Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Set Queue Service Properties

Aggiornamento: novembre 2014

Tramite l'operazione Set Queue Service Properties vengono impostate le proprietà per l'endpoint del servizio di accodamento di un account di archiviazione, incluse le proprietà per le regole Analisi archiviazione e CORS (Cross-Origin Resource Sharing, condivisione delle risorse multiorigine). Per altre informazioni sulle regole CORS, vedere Supporto della condivisione delle risorse tra le origini (CORS) per i servizi di archiviazione Azure.

La richiesta di Set Queue Service Properties può essere specificata come indicato di seguito. HTTPS is recommended. Sostituire <account-name> con il nome dell'account di archiviazione:

 

Metodo URI richiesta Versione HTTP

PUT

https://<account-name>.queue.core.windows.net/?restype=service&comp=properties

HTTP/1.1

Si noti che l'URI deve sempre includere la barra (/) per separare il nome host dal percorso e dalle parti di una query dell'URI. Nel caso di questa operazione, la parte del percorso dell'URI è vuota.

 

Parametro Descrizione

restype=service&comp=properties

Obbligatorio. La combinazione di entrambe le stringhe di query è necessaria per impostare le proprietà del servizio di archiviazione.

timeout

Facoltativo. Il parametro timeout viene espresso in secondi. Per altre informazioni, vedere Impostazione di timeout per le operazioni del servizio di accodamento.

Nella tabella seguente vengono descritte le intestazioni di richiesta obbligatorie e facoltative.

 

Intestazione della richiesta Descrizione

Authorization

Obbligatorio. Specifica lo schema di autenticazione, il nome dell'account di archiviazione e la firma. Per altre informazioni, vedere Autenticazione per i servizi di archiviazione di Azure.

Date oppure x-ms-date

Obbligatorio. Specifica l'ora UTC (Coordinated Universal Time) per la richiesta. Per altre informazioni, vedere Autenticazione per i servizi di archiviazione di Azure.

x-ms-version

Obbligatoria per tutte le richieste autenticate. Specifica la versione dell'operazione da usare per questa richiesta. Per altre informazioni, vedere Controllo delle versioni per i servizi Blob, di accodamento e tabelle in Windows Azure.

x-ms-client-request-id

Facoltativo. Fornisce un valore opaco generato dal client con un limite di caratteri di 1 KB che viene registrato nei log di analisi quando la registrazione di Analisi archiviazione è abilitata. L'uso di questa intestazione è consigliato per la correlazione tra le attività sul lato client e le richieste ricevute dal server. Per altre informazioni vedere Informazioni sulla registrazione di Analisi archiviazione e l'articolo relativo all'uso di log per tenere traccia delle richiesta di archiviazione nella registrazione di Azure.

Per la versione 2012-02-12 e precedenti, il formato del corpo della richiesta è il seguente:

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <StorageServiceProperties>     <Logging>         <Version>version-number</Version>         <Delete>true|false</Delete>         <Read>true|false</Read>         <Write>true|false</Write>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true|false</Enabled>             <Days>number-of-days</Days>         </RetentionPolicy>     </Logging>     <Metrics>         <Version>version-number</Version>         <Enabled>true|false</Enabled>         <IncludeAPIs>true|false</IncludeAPIs>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true|false</Enabled>             <Days>number-of-days</Days>         </RetentionPolicy>     </Metrics> </StorageServiceProperties>

Per la versione 2013-08-15 e successive, il formato del corpo della richiesta è il seguente:

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <StorageServiceProperties>     <Logging>         <Version>version-number</Version>         <Delete>true|false</Delete>         <Read>true|false</Read>         <Write>true|false</Write>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true|false</Enabled>             <Days>number-of-days</Days>         </RetentionPolicy>     </Logging>     <HourMetrics>         <Version>version-number</Version>         <Enabled>true|false</Enabled>         <IncludeAPIs>true|false</IncludeAPIs>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true|false</Enabled>             <Days>number-of-days</Days>         </RetentionPolicy>     </HourMetrics>     <MinuteMetrics>         <Version>version-number</Version>         <Enabled>true|false</Enabled>         <IncludeAPIs>true|false</IncludeAPIs>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true|false</Enabled>             <Days>number-of-days</Days>         </RetentionPolicy>     </MinuteMetrics>     <Cors>         <CorsRule>             <AllowedOrigins>comma-separated-list-of-allowed-origins</AllowedOrigins>             <AllowedMethods>comma-separated-list-of-HTTP-verb</AllowedMethods>             <MaxAgeInSeconds>max-caching-age-in-seconds</MaxAgeInSeconds>             <ExposedHeaders>comma-seperated-list-of-response-headers</ExposedHeaders>             <AllowedHeaders> comma-seperated-list-of-request-headers </AllowedHeaders>         </CorsRule>     </Cors> </StorageServiceProperties>

A partire dalla versione 2013-08-15, è possibile chiamare Set Queue Service Properties con uno o più elementi radice specificati nel corpo della richiesta. Gli elementi radice includono:

  • Registrazione

  • HourMetrics

  • MinuteMetrics

  • Cors

Non è più necessario specificare ogni elemento radice nella richiesta. Se si omette un elemento radice, vengono mantenute le impostazioni esistenti per il servizio associato alla funzionalità. Se invece si specifica un determinato elemento radice, è necessario specificare ogni elemento figlio di quell'elemento.

Nella tabella seguente vengono descritti gli elementi del corpo della richiesta:

 

Nome elemento Descrizione

Registrazione

Facoltativo a partire dalla versione 2013-08-15. Obbligatorio per le versioni precedenti. Raggruppa le impostazioni dell'elemento Logging di Analisi di Azure.

Metrics

Obbligatorio per la versione 2012-02-12 e precedenti. Non applicabile alla versione 2013-08-15 o a versioni successive. Raggruppa le impostazioni dell'elemento Metrics di Analisi di Azure. Le impostazioni dell'elemento Metrics forniscono un riepilogo delle statistiche sulle richieste raggruppate per API nelle aggregazioni orarie per le code.

HourMetrics

Facoltativo per la versione 2013-08-15 o versioni successive; non applicabile alle versioni precedenti. Raggruppa le impostazioni dell'elemento HourMetrics di Analisi di Azure. Le impostazioni dell'elemento HourMetrics forniscono un riepilogo delle statistiche sulle richieste raggruppate per API nelle aggregazioni orarie per le code.

MinuteMetrics

Facoltativo per la versione 2013-08-15 o versioni successive; non applicabile alle versioni precedenti. Raggruppa le impostazioni dell'elemento MinuteMetrics di Analisi di Azure. Il pacchetto MinuteMetrics forniscono statistiche sulle richieste per ogni minuto per le code. Per le versioni precedenti alla 2013-08-15, l'elemento MinuteMetrics non è incluso nel corpo della risposta.

Version

Obbligatorio se le impostazioni Registrazione, Metrica, HourMetricso MinuteMetrics sono specificate. Versione di Analisi archiviazione da configurare.

Eliminazione

Obbligatorio se le impostazioni Registrazione, Metrica, HourMetricso MinuteMetrics sono specificate. Si applica solo alla configurazione della registrazione. Indica se tutte le richieste di eliminazione devono essere registrate.

Lettura

Obbligatorio se le impostazioni Registrazione, Metrica, HourMetricso MinuteMetrics sono specificate. Si applica solo alla configurazione della registrazione. Indica se tutte le richieste di lettura devono essere registrate.

Monitoraggio

Obbligatorio se le impostazioni Registrazione, Metrica, HourMetricso MinuteMetrics sono specificate. Si applica solo alla configurazione della registrazione. Indica se tutte le richieste di scrittura devono essere registrate.

Abilitato

Obbligatorio. Indica se le metriche sono abilitate per il servizio di accodamento.

Se la replica geograficamente ridondante con accesso in lettura è abilitata, verranno raccolte sia le metriche primarie sia secondarie. Se la replica geograficamente ridondante con accesso in lettura non è abilitata, verranno raccolte solo le metriche primarie.

IncludeAPIs

Obbligatorio solo se le metriche sono abilitate. Si applica solo alla configurazione della metrica. Indica se la metrica deve generare le statistiche di riepilogo per le operazioni API chiamate.

RetentionPolicy/Enabled

Obbligatorio. Indica se i criteri di conservazione sono abilitati per il servizio di archiviazione.

RetentionPolicy/Days

Obbligatorio solo se i criteri di conservazione sono abilitati. Indica il numero di giorni per cui devono essere conservati i dati di registrazione e di metrica. Tutti i dati che precedono questo valore verranno eliminati. Il valore minimo che è possibile specificare è 1, il valore massimo è 365 (un anno).

Cors

Facoltativo. L'elemento Cors è supportato per la versione 2013-08-15 o versioni successive. Raggruppa tutte le regole CORS.

L'omissione di questo gruppo di elementi non comporta la sovrascrittura delle impostazioni CORS esistenti.

CorsRule

Facoltativo. Specifica una regola CORS per il servizio di accodamento. È possibile includere fino a cinque elementi CorsRule nella richiesta. Se non sono inclusi elementi CorsRule nel corpo della richiesta, tutte le regole CORS verranno eliminate e la condivisione delle risorse tra le origini verrà disabilitata per il Servizio di accodamento.

AllowedOrigins

Obbligatorio se l'elemento CorsRule è presente. Elenco separato da virgole dei domini di origine che saranno consentiti tramite CORS o "*" per consentire tutti i domini. Limitato a 64 domini di origine. Ogni origine consentita può contenere fino a 256 caratteri.

ExposedHeaders

Obbligatorio se l'elemento CorsRule è presente. Elenco separato da virgole delle intestazioni delle risposte da esporre ai client CORS. Limitato a 64 intestazioni definite e a due intestazioni con prefisso. Ogni intestazione può contenere fino a 256 caratteri.

MaxAgeInSeconds

Obbligatorio se l'elemento CorsRule è presente. Numero di secondi durante i quali il client/browser deve memorizzare nella cache una risposta preliminare.

AllowedHeaders

Obbligatorio se l'elemento CorsRule esiste. Elenco separato da virgole delle intestazioni che possono far parte della richiesta multiorigine. Limitato a 64 intestazioni definite e a due intestazioni con prefisso. Ogni intestazione può contenere fino a 256 caratteri.

AllowedMethods

Obbligatorio se l'elemento CorsRule esiste. Elenco separato da virgole dei metodi HTTP che possono essere eseguiti dall'origine. Per il servizio di archiviazione di Azure, i metodi consentiti sono DELETE, GET, HEAD, MERGE, POST, OPTIONS o PUT.

Nella risposta sono inclusi un codice di stato HTTP e un set di intestazioni per la risposta.

Un'operazione completata correttamente restituisce il codice di stato 202 (Accettato).

Per informazioni sui codici di stato, vedere Codici di stato e di errore relativi alla gestione dei servizi.

Nella risposta per questa operazione sono incluse le intestazioni riportate di seguito; inoltre, possono essere incluse intestazioni HTTP standard aggiuntive. Tutte le intestazioni standard sono conformi alla specifica del protocollo HTTP/1.1.

 

Intestazione della risposta Descrizione

x-ms-request-id

Valore che identifica in modo univoco una richiesta effettuata nel servizio.

x-ms-version

Specifica la versione dell'operazione utilizzata per la risposta. Per altre informazioni, vedere Controllo delle versioni per i servizi Blob, di accodamento e tabelle in Windows Azure.

Solo il proprietario dell'account può chiamare questa operazione.

Le restrizioni e limitazioni seguenti si applicano unicamente alle regole CORS nel servizio di archiviazione di Azure:

  • È possibile archiviare un massimo di cinque regole.

  • Le dimensioni massime di tutte le impostazioni delle regole CORS nella richiesta, esclusi i tag XML, non devono superare 2 KB.

  • La lunghezza di un'intestazione consentita, di un'intestazione esposta o di un'origine consentita non deve superare 256 caratteri.

  • Le intestazioni consentite e quelle esposte possono essere:

    • Intestazioni letterali, per cui viene fornito il nome esatto dell'intestazione, ad esempio x-ms-meta-processed. È possibile specificare nella richiesta un massimo di 64 intestazioni letterali.

    • Intestazioni con prefisso, per cui viene fornito un prefisso dell'intestazione, ad esempio x-ms-meta-data *. Specificando un prefisso in questo modo si consente o si espone qualsiasi intestazione che inizia con il prefisso specificato. È possibile specificare nella richiesta un massimo di due intestazioni con prefisso.

  • I metodi (o verbi HTTP) specificati nell'elemento AllowedMethods devono essere conformi ai metodi supportati dalle API del servizio di archiviazione di Azure. I metodi supportati sono DELETE, GET, HEAD, MERGE, POST, OPTIONS e PUT.

L'impostazione di regole CORS nella richiesta è facoltativa. Se si chiama Set Queue Service Properties senza specificare l'elemento Cors nel corpo della richiesta, le eventuali regole CORS esistenti vengono mantenute.

Per disabilitare la condivisione delle risorse tra le origini, chiamare Set Queue Service Properties con le impostazioni delle regole CORS vuote,ovvero,</Cors>, e nessuna regola CORS interna. Con questa chiamata si eliminano tutte le regole esistenti e si disabilita CORS per il servizio di accodamento.

Tutti gli elementi delle regole CORS sono necessari se l'elemento CorsRule è specificato. La richiesta avrà esito negativo con il codice di errore 400 (Bad Request) se manca uno o più degli elementi.

A partire dalla versione 2013-08-15, gli elementi delle impostazioni XML sono facoltativi, pertanto è possibile aggiornare un elemento specifico inviando codice XML che contenga unicamente l'elemento aggiornato. Le altre impostazioni non saranno interessate.

Per informazioni dettagliate sulle regole CORS e sulla logica di valutazione, vedere Supporto della condivisione delle risorse tra le origini (CORS) per i servizi di archiviazione Azure.

L'URI di esempio seguente consente di effettuare una richiesta per modificare le proprietà del Servizio di accodamento per l'account di archiviazione fittizio denominato myaccount:

PUT https://myaccount.queue.core.windows.net/?restype=service&comp=properties HTTP/1.1

La richiesta viene inviata con le intestazioni seguenti:

x-ms-version: 2013-08-15 x-ms-date: Wed, 23 Oct 2013 04:28:19 GMT Authorization: SharedKey myaccount:Z1lTLDwtq5o1UYQluucdsXk6/iB7YxEu0m6VofAEkUE= Host: myaccount.queue.core.windows.net

La richiesta viene inviata con il corpo XML seguente:

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <StorageServiceProperties>     <Logging>         <Version>1.0</Version>         <Delete>true</Delete>         <Read>false</Read>         <Write>true</Write>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true</Enabled>             <Days>7</Days>         </RetentionPolicy>     </Logging>     <HourMetrics>         <Version>1.0</Version>         <Enabled>true</Enabled>         <IncludeAPIs>false</IncludeAPIs>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true</Enabled>             <Days>7</Days>         </RetentionPolicy>     </HourMetrics>     <MinuteMetrics>         <Version>version-number</Version>         <Enabled>true|false</Enabled>         <IncludeAPIs>true|false</IncludeAPIs>         <RetentionPolicy>             <Enabled>true|false</Enabled>             <Days>number-of-days</Days>         </RetentionPolicy>     </MinuteMetrics>     <Cors>         <CorsRule>             <AllowedOrigins> http://www.fabrikam.com,http://www.contoso.com</AllowedOrigins>             <AllowedMethods>GET,PUT</AllowedMethods>             <MaxAgeInSeconds>500</MaxAgeInSeconds>             <ExposedHeaders>x-ms-meta-data*,x-ms-meta-customheader</ExposedHeaders>             <AllowedHeaders>x-ms-meta-target*,x-ms-meta-customheader</AllowedHeaders>         </CorsRule>     </Cors> </StorageServiceProperties>  

Dopo l'invio della richiesta viene restituita la risposta seguente:

HTTP/1.1 202 Accepted Connection: Keep-Alive Transfer-Encoding: chunked Date: Wed, 23 Oct 2013 04:28:20 GMT Server: Windows-Azure-Queue/1.0 Microsoft-HTTPAPI/2.0 x-ms-request-id: cb939a31-0cc6-49bb-9fe5-3327691f2a30 x-ms-version: 2013-08-15 

Vedere anche

Microsoft sta conducendo un sondaggio in linea per comprendere l'opinione degli utenti in merito al sito Web di MSDN. Se si sceglie di partecipare, quando si lascia il sito Web di MSDN verrà visualizzato il sondaggio in linea.

Si desidera partecipare?
Mostra:
© 2015 Microsoft