Questa pagina è stata utile?
I suggerimenti relativi al contenuto di questa pagina sono importanti. Comunicaceli.
Altri suggerimenti?
1500 caratteri rimanenti
System.ServiceModel.CommunicationObjectFaultedException durante l'avvio dell'istanza del ruolo

System.ServiceModel.CommunicationObjectFaultedException durante l'avvio dell'istanza del ruolo

Aggiornamento: novembre 2014

Si applica a: Azure SDK 1.3 e versioni successive

Sintomo: questo argomento illustra le possibili cause e le soluzioni per il messaggio di errore System.ServiceModel.CommunicationObjectFaultedException.

Quando il ruolo viene avviato nell'ambiente di sviluppo locale in cui viene usato l'emulatore di calcolo potrebbe verificarsi un errore Impossibile usare l'oggetto di comunicazione, System.ServiceModel.Channels.ServiceChannel, per la comunicazione perché è nello stato Faulted.

Eccezione oggetto di comunicazione non riuscita

Causa 1: il file Web.config è contrassegnato come di sola lettura nell'emulatore di calcolo.

Nella versione SDK 1.3, questa finestra di dialogo viene visualizzata nell'emulatore di calcolo di Azure quando il file web.config è contrassegnato di sola lettura. L'errore non si verifica durante la distribuzione nel cloud in Azure, poiché gli attributi di file vengono reimpostati in qualsiasi distribuzione cloud, consentendo l'operazione di scrittura nel file web.config. Si noti che tramite l'emulatore di calcolo non viene copiato il contenuto del sito durante l'esecuzione.

Soluzione: cancellare l'attributo di sola lettura dal file web.config. Se si usa un sistema di controllo del codice sorgente, potrebbe essere necessario estrarre il file.

In SDK 1.3, per semplificare l'utilizzo di ASP.NET, nell'ambiente Azure la chiave del computer ASP.NET viene configurata automaticamente secondo una base per sito tramite il file web.config del sito. La chiave del computer fornita automaticamente è identica per tutte le istanze di un sito specificato, ma è diversa in tutti gli altri casi (per le distribuzioni e così via).

Nelle versioni precedenti la chiave del computer era impostata a livello di computer.

Causa 2: più istanze del ruolo eseguono un'operazione di scrittura nello stesso file di configurazione nell'emulatore di calcolo.

Questo errore può verificarsi nella versione SDK 1.3 quando si avviano più istanze di un ruolo Web basato su IIS specificato. Poiché tutte le istanze fanno riferimento allo stesso percorso su disco, viene eseguito un tentativo di scrittura nello stesso file di configurazione Web che determina blocchi intermittenti durante l'avvio del ruolo.

Soluzione: limitare il numero di istanze a uno per ogni ruolo specificato durante l'utilizzo dell'emulatore di calcolo. Prima di distribuire in Azure, reimpostare il conteggio delle istanze su un valore più alto in base alle proprie esigenze.

Causa 3: nel progetto è presente un numero molto elevato di file.

Questo errore può verificarsi nella versione SDK 1.3 quando viene avviato un ruolo in cui è contenuto un numero molto elevato di file. È possibile che questo errore si verifichi quando sono presenti 2000-5000 file. Non è possibile specificare un numero di file preciso poiché l'errore dipende dalla durata; inoltre altri processi in esecuzione nella macchina virtuale potrebbero influire sulle prestazioni. Durante l'avvio, a tutti i file del progetto devono essere applicati gli elenchi ACL corretti. Per questo processo può essere richiesto un periodo di tempo molto lungo e possono verificarsi dei blocchi intermittenti durante l'avvio del ruolo.

Soluzione: limitare il numero di file inclusi nel progetto.

Causa 4: errori nel file Web.config.

Questi errori possono verificarsi nella versione SDK 1.3 quando nel file web.config sono presenti errori di configurazione. Si tratta di un elenco parziale di errori possibili:

  • Formattazione XML non valida: tag di chiusura mancanti, virgolette non corrispondenti e così via.

  • <configSections> duplicato

  • Elementi machineKey duplicati

  • Convalida di machineKey impostata su un valore diverso da AES, SHA1, 3DES o MD5

Soluzione: correggere gli errori nel file Web.config.

Mostra:
© 2015 Microsoft