Glossario

Di seguito sono descritti i termini relativi ai concetti e alle funzionalità di Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server.

 

Termine

Definizione

attività

Unità di comportamento di programma in Windows Workflow Foundation. È possibile integrare singole attività in attività più complesse.

dati dell'attività

Dati dell'attività sono generati dall'esecuzione di un'attività all'interno di un'applicazione nell'ambito di un transazione aziendale. I dati dell'attività sono caratterizzati da un modello di accesso di scrittura esclusivo.

applicazione

Applicazione Web costituita da un gruppo di componenti strettamente correlati, quali pagine Web ASP.NET, servizi Web WCF e flussi di lavoro in esecuzione in un domino di applicazioni .NET. L'applicazione è un'unità di distribuzione, configurazione e gestione.

porta di arbitraggio

Porta TCP/IP utilizzata dagli host della cache per stabilire se un host della cache nel cluster non è più disponibile. È possibile che il numero di porta utilizzato per l'arbitraggio sia diverso per ciascun host della cache.

avvio automatico

Funzionalità di AppFabric che consente al servizio WCF o WF l'avvio automatico durante della creazione o durante l'avvio di IIS.

comportamento

Componente che controlla diversi aspetti di runtime di un servizio, un endpoint, una particolare operazione o un client. I comportamenti sono raggruppi in base all'ambito: i comportamenti comuni interessano tutti gli endpoint a livello globale, i comportamenti servizio interessano solo gli aspetti correlati ai servizi, i comportamenti endpoint interessano solo le proprietà correlate agli endpoint e i comportamenti a livello di operazione interessano particolari operazioni.

elemento estensione di comportamento

Elemento XML in un file di configurazione che consente di configurare un comportamento servizio.

client della cache

Un'applicazione .NET che utilizza le API del client della cache di AppFabric per comunicare e archiviare i dati in un cluster di cache.

cluster di cache

Gruppo logico di computer fisici o virtuali creato per archiviare e distribuire i della cache finalizzato a garantire livelli di scalabilità e disponibilità elevati. Per cluster si intende la creazione dell'istanza del servizio cache distribuito, costituito da una o più istanze del servizio host della cache in esecuzione su singoli computer che interagiscono per controllare l'accesso a e la replica dei dati. I dati vengono archiviati in memoria per ridurre i tempi di risposta per le richieste di dati. La tecnologia di clustering non deve essere confusa con il Servizio cluster di Windows e non dipende da esso.

host della cache

I server sui cui viene eseguito il servizio di memorizzazione nella cache e partecipano a un cluster di cache.

invalidamento dati nella cache

Condizione in cui un oggetto nella cache viene contrassegnato e non viene più utilizzato da alcun client della cache che si verifica quando la copia dell'oggetto diventa obsoleta rispetto alla copia presente sul cluster di cache.

elemento della cache

Oggetto memorizzato nella cache e tutte le informazioni associate allo stesso, quali tag e versione. Può essere estratto dal cluster di cache mediante l'API client GetCacheItem.

notifica della cache

Notifica asincrona che fornisce l'invalidamento automatico degli oggetti memorizzati nella cache locale quando viene modificata la relativa copia nel cluster di cache. Consente inoltre alle applicazioni di ricevere notifiche in modo asincrono quando vengono eseguite diverse operazioni nel cluster di cache.

operazione della cache

Evento che si verifica in aree o elementi memorizzati nella cache che possono attivare una notifica cache.

area della cache

Contenitore di dati all'interno della cache denominata che colloca tutti gli elementi. Consente inoltre di cercare i relativi elementi mediante stringhe descrittive denominate tag. L'area viene creata dal codice dell'applicazione in modo dinamico e non viene definita nella configurazione del cluster. Tutti gli elementi memorizzati nella cache all'interno di un'area vengono considerati come una singola unità in caso di failover o bilanciamento del carico.

porta cache

Porta TCP/IP utilizzata dagli host della cache per trasmettere i dati verso e dai client della cache. È possibile che il numero utilizzato per le porte cache sia diverso per ciascun host della cache. Queste impostazioni vengono mantenute nelle impostazioni di configurazione del cluster.

modello di programmazione cache-aside

Modello di programmazione che si applica alla progettazione delle funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric. Di conseguenza, se i dati non sono presenti nella cache, l'applicazione e non il Servizio di memorizzazione nella cache, deve ricaricare i dati nella cache dall'origine dati originaria.

applicazione abilitata alla cache

Applicazione che utilizza un client della cache AppFabric per archiviare i dati nella cache del cluster di cache.

annullare

Terminare l'elaborazione di un istanza del flusso di lavoro passando l'istanza in stato completato. Il flusso di lavoro esegue i gestori di annullamento che consentono di eseguire altre operazioni, quali la gestione degli errori e la compensazione.

percorso di archiviazione della configurazione cluster

Percorso condiviso o percorso di archiviazione condiviso, dove vengono mantenute le informazioni relative alla configurazione del cluster. Può essere rappresentato da un file condiviso o da un database.

porta cluster

Porta TCP/IP utilizzata dagli host della cache per gestire il cluster di cache. È possibile che il numero utilizzato per le porte cluster sia diverso per ciascun host della cache. Queste impostazioni vengono mantenute nelle impostazioni di configurazione del cluster.

cmdlet

Comando orientato ad attività utilizzato nell'ambiente Windows Powershell.

compensazione

Gruppo di azioni realizzate per annullare o ridurre l'effetto di lavori precedentemente eseguiti.

stato completato

Stato di un'istanza del flusso di lavoro di cui è stata completata l'elaborazione e che non accetta ulteriore input, ad esempio messaggi. L'utente, terminando o annullando un'istanza, completa il flusso di lavoro.

modello di concorrenza

Modo in cui è possibile progettare le applicazioni in modo che considerino operazioni simultanee che utilizzano gli stessi dati memorizzati nella cache. Le funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric supportano modelli di concorrenza ottimistici e pessimistici.

file di configurazione

File XML con estensione CONFIG che contiene le impostazioni relative a un'applicazione, sito Web o server. Tra i file di configurazione più comuni sono inclusi Machine.config e Web.config.

ereditarietà della configurazione

Adozione delle impostazioni di configurazione da parte di un oggetto nella gerarchia in base a un oggetto di livello superiore. Ad esempio, un servizio può ereditare le proprie impostazioni di configurazione dall'applicazione, dal sito Web o dal server a cui è associato.

deserializzazione

Processo di conversione di un oggetto da un formato di archiviazione seriale a uno di tipo binario nella forma di oggetto utilizzato dalle applicazioni. Tale condizione si verifica quando l'oggetto viene recuperato dal cluster di cache con le API del client Get.

flusso di lavoro permanente

Flusso di lavoro il cui stato può essere salvato in modo permanente su un supporto di archiviazione per fare fronte a guasti di sistema e per rilasciare memoria con conseguente miglioramento della scalabilità dell'esecuzione del flusso di lavoro.

endpoint

Costrutto costituito da un indirizzo, un binding e un contratto utilizzati per la comunicazione con un servizio WCF.

indirizzo dell'endpoint

L'URI (Uniform Resource Identifier) che specifica il percorso di un endpoint. A ciascun endpoint è associato un indirizzo utilizzato per individuare e identificare l'endpoint.

Traccia eventi per Windows

Funzionalità di Windows di traccia generica e ad alta velocità.

rimozione

Processo con cui un oggetto memorizzato nella cache viene fisicamente rimosso dalla memoria dell'host o degli host della cache in cui è archiviato. Questa operazione viene solitamente eseguita per monitorare l'utilizzo della memoria da parte del servizio host della cache.

scadenza

Il punto in cui un oggetto ha superato il valore di timeout della cache. Alla scadenza, un oggetto viene rimosso.

notifica di errore

Tipo di notifica cache attivata quando il client della cache perde una o più notifiche della cache.

delega delle funzionalità

Processo con cui si concede l'accesso ad aree specifiche. L'accesso viene concesso a un particolare utente in un ambito particolare. Ad esempio, l'utente "Alessandro" ha accesso alla funzionalità "Registrazione" nell'ambito "Sito Web predefinito".

disponibilità elevata

Funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric che fornisce la disponibilità ininterrotta dei dati memorizzati nella cache, grazie all'archiviazione di copie dei dati in più host della cache.

limite massimo

Soglia di utilizzo della memoria in ciascun host della cache che specifica quando gli oggetti vengono rimossi dalla memoria, a prescindere dalla scadenza, finché l'utilizzo di memoria non torna entro il limite minimo.

hosting

I servizi devono essere ospitati in relativi processi. L'host è un'applicazione che controlla la durata del servizio. I servizi possono supportare l'hosting automatico o essere gestiti da un processo di hosting esistente.

processo di hosting

Applicazione progettata per l'hosting di servizi, tra cui i servizi Internet Information Services (IIS), Attivazione processo Windows e Windows. In tali scenari, l'host controlla la durata del servizio. Ad esempio, mediante IIS è possibile configurare una directory virtuale che contenga l'assembly del servizio e il file di configurazione. Alla ricezione di un messaggio, IIS avvia il servizio e ne controlla la durata.

Gestione IIS

Lo strumento che gestisce i servizi ospitate nel servizio Attivazione processo Windows, noto in precedenza come Strumento di gestione Web.

modulo Gestione IIS

Estensioni di Gestione IIS. Le estensioni di Gestione IIS per AppFabric consentono di configurare, controllare, eseguire query e monitorare i servizi WCF e WF (in .NET Framework 4).

host principale

Host della cache designato per l'utilizzo di altri host principali e per garantire il funzionamento del cluster costantemente.

utilizzati meno di recente

Tipo di rimozione utilizzata dal cluster di cache, dove gli oggetti utilizzati meno di recente vengono rimossi prima degli oggetti utilizzati più di recente.

cache locale

Funzionalità che consente il salvataggio di copie deserializzate di oggetti memorizzati nella cache nella memoria dello stesso processo che esegue l'applicazione abilitata alla cache.

limite minimo

Soglia di utilizzo della memoria si ciascun host della cache che specifica quando gli oggetti scaduti vengono rimossi dalla memoria.

numero massimo chiamate simultanee

Impostazione di configurazione che rappresenta il numero massimo di chiamate simultanee a istanze del servizio in esecuzione.

numero massimo di istanze simultanee:

Impostazione di configurazione che rappresenta il numero massimo di istanze del servizio che possono essere eseguite contemporaneamente nella memoria.

numero massimo sessioni simultanee

Impostazione di configurazione che rappresenta il numero massimo di sessioni cliente cattive contemporaneamente per istanze del servizio nella memoria.

livello di monitoraggio

Combinazione di impostazioni tra traccia analitica WCF, rilevamento flusso di lavoro e servizio di raccolta eventi che definiscono la quantità e i tipi di informazioni di monitoraggio raccolti e archiviati in un ambito specifico in IIS. In AppFabric sono disponibili cinque livelli di monitoraggio predefiniti. Off, ErrorsOnly, HealthMonitoring, EndToEndMonitoring e Troubleshooting.  Quando si personalizzano tali impostazioni di configurazione al di fuori di un livello predefinito, in AppFabric il livello viene considerato "predefinito".

archivio di monitoraggio

Insieme di tabelle di database in cui sono archiviate informazioni raccolte da eventi.

multi-tenancy

Principio architetturale dove una singola istanza di software viene utilizzata per eseguire un servizio per più client (proprietari o tenant).

cache denominata

Unità configurabile di archiviazione in memoria con relativi criteri associati e disponibile in tutti gli host della cache di un cluster di cache.

durata dell'oggetto

Il periodo di tempo in cui un oggetto memorizzato nella cache rimane in quest'ultima ed è disponibile per il recupero da parte dei client della cache. L'oggetto scade alla scadenza della relativa durata. Gli oggetti scaduti non possono essere recuperati dai client della cache, ma rimangono nella memoria dell'host della cache fino alla rimozione. Indicato anche come valore TTL (Time To Live).

concorrenza ottimistica

Metodo di utilizzo delle informazioni sulla versione di un oggetto memorizzato nella cache per la gestione della concorrenza. Poiché con ciascun aggiornamento di un oggetto viene modificato il numero di versione, l'utilizzo di tali informazioni non consente all'aggiornamento di sovrascrivere le modifiche di un altro utente. Le funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric supportano anche il modello di concorrenza pessimistico.

pacchetto

Oggetto che contiene i file e le istruzioni per la distribuzione di software verso un punto di distribuzione tramite lo strumento di distribuzione Web (Msdeploy.exe).

salvataggio permanente

Salvataggio dello stato di un'istanza del flusso di lavoro o di un servizio su un supporto di archiviazione in modo che possa essere scaricato dalla memoria o ripristinato dopo un errore di sistema.

provider salvataggi permanenti

Funzionalità di .NET Framework che consente di salvare e ripristinare le istanze del flusso di lavoro su e da un supporto di archiviazione.

archivio salvataggi permanenti

Insieme di tabelle di database in cui sono archiviati lo stato e i metadati dell'istanza del flusso di lavoro.

concorrenza pessimistica

Metodo di gestione della concorrenza mediante l'utilizzo di una tecnica di blocco che impedisce ad altri client di aggiornare lo stesso oggetto contemporaneamente. Le funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric supportano anche il modello di concorrenza ottimistico.

inviare pipe

In Windows PowerShell, implica l'invio dei risultati del comando precedente come input per il comando successivo nella pipeline.

pipeline

Serie di comandi associati agli operatori di pipeline (|) (ASCII 124). Ciascun operatore di pipeline invia i risultati del comando precedente come input per il comando successivo nella pipeline.

Amministrazione della cache con Windows PowerShell

Strumento di gestione delle funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric. Con oltre 130 strumenti da riga di comando standard, questo nuovo linguaggio di script incentrato sull'amministrazione consente di ottenere un livello maggiore di controllo e produttività.

dati di riferimento

Dati caratterizzati da operazioni di lettura condivise e modifiche occasionali. Esempi di dati di riferimento sono cataloghi di prodotti e orari dei voli. La funzionalità di cache locale è ideale per l'archiviazione di questo tipo di dati.

dati della risorsa

Dati caratterizzati da operazioni condivise, accessibili contemporaneamente in lettura e scrittura da parte di numerose transazioni. Esempi di dati della risorsa sono account utente e oggetti d'asta.

riavviare

Per riavviare l'elaborazione un'istanza del flusso di lavoro. Con il ripristino il flusso di lavoro entra in stato in corso di esecuzione.

stato in corso di esecuzione

Stato dell'istanza del flusso di lavoro in corso di elaborazione. L'utente può sospendere, terminare o annullare un'istanza in esecuzione.

entità di sicurezza

Identità e ruolo di un utente che agisce per conto dell'utente. Nei computer basati su Windows, vengono implementati come account (ad esempio, un utente, un gruppo di sicurezza, un dispositivo o un computer) a cui è possibile concedere o negare l'accesso alle risorse.

serializzazione

Cambiamento che si verifica nei dati memorizzati nella cache durante il salvataggio o l'aggiornamento nel cluster di cache. I dati memorizzati nella cache si trasformano da un oggetto di tipo binario utilizzato dall'applicazione a un formato di archiviazione seriale.

servizio

Programma o processo che espone uno o più endpoint che a propria volta espongono una o più operazioni.

host servizio

Ambiente di runtime per l'hosting di un servizio all'interno di un processo.

stato sessione

Funzionalità ASP.NET utilizzata per conservare i dati per sessioni utente univoche, mentre gli utenti interagiscono con un'applicazione Web. AppFabric offre la possibilità archiviare lo stato sessione dalle applicazioni Web ASP.NET nel cluster di cache.

provider salvataggi permanenti di SQL

Provider di salvataggi permanenti incluso in .NET Framework che consente di salvare e ripristinare le istanze del flusso di lavoro su e da un database SQL.

coerenza assoluta

Scenario dove è abilitata la disponibilità elevata ed è presente più di una copia di un oggetto memorizzato nella cache nel cluster di cache. Tutte le copie di tale oggetto rimangono identiche.

sospendere

Interrompere temporaneamente l'elaborazione di un'istanza del flusso di lavoro in modo che non elabori ulteriore input, ad esempio messaggi.

stato sospeso

Stato di un'istanza del flusso di lavoro di cui è stata interrotta temporaneamente l'elaborazione a causa dell'intervento dell'utente o di un criterio flusso di lavoro. L'utente può ripristinare, annullare o terminare un'istanza sospesa.

tag

Uno o più identificatori basati su stringa che possono essere associati a ciascun oggetto memorizzato nella cache archiviato in un'area. Le aree consentono di recuperare gli oggetti memorizzati nella cache in base a uno o più tag.

terminare

Terminare l'elaborazione di un istanza del flusso di lavoro passando l'istanza in stato completato. Il flusso di lavoro viene immediatamente completato.

partecipante di rilevamento

Componente software che utilizza i record di rilevamento generati dal runtime di Windows Workflow Foundation (WF). Le implementazioni dei partecipanti di rilevamento possono inviare record a un percorso di archiviazione, quale un file di registro o un database.

profilo di rilevamento

Dati di configurazione utilizzati per eseguire la sottoscrizione a record di rilevamento specifici che possono essere generati dal runtime di Windows Workflow Foundation (WF).

record di rilevamento

Dati generati dal runtime di Windows Workflow Foundation (WF) quando vengono raggiunte determinate attività cardine all'interno di un'istanza del flusso di lavoro, ad esempio, quando viene completata un'istanza o un'attività.

versione

Proprietà utilizzata per differenziare gli oggetti archiviati nella cache con la stessa chiave. AppFabric archivia le informazioni sulla versione mediante la classe DataCacheItemVersion. Ogniqualvolta un oggetto viene aggiunto o aggiornato nella cache, il valore di versione viene modificato. Per mantenere la coerenza dei dati, viene utilizzato il controllo delle versioni. La concorrenza ottimistica viene raggiunta grazie all'utilizzo del controllo delle versioni piuttosto che dei blocchi.

limite

Soglia utilizzata per gestire l'utilizzo della memoria su ciascun host della cache. Il limite massimo e il limite minimo specificano quando gli oggetti vengono rimossi dalla memoria.

Windows PowerShell

Shell da riga di comando basata sulle attività nonché un linguaggio di script espressamente progettato per l'amministrazione del sistema.

Servizio Attivazione processo Windows

Servizio che fornisce i servizi di attivazione dei processi, gestione delle risorse e di gestione dell'integrità per le applicazioni attivate da messaggi.

flusso di lavoro

Attività singola o struttura di attività richiamate da un processo host.

Ripristino istanza di flusso di lavoro

Funzionalità del servizio Gestione flussi di lavoro che monitora e riavvia gli archivi di salvataggio permanente per le istanze del servizio flusso di lavoro in esecuzione.

servizio Gestione flussi di lavoro

Servizio di Windows che gestisce l'esecuzione dei comandi di controllo delle istanze, il ripristino degli host di servizio di flusso di lavoro e il ripristino di istanze in caso di scadenza dei timer.

servizio di flusso di lavoro

Servizio WCF implementato come flusso di lavoro. Il flusso di lavoro contiene le attività di messaggistica che comportano l'invio e la ricezione di messaggi WCF.

attivazione XAML

Processo di attivazione di un'istanza del flusso di lavoro direttamente dal file XAMLX che contiene la definizione del flusso di lavoro piuttosto che da un file DLL o mediante l'utilizzo di un file di configurazione.

  2012-03-05
Mostra: