Per visualizzare l'articolo in inglese, selezionare la casella di controllo Inglese. È possibile anche visualizzare il testo inglese in una finestra popup posizionando il puntatore del mouse sopra il testo.
Traduzione
Inglese

Linee guida per la creazione e la gestione di ambienti SCVMM

 

Pubblicato: luglio 2016

Per creare o gestire un ambiente SCVMM, è necessario sapere quale approccio usare, considerare come ognuno gestisce le macchine virtuali ed evita i conflitti di nomi.  È possibile scegliere:  

  • Macchine virtuali archiviate e modelli

  • Ambiente archiviato

  • Isolamento rete

  • Esecuzione delle macchine virtuali

I conflitti di nomi possono verificarsi negli o tra gli ambienti lab quando più computer in una rete hanno lo stesso identificatore univoco.  Ogni macchina virtuale dispone di diversi identificatori, tra cui:  

  • Nome computer: anche noto come nome del computer o nome host, ogni macchina virtuale ne ha uno.

  • Indirizzo MAC (Media Access Control): il valore univoco e immutabile compilato nell'hardware di una scheda di rete fisica.  Ogni macchina virtuale può avere più schede di rete virtualizzate, ognuno delle quali presenta un indirizzo MAC.  

  • Identificatore di sicurezza di Windows (SID): ciascuna macchina virtuale che esegue Windows dispone del proprio SID del computer non modificabile.

  • Indirizzo IP (Internet Protocol): ogni scheda di rete (fisica o virtuale) può disporre di più indirizzi IP, sebbene nella maggior parte dei casi ogni scheda abbia soltanto un indirizzo IP.  La maggior parte degli ambienti si basa su server DNS e DHCP per gestire gli indirizzi IP automaticamente, ma è possibile assegnare manualmente o modificare un indirizzo IP.  

Se più copie di una macchina virtuale sono in esecuzione in un dominio o in un gruppo di lavoro e condividono uno o più di questi identificatori, in molti casi si verifica un conflitto di denominazione.  I risultati possono includere un computer disconnesso dalla rete o il traffico di rete inviato al computer errato.  

Ognuna di queste sezioni descrive come gestire le macchine virtuali e i conflitti di nomi, in modo da poter scegliere ciò che soddisfa nel migliore dei modi le proprie esigenze:

Per un'introduzione agli ambienti lab, vedere Utilizzo di un ambiente lab per il ciclo di vita dell'applicazione.

Requisiti

  • Visual Studio Enterprise, Visual Studio Test Professional


È possibile creare un nuovo ambiente SCVMM scegliendo le macchine virtuali e i modelli di macchina virtuale archiviati nella libreria di Lab Management.  Ogni macchina virtuale archiviata nella libreria di Lab Management dispone del proprio nome del computer e di altri identificatori.  Quando si aggiunge una macchina virtuale archiviata in un ambiente lab, il nome e gli identificatori non vengono modificati per evitare conflitti di nomi.  

Un modello di macchina virtuale è simile a una macchina virtuale archiviata, ad eccezione del fatto che il modello non contiene un nome del computer o qualsiasi altro identificatore univoco.  Quando si aggiunge un modello all'ambiente, Microsoft Test Manager crea una nuova macchina virtuale basata su tale modello.  Per evitare conflitti di nomi, è quindi necessario creare un'identità univoca per ognuna delle macchine virtuali prima di aggiungerle all'ambiente.  Tuttavia, è possibile usare Microsoft Test Manager per generare automaticamente l'identità di ogni macchina virtuale.  Si consiglia di usare i modelli anziché le macchine virtuali archiviate a meno che non sia necessario distribuire una macchina virtuale che include specifici identificatori univoci.  

Creazione di un ambiente da modelli e macchine virtuali

Vantaggi

  • È possibile eseguire contemporaneamente più copie dell'ambiente.

  • Se un'applicazione preinstallata nella macchina virtuale non viene alterata modificando l'identità delle macchine virtuali, è possibile distribuire l'ambiente facilmente.

  • È possibile eseguire un qualsiasi numero o una qualsiasi dimensione di macchine virtuali nell'ambiente.

Svantaggi

  • Per eseguire più copie di una macchina virtuale archiviata, è necessario modificare le informazioni di identificazione di ogni copia.  È possibile automatizzare il processo mediante i modelli.  

  • Se un'applicazione non viene eseguita correttamente quando si modifica l'identità del computer, non è possibile preinstallare tale applicazione in una macchina virtuale archiviata.  Invece, è necessario installare l'applicazione dopo la distribuzione della macchina virtuale archiviata.  

  • È possibile eseguire solo uno snapshot di un ambiente per volta.  Ad esempio, se un tester trova un bug, può creare uno snapshot dello stato dell'ambiente.  Tuttavia, non può continuare a eseguire tale ambiente quando uno sviluppatore esamina il bug nello snapshot.  

È possibile archiviare qualsiasi combinazione di macchina virtuale archiviata e modelli nella libreria del progetto team.  Quando si sceglie quale distribuire, si consideri la necessità di evitare conflitti di denominazione in un dominio.  Per informazioni su come creare un ambiente SCVMM mediante modelli e macchine virtuali archiviate, vedere Creazione di un ambiente SCVMM mediante modelli e macchine virtuali archiviate.  Per informazioni sulla gestione di un ambiente SCVMM che include macchine virtuali archiviate o modelli, vedere Gestione degli ambienti lab e delle macchine virtuali.  

Un ambiente archiviato è un ambiente SCVMM che viene archiviato nella libreria del progetto team.  Dopo aver creato un ambiente archiviato, è possibile distribuirne una copia.  Le macchine virtuali in un ambiente archiviato possono essere macchine virtuali archiviate o modelli.  Quando si distribuisce un ambiente archiviato, in genere è necessario personalizzare i nomi delle macchine virtuali.  È necessario personalizzare ogni macchina virtuale archiviata manualmente, ma è possibile personalizzare automaticamente ogni macchina creata da un modello.  

Distribuzione di ambienti da ambienti archiviati

Vantaggi

  • È possibile compilare un ambiente lab complesso una volta, quindi ridistribuirlo più volte con il rischio minimo di compilarlo accidentalmente in modo errato.

    È possibile eseguire contemporaneamente più copie dell'ambiente.

  • Se un'applicazione preinstallata nella macchina virtuale non viene alterata modificando l'identità delle macchine virtuali, è possibile distribuire l'ambiente facilmente.

  • È possibile eseguire un qualsiasi numero o una qualsiasi dimensione di macchine virtuali nell'ambiente.

Svantaggi

  • Per eseguire più copie di una macchina virtuale archiviata, è necessario modificare le informazioni di identificazione di ogni copia.  È possibile automatizzare il processo mediante i modelli.  

  • Se un'applicazione non viene eseguita correttamente quando si modifica l'identità del computer, non è possibile preinstallare tale applicazione in una macchina virtuale archiviata.  Invece, è necessario installare l'applicazione dopo la distribuzione della macchina virtuale archiviata.  

  • È possibile eseguire solo uno snapshot di un ambiente per volta.  Ad esempio, se un tester trova un bug, può creare uno snapshot dello stato dell'ambiente.  Tuttavia, non può continuare a eseguire tale ambiente quando uno sviluppatore esamina il bug nello snapshot.  

Per informazioni su come distribuire una copia di un ambiente archiviato, vedere Distribuzione di un ambiente SCVMM archiviato.  Per informazioni su come archiviare un ambiente SCVMM nella libreria del progetto team, vedere Procedura: archiviare un ambiente SCVMM.  

Se si vuole eseguire più copie identiche di un ambiente lab contemporaneamente, è necessario abilitare l'isolamento rete.  Un ambiente SCVMM che usa l'isolamento rete per evitare conflitti di denominazione viene chiamato un ambiente di isolamento rete.  I computer in un ambiente di isolamento rete sono protetti dai conflitti di rete tramite due schede di rete.  Una scheda di rete viene usata per una rete privata all'interno dell'ambiente.  La seconda scheda viene configurata da Lab Management in modo da presentare un'identità univoca separata nella rete esterna.  La trasmissione NetBIOS del computer viene disabilitata sulla seconda scheda e l'identità di Lab Management viene registrata come alias per il computer.  Questa identità separata consente la comunicazione bidirezionale tra le macchine virtuali nell'ambiente e la rete esterna, anche se sono in esecuzione più copie dell'ambiente.  

È possibile archiviare un ambiente di isolamento rete in modo da poterne distribuire più copie contemporaneamente.  Quando si distribuisce una copia di un ambiente di isolamento rete, le macchine virtuali corrispondenti nelle due copie sono esatti duplicati l'uno dell'altro, perché le identità dei computer nella rete privata rimangono le stesse ogni volta che vengono distribuite.  Gli alias delle macchine virtuali nella rete esterna assicurano che non si verificano conflitti di rete tra due ambienti.  

Viene creato un ambiente di isolamento rete scegliendo la funzionalità di isolamento rete quando si crea l'ambiente da macchine virtuali o da modelli.  Facoltativamente, si installano applicazioni oppure si connettono le macchine virtuali alla rete privata.  È quindi possibile archiviare una copia dell'ambiente nella libreria.  I membri del team possono distribuire contemporaneamente più copie dell'ambiente archiviato.  

Vantaggi

  • È possibile eseguire contemporaneamente copie identiche degli ambienti lab.

  • Poiché le identità dei computer non cambiano, è possibile evitare di riconfigurare o reinstallare alcune applicazioni.

  • È possibile eseguire contemporaneamente più snapshot di un ambiente.

Svantaggi

  • Tutte le macchine virtuali in una rete isolata devono essere eseguite su un singolo computer host.  Ciò significa anche che tali macchine virtuali non possono essere eseguiti su host cluster.  

  • Se le macchine virtuali in un ambiente isolato sono membri di un dominio, l'ambiente deve includere una o più macchine virtuali che vengono usate come controller di dominio e server DNS.  Il dominio non può essere ospitato su un computer fisico o virtuale esterno all'ambiente di isolamento rete.  L'uso di un computer aggiuntivo non è necessario per gruppi di lavoro privati.  

  • Ogni macchina virtuale nell'ambiente ha almeno due schede di rete che vengono create quando si abilita l'isolamento rete.  Se i test richiedono un'applicazione che non è compatibile con questa configurazione, non è possibile usare un ambiente di isolamento rete.  

Per altre informazioni sull'isolamento della rete, vedere Clonazione delle macchine virtuali tramite l'isolamento rete.  Per altre informazioni su come creare un ambiente con isolamento rete, vedere Creazione e utilizzo di un ambiente di isolamento rete.  

È possibile creare un ambiente SCVMM usando le macchine virtuali che vengono già eseguite in un gruppo host SCVMM.  Queste macchine virtuali non vengono copiate, ma vengono incluse direttamente nell'ambiente lab.  Una macchina virtuale in esecuzione può essere usata solo in un ambiente lab per volta.  Dopo avere eliminato un ambiente lab, è possibile riutilizzare le macchine virtuali in un altro ambiente lab.  

Vantaggi

  • Questo processo è più veloce della distribuzione di macchine virtuali archiviate o modelli.

  • Se si eseguono test nelle macchine virtuali senza usare Lab Management, è possibile eseguire la transizione a Lab Management senza ricreare tali macchine virtuali.

Svantaggi

  • Non è possibile configurare l'isolamento rete in un ambiente lab che includa macchine virtuali in esecuzione.

  • Non è possibile eseguire contemporaneamente copie identiche di tali ambienti.  Invece, è necessario modificare le identità univoche delle macchine virtuali.  

Per altre informazioni su come creare un ambiente SCVMM tramite macchine virtuali in esecuzione, vedere Ambienti SCVMM (virtuali).  Per informazioni sulla gestione di un ambiente SCVMM che include macchine virtuali in esecuzione, vedere Gestione degli ambienti lab e delle macchine virtuali.  

Mostra: