Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Procedura: Configurare un client del bus di servizio tramite un file di configurazione

Aggiornamento: gennaio 2015

Dopo avere definito e implementato un'interfaccia del Service Bus, è possibile configurare l'applicazione client. L'applicazione può essere configurata a livello di codice o in un file App.config Se si configura l'applicazione in un file App.config, è possibile verificare con facilità le impostazioni di configurazione e consentire agli utenti di modificare le impostazioni dopo la distribuzione. Tenere presente che la configurazione di un'applicazione del Service Bus tramite un file di configurazione è analoga a quella di un'applicazione Windows Communication Foundation (WCF), descritta in Configuring Services Using Configuration Files nella documentazione relativa a Windows Communication Foundation (WCF). Di conseguenza, la seguente descrizione rappresenta una panoramica della configurazione, con particolare attenzione alle funzionalità specifiche del Service Bus.

La differenza principale tra la configurazione di un servizio e la configurazione di un client è costituita dal fatto che il client deve conoscere le impostazioni di configurazione usate dal servizio e usare le stesse. Queste impostazioni in genere includono il tipo di binding da usare e i protocolli di sicurezza che è necessario avere per accedere al servizio, ovvero la sicurezza a livello di autenticazione e di trasporto. Per altre informazioni sulla configurazione della sicurezza, vedere Sicurezza e autenticazione di una connessione a Service Bus.

  1. Creare il file App.config per definire l'endpoint del client.

    <?xml version="1.0" encoding="utf-8" ?>
    <configuration>
      <system.serviceModel>
        <client>
          <endpoint name="RelayEndpoint"
                   contract="Microsoft.ServiceBus.Samples.IEchoContract"
                   binding="netTcpRelayBinding"
                   bindingConfiguration="default"
                   behaviorConfiguration="sharedSecretEndpointBehavior"
                   address="" />    
        </client>
      </system.serviceModel>
    </configuration>
    

    Come per la configurazione di un'applicazione di servizio, i parametri minimi di cui è necessario disporre per configurare un endpoint sono il contratto per l'implementazione del servizio e il tipo di binding da usare. L'attributo address corrisponde all'indirizzo del Service Bus. Può essere specificato esplicitamente nel file di configurazione, ma di solito viene costruito a livello di codice mediante il metodo CreateServiceUri. Questo esempio associa anche un comportamento dell'endpoint al client.

  2. Definire il comportamento dell'endpoint contenente le impostazioni di sicurezza.

    <behaviors>
      <endpointBehaviors>
        <behavior name="sharedSecretEndpointBehavior">
          <transportClientEndpointBehavior credentialType="SharedSecret">
            <clientCredentials>
              <sharedSecret issuerName="ISSUER_NAME" issuerSecret="ISSUER_SECRET" />
            </clientCredentials>
          </transportClientEndpointBehavior>
        </behavior>
      </endpointBehaviors>
    </behaviors>
    
    

    Per maggiore semplicità, in questo esempio le credenziali di sicurezza vengono definite specificando il nome e il segreto dell'autorità emittente come testo non crittografato. Questa non è tuttavia una procedura di programmazione sicura. Una procedura molto più sicura, usata anche in molti esempi del Service Bus, consiste nel richiedere queste informazioni all'utente. In alternativa, è possibile decidere di crittografare il file App.config per evitare di esporre queste informazioni.

  3. Definire il binding che l'applicazione client deve usare per la connessione al Service Bus.

    <bindings>
      <!-- Application Binding -->
      <netTcpRelayBinding>
        <!-- Default Binding Configuration-->
        <binding name="default" />
      </binding>
    </bindings>
    
    
  4. È stata così completata la configurazione dell'applicazione client tramite il file App.config. Per altre informazioni sulla creazione di un'applicazione client del Service Bus, vedere Creazione di un'applicazione client del bus di servizio.

Mostra:
© 2015 Microsoft