

      Nuova attività aggiunta
    5. Per terminare la registrazione, scegliere Interrompi nel pannello Registrazione test Web.

      Viene visualizzata la finestra di dialogo di rilevamento dei parametri dinamici, che indica lo stato del rilevamento. Il completamento dell'operazione dovrebbe richiedere poco tempo.

      Rilevamento di parametri dinamici

      Visual Studio torna all'editor test prestazioni Web in cui viene visualizzato il test prestazioni Web appena creato.

      Editor test prestazioni Web
  5. Per verificare che il test venga eseguito correttamente, visualizzare innanzitutto gli elementi esistenti nell'elenco nel sito SharePoint:

    http://sp2010/SampleSite/Lists/Tasks/AllItems.aspx

  6. Tornare a Visual Studio. Scegliere il pulsante Esegui test nell'editor test prestazioni Web. Il test viene eseguito, effettuando le azioni registrate per aggiungere un nuovo elemento all'elenco attività in SharePoint.

    Eseguire test Web
  7. Scegliere Aggiorna nella finestra del browser contenente il sito di SharePoint. Dovrebbe ora essere visualizzata una nuova attività aggiunta all'elenco.

In alcuni siti Web e applicazioni vengono utilizzati parametri dinamici in una o più richieste Web. Un parametro dinamico è un parametro il cui valore viene generato ogni volta che un utente esegue l'applicazione. Un parametro dinamico può causare errori durante la riproduzione del test delle prestazioni Web perché è probabile che il valore dinamico cambi a ogni esecuzione del test. Non è pertanto possibile riprodurre valori registrati. Un esempio di parametro dinamico è un ID sessione. L'ID sessione cambia, in genere, ogni 5-30 minuti.

I test delle prestazioni Web registrati nei siti SharePoint sono sofisticati a causa della natura dinamica della richiesta e del formato di risposta utilizzati da SharePoint. Anche se la registrazione e la riproduzione dei test delle prestazioni Web funzioneranno su un singolo elemento o sito, è necessario un numero significativo di modifiche ai test delle prestazioni Web perché funzionino in più siti o server di SharePoint. Ogni richiesta a un sito di SharePoint può richiedere oltre 30 singole modifiche per gestire i GUID dinamici e altri aspetti.

Con la registrazione dei test delle prestazioni Web e il motore di riproduzione i tipi più comuni di parametri dinamici vengono gestiti automaticamente:

Oltre al parametro dinamico, Visual Studio effettua le seguenti operazioni sulle registrazioni dei test prestazioni Web per le applicazioni SharePoint:

In SharePoint vengono spesso utilizzati GUID univoci e ogni GUID deve essere gestito come parametro dinamico se si prevede l'esecuzione di questi test in un sito di SharePoint diverso. Ad esempio, in una singola richiesta possono essere presenti 30 o più punti in cui è necessario gestire i GUID dinamici. La situazione viene resa maggiormente complessa dal fatto che i GUID non sono presenti solo nella parte del valore della richiesta post per il form, ma anche in altre parti della richiesta:

  • GUID dinamici per i campi nome post

  • GUID presenti nel valore dei parametri Post per il form

    La complessità è dovuta al fatto che il GUID si trova in un altro parametro dinamico. Visual Studio rileva automaticamente questa condizione e aggiunge nuove regole di estrazione per gestirla.

  • GUID dinamico nel campo _EVENTARGET

  • Sebbene non si tratti di un GUID, offre un esempio di dove si trova il nome del sito in una richiesta che deve essere gestita.

Oltre ai GUID, nel test di SharePoint sono contenuti molti altri valori dinamici che devono essere elaborati, ad esempio i ListID. Visual Studio aggiunge le regole di estrazione necessarie, quindi esegue una ricerca nel test per sostituire tutte le occorrenze.

L'ID viene utilizzato quando si seleziona un elemento da visualizzare, ad esempio quando si visualizza un'attività.

A seconda del caso di utilizzo specifico, è possibile selezionare un elemento casuale anziché quello specifico selezionato durante la registrazione. Per semplificare questa attività, Visual Studio rileva l'ID usando la regola di estrazione per ba9e785e-09e4-4a1d-b0cd-d047a372fba6#UsingValidationExtractionRulesExtractionRules. Se Visual Studio non riesce a trovare l'ID elemento di elenco con la regola di estrazione, viene creato un parametro di contesto per l'ID e la ricerca viene continuata sostituendo tutte le aree in cui viene rilevato l'ID.

Se si desidera utilizzare valori dinamici per gli ID degli elementi, è possibile utilizzare le regole di estrazione per semplificare il processo.

In SharePoint vengono generate molte richieste, alcune delle quali sono inutili. Ad esempio, vengono generate richieste per gli URL memorizzati nella cache non necessari per l'elaborazione delle operazioni principali, come la richiesta di blank.gif. Ciò rende difficile gestire gli script. Se gli obiettivi del test non richiedono tali richieste, come ad esempio nei test della larghezza di banda/WAN, è possibile eliminarle in modo sicuro dal test.

System_CAPS_tipSuggerimento

L'elenco dei filtri delle richieste non necessarie può essere modificato configurando le opzioni per la registrazione dei test delle prestazioni Web di SharePoint.

Per parametrizzare una stringa, è possibile creare parametri di contesto da utilizzare in un test delle prestazioni Web. Ad esempio, è possibile creare un parametro di contesto per un sito Web. Il parametro di contesto consente di modificare in modo rapido il test da un sito a un altro. Visual Studio cerca i nomi dei siti di SharePoint e aggiunge i parametri di contesto per ogni nome di sito rilevato. Inoltre, sostituisce anche tutte le occorrenze del nome del sito nell'URL e in altre aree, quali stringhe di query, post di form o richieste del corpo della stringa, in cui potrebbero essere presenti nomi di siti.

In alcune condizioni il nome del sito viene rilevato, ma è richiesto in un formato con codifica URL. In primo luogo, Visual Studio tenta di abilitare la codifica URL per ridurre al minimo il numero di parametri. Se questa operazione non funziona, verrà aggiunto un altro nome di sito per indicare che al valore deve essere associata una codifica URL. Questa condizione si verifica se si utilizzano spazi o altri caratteri speciali nel nome del sito di SharePoint.

System_CAPS_tipSuggerimento

È possibile configurare le opzioni di Visual Studio per la registrazione dei test delle prestazioni Web di SharePoint per specificare la parametrizzazione dei nomi dei siti.

In molti casi SharePoint restituisce un codice di stato di esito positivo (HTTP 200), ma la richiesta in realtà non riesce. Ciò può indurre a ritenere che il test funzioni correttamente, mentre in realtà non riesce a causa di una condizione di errore. Viene aggiunta una regola di convalida a livello di test Web che facilita la rilevazione di queste condizioni e la segnalazione delle richieste non riuscite.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo delle regole di convalida, vedere Verifica del corretto funzionamento dell'applicazione SharePoint convalidando i dati tramite le regole di convalida in questo argomento.

System_CAPS_tipSuggerimento

È possibile configurare le opzioni di Visual Studio per la registrazione dei test delle prestazioni Web di SharePoint in modo da includere la convalida globale per gli errori.

In alcuni casi, in SharePoint 2010 vengono richiesti valori di intestazione specifici, come x-requestdigest. Se questi valori non sono presenti, una richiesta ha esito negativo a causa della sicurezza o di altri errori. Visual Studio consente di registrare queste intestazioni e creare regole di estrazione per aggiornare dinamicamente questi valori.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo delle regole di estrazione, vedere Verifica del corretto funzionamento dell'applicazione SharePoint estraendo dati dalle richieste Web tramite le regole di estrazione in questo argomento.

  1. Dal menu di Visual Studio scegliere STRUMENTI, quindi Opzioni.

  2. Espandere Strumenti di test prestazioni Web, quindi Test Web e scegliere SharePoint.

Opzioni di Visual Studio per test Web in SharePoint

Aprendo la finestra di dialogo delle opzioni di Visual Studio, è possibile configurare le seguenti opzioni per i test prestazioni Web nelle applicazioni SharePoint:

  1. Abilitare o disabilitare i test delle prestazioni Web e di carico per le applicazioni SharePoint.

  2. Filtrare le richieste che l'utente o il team potrebbe considerare inutili nel test in base ai criteri specificati. Per facilitare l'eliminazione delle richieste non necessarie, i criteri e i modelli URL seguenti vengono filtrati per impostazione predefinita. Se il team deve includere uno di questi modelli nei test, è possibile rimuoverli dall'elenco.

    Filtri predefiniti

    Criteri URL

    Modello URL

    Termina con

    Blank.gif

    Termina con

    Blank.htm

    Termina con

    ScriptResx.ashx

    Termina con

    Commandui.ashx

  3. L'utente o il team può parametrizzare il nome del sito tramite un parametro di contesto. Con i parametri di contesto è possibile parametrizzare una stringa in un test delle prestazioni Web e utilizzandoli in questa opzione di configurazione è possibile passare rapidamente il test da un sito all'altro. Per impostazione predefinita, il parametro di contesto è "SiteName".

  4. Applicare una regola di convalida globale per i modelli di errore comuni. In questo modo sarà più facile rilevare se l'errore si è verificato nella risposta confermando che il testo immesso per ErrorPattern è presente nella risposta HTTP dal server SharePoint. È possibile immettere più modelli di errore in ErrorPattern separandoli con un punto e virgola (;). Se una o più stringhe immesse per ErrorPattern sono presenti nella risposta, il test delle prestazioni Web rileverà che si è verificato un errore nella risposta HTTP e avrà esito negativo. Per impostazione predefinita ErrorPattern contiene le stringhe di errore seguenti: \[{"Error":[^n];"SharepointError";"HasException":true. Queste stringhe di errore predefinite possono essere rimosse o essere modificate in base alle esigenze del team.

  5. Le stringhe di errore possono eventualmente essere immesse come espressioni regolari.

Le regole di convalida aiutano a verificare che l'applicazione SharePoint stia funzionando correttamente, convalidando l'esistenza di testo, tag o attributi nella pagina restituita da una richiesta Web. Con le regole di convalida è inoltre possibile verificare il tempo richiesto per il completamento di una richiesta, nonché l'esistenza di campi form e dei relativi valori.

Per un elenco delle regole di convalida, incluse quelle utilizzate per le applicazioni di SharePoint, vedere la pagina relativa alle ba9e785e-09e4-4a1d-b0cd-d047a372fba6#UsingValidationExtractionRulesValidationRules.

Le regole di estrazione aiutano a verificare che l'applicazione SharePoint stia funzionando correttamente, estraendo dati dalle risposte alle richieste Web. I risultati vengono archiviati nel contesto dei test come coppie di nome e valore. Le estrazioni possono essere eseguite da campi, testo, attributi, intestazioni, espressioni regolari e campi nascosti.

Per un elenco delle regole di estrazione per SharePoint, vedere la pagina relativa alle ba9e785e-09e4-4a1d-b0cd-d047a372fba6#UsingValidationExtractionRulesSharePointExtractionRules.

Dopo avere creato i test delle prestazioni Web per l'applicazione SharePoint, è possibile creare i test di carico per testare le prestazioni e le capacità di carico dell'applicazione. Per creare un test di carico è necessario utilizzare la Creazione guidata test di carico. Quando si utilizza la procedura guidata, è possibile configurare la modalità di test delle prestazioni e delle capacità di carico dell'applicazione SharePoint.

Creazione di un test di carico con la procedura guidata

In Esplora soluzioni, aprire il menu di scelta rapida del nodo del progetto di test di carico e prestazioni Web, scegliere Aggiungi, quindi scegliere Test di carico.

La procedura guidata fornisce opzioni di configurazione per il nuovo test di carico tra cui:

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep2_1: il numero di utenti virtuali attivi durante il test di carico e la frequenza con la quale vengono aggiunti durante il test.

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep2_2: la probabilità che un utente virtuale esegua un determinato test in uno scenario di test di carico.

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep2_3: la combinazione di test delle prestazioni Web, unit test e test codificati dell'interfaccia utente inclusi nel test di carico.

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep2_4: tipi di rete utilizzati nel test. Ad esempio, LAN e connessione remota a 56 Kbps.

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep2_5: i tipi di Web browser utilizzati nel test di carico. Ad esempio, Windows Internet Explorer 9 e Windows Internet Explorer 10.

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep3: si tratta di un insieme di contatori delle prestazioni del sistema, utili da monitorare durante un test di carico. Gli insiemi di contatori sono organizzati in base alla tecnologia, ad esempio sono disponibili insiemi di contatori ASP.NET o SQL.

    System_CAPS_noteNota

    Gli insiemi di contatori di prestazioni predefiniti utilizzati con i test di carico non sono disponibili per SharePoint.

  • 2e93860a-a67a-43a2-9b0a-5ec65ca6e7a7#CreatingLoadTestsUsingWizardStep4: le impostazioni di esecuzione test determinano le proprietà dei test di carico quali la durata del test, la durata del riscaldamento, il numero massimo di dettagli sugli errori segnalati e la frequenza di campionamento.

I test di carico vengono eseguiti dall'Editor test di carico o dal menu TEST DI CARICO.

Eseguire test di carico

Con il Visualizzatore risultati test prestazioni Web è possibile visualizzare i dettagli di ogni richiesta presente nel test delle prestazioni Web e la risposta risultante. In questo visualizzatore viene utilizzata una visualizzazione struttura ad albero per visualizzare le richieste e tutte le richieste dipendenti annidate sotto la richiesta di primo livello. Nella struttura ad albero sono anche visualizzati i reindirizzamenti di pagina.

Analizzatore test di carico è lo strumento per individuare colli di bottiglia, identificare errori e misurare i miglioramenti dell'applicazione. È possibile analizzare risultati del test di carico tramite l'analizzatore test di carico nei modi seguenti:

  • Monitorare un test di carico mentre è in esecuzione.

  • Analizzare un test di carico dopo che è stato completato.

  • Visualizzare i risultati di un test di carico precedente.

System_CAPS_warningAvviso

I test delle prestazioni Web codificati non sono supportati per le applicazioni SharePoint.

Questa operazione ha esito negativo perché è in corso di creazione un nuovo sito per l'area di lavoro e SharePoint cerca di creare un sito con lo stesso nome durante il rilevamento dei parametri dinamici.

Soluzione alternativa: aggiornare i riferimenti al titolo della riunione nei parametri Post dei form delle richieste Web di creazione della riunione e dell'area di lavoro riunioni in modo da utilizzare il titolo univoco della riunione ogni volta che si riproduce il test delle prestazioni Web. Dato che un nuovo sito viene creato utilizzando il titolo della riunione, il titolo deve essere univoco. In caso contrario, la richiesta di creazione dell'area di lavoro ha esito negativo.

Soluzione alternativa: se il test delle prestazioni Web di caricamento di documenti viene aggiunto in una cartella separata, specificare in modo esplicito lo stesso documento come elemento di distribuzione nelle impostazioni di test.

-oppure-

Creare il test delle prestazioni Web al livello radice del progetto di test di carico e prestazioni Web anziché crearlo in una cartella separata.

Se si registra un test delle prestazioni Web tramite cui viene eliminato un documento, un'attività o un appuntamento del calendario e si tenta di eseguire il test, quest'ultimo avrà esito negativo poiché il documento, l'attività o l'appuntamento corrispondenti sono già stati eliminati.

Soluzione alternativa: utilizzare la regola di estrazione SharePoint2010.FindListItems per estrarre il GUID dell'elemento dell'elenco desiderato in un parametro di contesto. È possibile filtrare la selezione in base al nome e al numero di indice del titolo. Passare questo parametro nella successiva richiesta Elimina.

-oppure-

Predisporre un plug-in richieste per estrarre il GUID dell'elemento desiderato dalla risposta della richiesta precedente, quindi passarlo alla richiesta di eliminazione.

Mostra: