Configurazione dei cluster basata su cartelle condivise

Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server offre la possibilità di memorizzare le impostazioni cluster di cache in una cartella condivisa designata. In tale cartella, AppFabric consente di creare un file XML per memorizzare le impostazioni di configurazione del cluster. Il file viene creato automaticamente durante la configurazione delle funzionalità di memorizzazione nella cache di AppFabric mediante la Configurazione guidata di AppFabric. Il file di configurazione viene utilizzato da AppFabric come punto di riferimento principale per la definizione di cluster di cache, host della cache e cache denominate.

Per ulteriori informazioni sulla preparazione di una cartella condivisa per il percorso di archiviazione della configurazione cluster, vedere Windows Server AppFabric Installation Guide (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=169172) - Informazioni in lingua inglese.

Prima di configurare i Servizi di memorizzazione nella cache sul primo server cache, è necessario creare e configurare una cartella condivisa che agisca da percorso di archiviazione della configurazione cluster. Deve essere una cartella di rete condivisa anziché un percorso locale su uno qualsiasi degli host della cache. Tale cartella condivisa sarà necessaria al programma di installazione per creare o modificare i file di configurazione del cluster e la struttura della cartella. Per tale motivo, a tutti i server cache nel cluster deve essere consentito l'accesso alla cartella condivisa di configurazione del cluster.

Il percorso di archiviazione della configurazione del cluster può rappresentare un singolo punto di errore per il sistema di cache distribuito in uso. Per tale motivo, è consigliabile utilizzare la funzionalità clustering di failover di Microsoft Windows Server 2008 all'indirizzo (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=130692 - Informazioni in lingua inglese) per l'hosting di una risorsa di una cartella inclusa "nel cluster" per il percorso di archiviazione della configurazione cluster di cache. In questo modo, si garantirà un'elevata disponibilità dei dati di configurazione del cluster.

ImportantImportante
Si accede alla cartella condivisa che contiene le impostazioni di configurazione del cluster specificamente per le seguenti operazioni:

  • Quando si avvia il servizio host cache di Windows su tutti i server cache inclusi nel relativo cluster.

  • Quando un host cache viene aggiunto a o rimosso da un cluster di cache.

  • Quando una cache denominata viene aggiunta a o rimossa da un host cache nel relativo cluster.

Se nessuna di questa operazioni viene eseguita, il cluster di cache continuerà a funzionare normalmente anche se la cartella condivisa che contiene le impostazioni di configurazione del cluster non è al momento disponibile, ad esempio durante un tentativo di failover di un cluster Windows Server di una risorsa di una cartella inclusa nel cluster per il percorso di archiviazione della configurazione cluster di cache.

noteNota
Windows XP, Windows Server 2003 e Windows Vista a 32 bit non consentono più di 10 connessioni contemporanee a una cartella di rete condivisa. È sconsigliato l'utilizzo di tali sistemi operativi per archiviare le impostazioni di configurazione per cluster di grandi dimensioni.

Autorizzazioni

Le impostazioni di condivisione e di sicurezza della cartella condivisa di configurazione del cluster devono essere configurate in modo tale da consentire a ciascun server cache le autorizzazioni di lettura e scrittura al contenuto della cartella.

noteNota
La Configurazione guidata di AppFabric tenta di configurare tali autorizzazioni automaticamente. L'identità di sicurezza dell'utente che esegue l'installazione deve disporre delle autorizzazioni di proprietario della cartella condivisa. Inoltre, questo utente deve soddisfare una delle due condizioni seguenti:

  • Essere membro di almeno uno dei seguenti gruppi utenti presenti sul computer in cui si trova la condivisione di rete: Administrators, Power Users, Print Operators o Server Operators.

  • Essere connesso a livello locale con il computer in cui si trova la condivisione di rete.

Per semplificare la gestione a lungo termine della cartella di configurazione del cluster, non eseguire il servizio cache con le credenziali di un account utente di dominio. Mediante l'uso delle impostazioni di installazione predefinite, è possibile utilizzare, in alternativa, gli account dei computer di dominio dei server cache ed evitare la gestione delle password.

Se si crea un gruppo di sicurezza Windows per la gestione degli accessi alla cartella condivisa di configurazione della cache, si impostano le autorizzazioni sulla cartella solo una volta. Ad esempio, se il gruppo di sicurezza Windows è denominato ClusterACacheServers, significa che i server cache dispongono dell'autorizzazione a diventare parte del cluster di cache denominato ClusterA.

Dopo aver creato il gruppo di sicurezza ClusterACacheServers, concedere agli account computer di dominio dei server cache applicabili l'appartenenza a questo gruppo (ad esempio, "domain\computername$"). Concedere, quindi, al gruppo ClusterACacheServers le autorizzazioni di lettura e scrittura nelle impostazioni di condivisione e sicurezza della cartella condivisa di configurazione del cluster. Al termine della configurazione, per ciascun nuovo server aggiunto al cluster di cache, aggiungere solo l'account computer di dominio del nuovo server al gruppo di sicurezza.

Vedere anche

  2012-03-05
Mostra: