Esempio di utilizzo dell'API di memorizzazione nella cache di Windows Server AppFabric

In questo esempio viene illustrato come utilizzare le varie API della cache di AppFabric.

noteNota
Gli esempi vengono forniti solo per scopi didattici. Non sono destinati a essere utilizzati in un ambiente di produzione e non sono stati testati in un ambiente di produzione. Microsoft non fornisce supporto tecnico per questi esempi.

Prerequisiti

Idealmente, gli utenti dovrebbero disporre di una certa conoscenza dello scripting di Windows PowerShell.

Nell'esempio si presuppone quanto segue:

  • Sia stato installato Windows PowerShell 2.0.

  • Sia stato installato Windows Server AppFabric. (In questo modo vengono aggiunte le DLL richieste al GAC.)

Configurazione della cache di AppFabric

Se questa operazione non è già stata eseguita, configurare la cache di AppFabric utilizzando lo strumento di configurazione di Windows Server AppFabric (utilizzare le impostazioni predefinite). Nell'esempio si presuppone che sia stata configurata una cache di AppFabric con le impostazioni predefinite (cacheHostName=AppFabricCachingService e cacheName=default).

Avvio del cluster di cache

  1. Aprire una finestra di comando di Windows PowerShell in modalità con privilegi elevati ed eseguire il seguente comando per aggiungere il modulo amministrativo Cache distribuita:

    Import-Module DistributedCacheAdministration
    
    
  2. Utilizzare il comando Use-CacheCluster per impostare il contesto della sessione di Windows PowerShell sul cluster di cache desiderato. Questo può essere eseguito senza parametri per utilizzare i parametri di connessione forniti quando è stato configurato il componente Amministrazione della cache di AppFabric.

  3. Eseguire il seguente comando per concedere all'account utente l'accesso al cluster di cache come client. Fornire il nome utente e di dominio.

    Grant-CacheAllowedClientAccount domain\username
    
    
  4. Utilizzare il comando Get-CacheAllowedClientAccounts per verificare che all'account utente sia stato concesso l'accesso.

  5. Avviare il cluster utilizzando il comando Start-CacheCluster.

Creazione ed esecuzione dell'esempio

  1. Aprire il file di soluzione CacheAPI.sln in Visual Studio. L'esempio si collega automaticamente alle DLL (Microsoft.ApplicationServer.Caching.Client.dll e Microsoft.ApplicationServer.Caching.Core.dll) della cache di AppFabric dalla GAC. In questo vengono illustrati i seguenti modelli di utilizzo:

    • Remove/Create in relazione a un'area denominata

    • Simple Add/Get nella cache/area predefinita

    • Add/Get in un'area denominata nella cache predefinita

    • Add/Get/GetAndLock/GetIfNewer/Put/PutAndUnlock in un'area denominata. Variazioni:

      • GetAndLock quando si tenta di accedere a un oggetto bloccato

      • PutAndUnlock quando si tenta di sbloccare un oggetto non bloccato

    • Add/Get/Put di un oggetto con versione

      • Modificare esplicitamente un elemento solo se le versioni corrispondono

      • Non è possibile modificare un elemento se è disponibile un elemento più recente nella cache.

    • Simple Add/GetByTag per mostrare l'utilizzo dei tag

    noteNota
    Per ogni esecuzione successiva, utilizzare il comando Restart-CacheCluster per cancellare il contenuto della cache e attendere 10-15 secondi.

Rimozione dell'esempio

Riavviare il cluster di cache utilizzando il comando Restart-CacheCluster per eliminare i dati dalla cache.

Vedere anche

  2011-12-05
Mostra: