Questa pagina è stata utile?
I suggerimenti relativi al contenuto di questa pagina sono importanti. Comunicaceli.
Altri suggerimenti?
1500 caratteri rimanenti
Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Continuità aziendale del database SQL di Azure

Aggiornamento: febbraio 2015

Per continuità aziendale si intende la capacità di continuare le operazioni aziendali quando si verifica una situazione di crisi o di emergenza. La pianificazione della continuità aziendale richiede la definizione di processi, procedure e misure che garantiscano la continuità delle operazioni aziendali senza interruzioni. Questo argomento illustra le funzionalità del database SQL di Azure per la continuità aziendale e il ripristino di emergenza.

Archiviando i dati nel database SQL di Azure si usufruisce di numerose funzionalità di tolleranza di errore e di infrastruttura sicura che in caso contrario sarebbe necessario progettare, acquisire, implementare e gestire. Nel database SQL di Azure è disponibile un sottosistema integrato a disponibilità elevata che protegge il database da errori di singoli server e dispositivi all'interno di un data center. Il database SQL di Azure mantiene più copie di tutti i dati in nodi fisici diversi situati in sottosistemi fisici completamente indipendenti, per ridurre le interruzioni dovute a errori di singoli dispositivi quali dischi rigidi, schede di interfaccia di rete o addirittura interi server. In ogni momento sono in esecuzione tre repliche di database, la replica primaria e due o più repliche secondarie. I dati vengono scritti nella replica primaria e in una replica secondaria usando uno schema di commit basato su quorum prima che il commit della transazione venga considerato completato. In caso di errore hardware nella replica primaria, il database SQL di Azure rileva tale errore ed esegue il failover sulla replica secondaria. In caso di perdita fisica di una replica, viene creata automaticamente una nuova replica. Pertanto, nel data center sono sempre presenti almeno due copie fisiche dei dati coerenti a livello di transazioni.

Oltre ai sistemi integrati per la disponibilità elevata dei database, il database SQL di Azure offre funzionalità aggiuntive per la continuità aziendale.

 

  Basic Standard Premium

Ripristino temporizzato

Qualsiasi punto di ripristino negli ultimi 7 giorni

Qualsiasi punto di ripristino negli ultimi 14 giorni

Qualsiasi punto di ripristino negli ultimi 35 giorni

Ripristino a livello geografico

RTO* < 24 ore

RPO† < 24 ore

RTO* < 24 ore

RPO†< 24 ore

RTO* < 24 ore

RPO† < 24 ore

Replica geografica standard

Non incluso

RTO* < 2 ore

RPO† < 30 minuti

RTO* < 2 ore

RPO† < 30 minuti

Replica geografica attiva

Non incluso

Non incluso

RTO* < 1 ora

RPO† < 5 minuti

* Obiettivo tempo di ripristino (RTO, Recovery Time Objective) - Tempo di inattività massimo prima che l'applicazione torni pienamente funzionante dopo un errore.

† Obiettivo punto di ripristino (RPO, RECOVERY POINT OBJECTIVE) (RPO) - Quantità massima delle ultime modifiche ai dati (intervallo di tempo) che l'applicazione può perdere prima di tornare pienamente funzionante dopo un errore.

Il ripristino temporizzato è l'opzione di ripristino più semplice, automaticamente disponibile con i database Basic, Standard e Premium. Il ripristino temporizzato consente di riportare il database a un punto precedente nel tempo. È possibile tornare indietro di 7 giorni con il database Basic, 14 giorni con il database Standard e 35 giorni con il Premium. Per altre informazioni, vedere Backup e ripristino del database SQL di Azure e il blog sul ripristino temporizzato del database SQL di Azure. Per scoprire quanto è semplice usare questa funzionalità, guardare il video sul ripristino temporizzato di un database SQL.

Il ripristino a livello geografico è simile al ripristino temporizzato. Anche questa funzionalità è automaticamente disponibile con i database Basic, Standard e Premium. Il ripristino a livello geografico, tuttavia, è progettato come opzione di ripristino di base quando un database non è disponibile a causa di un'interruzione o un evento imprevisto su larga scala nell'area in cui è ospitato. La funzionalità usa l'archiviazione con ridondanza geografica e accesso in lettura di Azure per archiviare il backup giornaliero più recente dei database utente in una posizione geografica diversa. Considerare il ripristino a livello geografico come soluzione di ripristino di emergenza di base se l'applicazione può tollerare fino a 24 ore di inattività e perdita di dati. Per altre informazioni, leggere il blog sul ripristino a livello geografico del database SQL di Azure e guardare il video su come ripristinare un database SQL mediante il ripristino a livello geografico.

La replica geografica standard è disponibile per i database Standard e Premium. È progettata per le applicazioni con un utilizzo meno elevato della scrittura, ma che comunque elaborano volumi elevati di dati e hanno requisiti di ripristino più stringenti rispetto a quanto può offrire il ripristino a livello geografico. In caso di problemi nel database primario, questo viene visualizzato come danneggiato ed è possibile avviare il failover su un database secondario non leggibile archiviato in un'area diversa. Per altre informazioni, vedere Replica geografica standard per Database SQL di Azure e il blog sulla replica geografica standard del database SQL di Azure, che contiene un confronto completo tra replica geografica standard e la replica geografica attiva.

La replica geografica attiva è disponibile per i database Premium. È progettata per le applicazioni con un utilizzo elevato della scrittura e con i requisiti di ripristino più stringenti. Usando la replica geografica attiva è possibile creare fino a quattro database secondari leggibili in aree diverse. Questi database secondari vengono gestiti come copie continue del database primario ed è possibile avviare il failover su un database secondario come nella replica geografica standard. La replica geografica attiva offre il massimo grado di resilienza ai problemi di connettività temporanei e alla latenza elevata, può quindi supportare scenari di rilocazione o aggiornamento online delle applicazioni, nonché il bilanciamento del carico per i carichi di lavoro di sola lettura. Per altre informazioni, vedere Replica geografica attiva per il database SQL di Azure e il blog di approfondimento sulla replica geografica attiva del database SQL.

  • La funzionalità di copia del database consente di creare una copia di un database nello stesso server o in un server diverso nella stessa area o in aree diverse. Al termine dell'operazione di copia del database, la copia è coerente a livello di transazioni con l'origine. Si tratta comunque di una copia singola, che non viene replicata continuamente dall'origine. Questa funzionalità può essere usata per la migrazione dei dati o per esigenze di copia ad hoc. Per altre informazioni, vedere Copia di database nel database SQL di Azure.

  • Il servizio di importazione ed esportazione consente di esportare manualmente o automaticamente un file BACPAC che contiene una copia logica dei dati e dello schema di un database e quindi di importare il file per ripristinare il database. Usare l'importazione ed esportazione per i database Web e Business, che non supportano altre funzionalità per la continuità aziendale, oppure in aggiunta ad altre funzionalità per la continuità aziendale per l'archiviazione a lungo termine dei backup giornalieri o per conservare i backup oltre il periodo di conservazione per il ripristino temporizzato. Per altre informazioni, vedere Procedura: Usare il servizio di importazione ed esportazione nel database SQL di Azure

Microsoft sta conducendo un sondaggio in linea per comprendere l'opinione degli utenti in merito al sito Web di MSDN. Se si sceglie di partecipare, quando si lascia il sito Web di MSDN verrà visualizzato il sondaggio in linea.

Si desidera partecipare?
Mostra:
© 2015 Microsoft