Configurazione client a livello di programmazione (Memorizzazione nella cache di Windows Server AppFabric)

Windows Server AppFabric consente di specificare le impostazioni di configurazione del client di cache a livello di programmazione o con un file di configurazione XML. L'approccio a livello di programmazione rappresenta un'ottima scelta quando si desidera modificare le impostazioni a livello di programmazione o quando non si desidera utilizzare un file di configurazione dell'applicazione basato su XML. Quindi, se vengono apportate modifiche alla configurazione del client di cache, è possibile che sia necessario ricompilare l'applicazione. Le modifiche alle impostazioni contenute in un file di configurazione dell'applicazione basato su XML non richiedono alcuna ricompilazione. Per ulteriori informazioni sulla configurazione di client cache basati su XML, vedere Configurazione di client basati su XML (Memorizzazione nella cache di Windows Server AppFabric).

Se per la configurazione del client si utilizza un file XML di configurazione dell'applicazione con la maggior parte delle applicazioni, è possibile sovrascrivere tali impostazioni a livello di programmazione.

Classi e metodi di configurazione

Tutte le proprietà di configurazione del client di cache vengono impostate in un'istanza dell'oggetto DataCacheFactoryConfiguration. L'oggetto viene trasmesso al costruttore DataCacheFactory. Per una panoramica di queste e altre classi coinvolte nella configurazione del client cache, vedere Metodi di configurazione (Memorizzazione nella cache di Windows Server AppFabric).

Processo

Per una descrizione dettagliata del processo e per un esempio di codice, vedere Introduzione a un client cache Windows Server AppFabric.

Vedere anche

  2011-12-05
Mostra: