Per visualizzare l'articolo in inglese, selezionare la casella di controllo Inglese. È possibile anche visualizzare il testo inglese in una finestra popup posizionando il puntatore del mouse sopra il testo.
Traduzione
Inglese

Procedura: configurare ed eseguire test pianificati dopo avere compilato e distribuito l'applicazione

È possibile utilizzare Visual Studio Lab Management per verificare la qualità delle compilazioni dell'applicazione. È possibile utilizzare un modello lab specifico per una definizione di compilazione per compilare l'applicazione, distribuire l'applicazione a un ambiente virtuale, quindi eseguire test automatizzati per quella compilazione. Questo processo consente di verificare che i test vengano eseguiti in un ambiente di base utilizzando uno stato noto per l'ambiente virtuale. In presenza di errori del test, si riduce la probabilità che questi siano causati da un ambiente configurato in modo errato o danneggiato, perché è possibile utilizzare lo stesso ambiente pulito ogni volta.

I test vengono eseguiti selezionando un gruppo di test dal piano di test. Ad esempio, è possibile creare un gruppo di test denominato Build Smoke Test, ovvero test di verifica della compilazione. È possibile associare test automatizzati che testano il funzionamento di base dell'applicazione con dei test case, quindi aggiungere questi test case al gruppo di test. Ad esempio, i test potrebbero essere test codificati dell'interfaccia utente che testano le operazioni di base nell'applicazione.

Ogni volta che il flusso di lavoro della compilazione viene completato per questa definizione di compilazione, i risultati dei test saranno salvati. È possibile utilizzare tali risultati per valutare il grado di stabilità della compilazione, nonché utilizzare tali informazioni per stabilire se la compilazione in questione è quella che il team addetto ai test deve iniziare subito a utilizzare. Inoltre, è possibile controllare quotidianamente la frequenza con cui tali test vengono superati per le compilazioni.

Utilizzare le procedure riportate di seguito per creare il flusso di lavoro della compilazione per compilare, distribuire e testare l'applicazione, esaminare qualsiasi problema e visualizzare o analizzare i risultati:

Le applicazioni Web e altre applicazioni complesse possono richiedere passaggi aggiuntivi per distribuirle quando si utilizza Visual Studio 2010. Ad esempio, se si utilizza Visual Studio 2010 per distribuire un'applicazione Web in un server IIS, i passaggi aggiuntivi sono descritti in questa pagina Web di Microsoft.

NotaNota

È possibile utilizzare il modello lab solo per una definizione di compilazione con trigger di compilazione in corso, manuali o pianificati. I trigger di compilazione in corso non sono consigliati, perché un errore del test consente ancora l'avvio della successiva compilazione in corso, oppure perché tali trigger arrestano l'intero sistema di compilazione. I trigger di archiviazione gestita e di integrazione continuata non sono supportati.

Prima di poter configurare il flusso di lavoro della compilazione per compilare, distribuire e testare l'applicazione, utilizzare questo elenco per verificare che siano state completate le attività seguenti:

Attività essenziali

  1. Configurare Lab Management includendo un controller di compilazione e un controller di test: Prima configurazione di Lab Management.

  2. Creare macchine virtuali per l'ambiente e aggiungere gli agenti a queste macchine virtuali. Archiviare quindi le macchine virtuali nella condivisione di libreria: Procedura: creare e archiviare macchine virtuali e modelli per Lab Management.

  3. Importare le macchine virtuali o i modelli nel progetto team da SCVMM: Procedura: importare una macchina virtuale o un modello da SCVMM.

  4. Creare un ambiente che utilizza queste macchine virtuali nei ruoli necessari, selezionare le opzioni che consentono di eseguire i test e utilizzare un flusso di lavoro per questo ambiente e avviare l'ambiente: Procedura: creare un ambiente da modelli o macchine virtuali.

    NotaNota

    È necessario installare e configurare il software richiesto per ciascuna macchina virtuale per il ruolo per cui è stata selezionata. La selezione di un ruolo per una macchina virtuale non installa alcun software.

  5. Per eseguire i test come parte dei test pianificati che interagiscono con il desktop, ad esempio test codificati dell'interfaccia utente, è necessario effettuare i passaggi seguenti:

    1. Configurare l'agente di test in modo che sia eseguito come processo interattivo anziché come servizio: Procedura: configurare l'agente di test per eseguire test che interagiscono con il desktop.

      Il processo dell'agente di test risulterà ora in esecuzione nell'area di notifica con stato online.

    2. Se la definizione di compilazione per il flusso di lavoro comporta il ripristino in base a uno snapshot specifico, non è possibile bloccare la macchina virtuale quando si tenta di eseguire i test. È necessario connettersi al computer tramite una connessione basata su host oppure utilizzando una sessione di console prima di creare lo snapshot da utilizzare per il flusso di lavoro. Per ulteriori informazioni, vedere Procedura: connettersi a un ambiente virtuale.

  6. (Consigliato) Creare uno snapshot dell'ambiente da utilizzare come stato pulito per il flusso di lavoro: Procedura: salvare lo stato corrente dell'ambiente. Prima di creare lo snapshot, effettuare i passaggi seguenti:

    1. Assicurarsi che i sistemi operativi delle macchine virtuali nell'ambiente dispongano degli ultimi aggiornamenti.

    2. Eseguire il comando gpupdate /force per ogni macchina virtuale nell'ambiente connessa a un dominio per assicurarsi che i criteri utente siano aggiornati di tutte le modifiche. Se non si esegue questo comando, gli script di distribuzione potrebbero non funzionare correttamente o i test potrebbero non essere eseguiti correttamente. Assicurarsi che i progetti di codice e i progetti di test per l'applicazione siano archiviati nel controllo del codice sorgente: Posizionamento dei file sotto il controllo della versione.

    3. Controllare che lo stato dell'ambiente sia "In esecuzione" e che lo stato delle funzionalità del flusso di lavoro e di test sia "Pronto".

      NotaNota

      Se le macchine virtuali in questo snapshot sono unite a un dominio e lo snapshot viene utilizzato per un periodo più lungo rispetto a quello di scadenza della password per il controller di dominio, è possibile che le macchine virtuali non siano più in grado di unirsi al dominio. Per ulteriori informazioni, vedere Procedura: salvare lo stato corrente dell'ambiente.

  7. Creare una definizione di compilazione per l'applicazione che possa essere utilizzata per compilare l'applicazione o per selezionare una compilazione specifica, quando si crea il flusso di lavoro della compilazione utilizzando il modello lab: Creare una definizione di compilazione di base.

  8. Associare i test automatizzati a un test case e aggiungere quest'ultimo a un gruppo di test nel piano di test per il progetto team. Per ulteriori informazioni, vedere i seguenti argomenti della Guida:

    1. Procedura: associare un test automatizzato a un test case

    2. Procedura: aggiungere un test case a un gruppo di test

    3. Procedura: creare un piano di test .

  9. Creare impostazioni di test per eseguire test automatizzati che utilizzano i ruoli nell'ambiente virtuale creato: Creazione di impostazioni di test per test automatizzati come parte di un piano di test.

Per creare il flusso di lavoro di compilazione, distribuzione e test, è necessario attenersi ai passaggi seguenti:

Creare una definizione di compilazione di base

È necessario innanzitutto creare una definizione di compilazione per il codice dell'applicazione che si desidera distribuire. Se si intende compilare ogni volta l'applicazione, disabilitare Test in questa definizione perché si eseguiranno i test dal flusso di lavoro utilizzando il modello lab.

Creare una definizione di compilazione per l'applicazione

Per creare una definizione di compilazione per l'applicazione

  1. Scegliere Nuova definizione di compilazione dal menu Compila.

  2. Nella scheda Generale, specificare un nome nella casella Nome definizione di compilazione e aggiungere una descrizione appropriata nella casella Descrizione.

  3. Seguire le istruzioni descritte nell'argomento Creare una definizione di compilazione di base.

Creare la definizione di compilazione per il flusso di lavoro

Successivamente è necessario creare un'altra definizione di compilazione per il flusso di lavoro di compilazione, distribuzione e test, come mostrato nell'illustrazione seguente:

Creare una definizione di compilazione per il flusso di lavoro

È necessario selezionare il file LabDefaultTemplate per creare il flusso di lavoro selezionando l'opzione per mostrare i dettagli del modello del processo di compilazione, come mostrato nell'illustrazione seguente:

Selezionare il modello del processo di compilazione per il flusso di lavoro

Per creare una definizione di compilazione per il flusso di lavoro

  1. Scegliere Nuova definizione di compilazione dal menu Compila.

  2. Nella scheda Generale, specificare un nome nella casella Nome definizione di compilazione e aggiungere una descrizione appropriata nella casella Descrizione.

  3. Scegliere le impostazioni nelle schede Trigger e Area di lavoro, Impostazioni predefinite compilazione e Criteri di conservazione, come descritto nell'argomento Creare una definizione di compilazione di base.

    NotaNota

    Non è necessario immettere un percorso di destinazione della compilazione nella scheda Impostazioni predefinite compilazione per questo flusso di lavoro della compilazione perché, quando si utilizza il modello lab, non si crea output di compilazione. Deselezionare Output copiato dalle compilazioni. Non verrà richiesta alcuna cartella di ricezione.

  4. Per poter selezionare il modello lab per la definizione di compilazione, nella scheda Processo fare clic su Mostra dettagli in Modello di processo di compilazione.

    Verrà visualizzato un elenco a discesa.

  5. Selezionare un modello. Si tratta del file del processo di compilazione che definisce il flusso di lavoro.

  6. Per creare un flusso di lavoro affinché la definizione di compilazione distribuisca l'applicazione a un ambiente virtuale, selezionare LabDefaultTemplate.xaml dall'elenco a discesa per File processo di compilazione.

Aggiungere i dettagli per il flusso di lavoro

A questo punto è possibile aggiungere i dettagli per il processo del flusso di lavoro, come mostrato nell'illustrazione seguente.

Aggiungere i dettagli per il flusso di lavoro

La procedura guidata Parametri flusso di lavoro lab consente di selezionare tutte le informazioni che è necessario fornire.

Configurazione guidata Parametri flusso di lavoro lab

È possibile ora mettere in coda questa compilazione per eseguire il flusso di lavoro e visualizzare lo stato di avanzamento del flusso di lavoro della compilazione.

Per aggiungere i dettagli per il flusso di lavoro

  1. Per immettere i dati per il flusso di lavoro, in Parametri processo di compilazione fare clic su Impostazioni processo lab e quindi fare clic sui puntini di sospensione (…).

    Verrà avviata la procedura guidata Parametri flusso di lavoro lab dove si immetteranno le informazioni per il flusso di lavoro.

  2. Nella scheda Ambiente selezionare l'ambiente virtuale al quale si desidera distribuire l'applicazione.

    NotaNota

    Questo ambiente deve essere attivo. Se si utilizza un ambiente archiviato nella libreria, è necessario distribuirlo per renderlo attivo. È inoltre consigliabile creare l'ambiente in maniera specifica per il flusso di lavoro e non consentirne l'utilizzo da parte di altri utenti. In questo modo, è possibile evitare che si verifichino problemi dovuti al fatto che l'ambiente è in uso e il flusso di lavoro della compilazione comporta il ripristino dell'ambiente in base a uno snapshot specifico o che gli script di distribuzione vengono eseguiti nell'ambiente mentre un altro utente esegue un test.

  3. (Consigliato) Se si desidera che la definizione di compilazione lab ripristini uno stato noto per l'ambiente, selezionare l'opzione Ripristina snapshot specifico dell'ambiente, quindi fare clic sui puntini di sospensione (…) per selezionare uno snapshot specifico.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Seleziona snapshot ambiente. Selezionare lo snapshot, quindi fare clic su OK.

    Nota importanteImportante

    Si consiglia di ripristinare in base a uno snapshot per assicurarsi di eseguire i test coerentemente ogni volta che si esegue la compilazione da uno stato noto per l'ambiente. In questo modo si riduce l'incertezza nella determinazione della causa di errori del test. Ad esempio, un altro utente potrebbe aver modificato l'ambiente corrente aggiungendo software che potrebbe impedire la corretta esecuzione dei test.

  4. Fare clic su Avanti.

  5. Se si desidera utilizzare questa definizione del flusso di lavoro per compilare l'applicazione ogni volta che si mette in coda questa definizione, attenersi alla seguente procedura:

    1. Selezionare Usa compilazione di Team Foundation e selezionare la definizione precedentemente creata.

    2. Selezionare Accoda nuova compilazione.

  6. Se si desidera che questa definizione del flusso di lavoro utilizzi una compilazione esistente e non ricompili l'applicazione, attenersi alla seguente procedura:

    1. Selezionare Usa compilazione di Team Foundation e selezionare la definizione precedentemente creata.

    2. Selezionare Seleziona compilazione esistente. Selezionare quindi una compilazione dall'elenco a discesa. Le compilazioni esistenti create dalla definizione di compilazione selezionata sono visualizzate nell'elenco.

    3. Selezionare una configurazione di configurazione da Configurazione di compilazione.

      NotaNota

      Le configurazioni di compilazione vengono specificate quando si crea la definizione di compilazione per l'applicazione. Se sono disponibili più configurazioni di compilazione, è possibile selezionarne una da questo elenco.

  7. Se si desidera definire il percorso di una compilazione, selezionare Utilizza compilazione di un percorso specificato, quindi specificare il percorso UNC della compilazione esistente.

  8. Fare clic su Avanti.

  9. Per distribuire l'applicazione come parte del flusso di lavoro, nella scheda Distribuisci selezionare Distribuisci compilazione.

  10. Per aggiungere gli script o i comandi richiesti per distribuire l'applicazione, fare clic su Aggiungi. Selezionare la macchina virtuale per la quale si desidera aggiungere lo script o il comando.

    È possibile ora aggiungere script o comandi per ogni macchina virtuale nell'ambiente. Ad esempio, se si dispone di un client Windows come parte dell'applicazione, è possibile avere uno script che copia il file eseguibile nella posizione che sarà utilizzata dal test codificato dell'interfaccia utente per avviare i test sulla macchina virtuale. Se si dispone di un server Web, sarà necessario eseguire lo script o il comando per distribuire quella parte dell'applicazione.

    Di seguito sono riportate le variabili che possono essere utilizzate con gli script:

    • $(BuildLocation): si tratta della posizione della compilazione. Se è stato specificato di utilizzare la compilazione da una posizione condivisa, questa variabile rappresenta quel percorso. Per le altre opzioni, si tratta del percorso completo per la compilazione in base alla configurazione selezionata per la compilazione e la destinazione finale di compilazione nella definizione di compilazione. Se si compila l'applicazione come parte del flusso di lavoro, è possibile utilizzare questo percorso per accedere ai file più recenti creati da quella compilazione.

    • $(InternalComputerName_<Nome MV>): questa variabile viene utilizzata per ottenere il nome del computer di una macchina virtuale che fa parte di un ambiente virtuale. Si potrebbe conoscere il nome della macchina virtuale, ma non quello del computer. Se si dispone di uno script di distribuzione per configurare un server Web che richiede il nome del computer, è possibile passare la variabile come argomento allo script. Se, ad esempio, il nome della macchina virtuale per il server Web fosse VM1 e il nome del computer fosse MyWebServer, sarebbe necessario digitare $(InternalComputerName_VM1) come argomento per lo script, per passare il valore MyWebServer allo script.

    • $(ComputerName_<Nome MV>): nome di dominio completo della macchina virtuale. Questa variabile può essere utilizzata per accedere al computer anche dall'esterno dell'ambiente virtuale. Può essere utile passare questo nome come argomento per configurare un server Web. Ad esempio, se il nome della macchina virtuale per il server Web fosse VM1, si dovrebbe digitare $(ComputerName_VM1) come argomento per lo script per passare il nome di dominio completo della macchina virtuale.

    Se si utilizza l'isolamento rete per l'ambiente, il valore di $(InternalComputerName_<Nome MV) sarà lo stesso per l'istanza di una macchina virtuale in ogni copia di questo ambiente, mentre $(ComputerName_<Nome MV>) sarà diverso. Il nome del computer per una macchina virtuale potrebbe, ad esempio, essere MyWebServer in ogni copia dell'ambiente, mentre il nome di dominio completo sarebbe univoco: VM_<identificatore univoco>.domain_name.com.

    Nota importanteImportante

    Se si desidera aggiungere un comando che viene eseguito da un prompt di Windows, ad esempio mkdir o l'esecuzione di un file batch, è necessario iniziare il comando utilizzando cmd /c. Ad esempio, cmd /c $(BuildLocation)\copyexe $(BuildLocation) dove copyexe è un file batch copyexe.bat che copia un file eseguibile in una directory locale nella macchina virtuale.

    Se lo script o il comando richiede una directory di lavoro specifica, è possibile digitare la directory in Directory di lavoro.

    NotaNota

    Verificare di poter eseguire i test in base al percorso dei file dopo avere distribuito l'applicazione. Ad esempio, se il test codificato dell'interfaccia utente avvia un'applicazione client Windows, verificare che il file eseguibile sia nella directory corretta affinché i test possano essere eseguiti.

    È anche necessario verificare che i nomi dei computer nell'ambiente siano corretti per l'applicazione. Ad esempio, potrebbe essere necessario verificare che la macchina virtuale per il ruolo del server Web sia configurata per accedere a un'istanza del server database nella macchina virtuale per il ruolo di server database.

  11. (Consigliato) Per creare uno snapshot dell'ambiente dopo la distribuzione dell'applicazione, ma prima di eseguire qualsiasi test, è necessario effettuare le operazioni seguenti:

    1. Selezionare Dopo la distribuzione della compilazione crea uno snapshot dell'ambiente.

      Nota importanteImportante

      Se si esegue questa definizione di compilazione come parte del processo del flusso di lavoro notturno, ogni macchina virtuale nell'ambiente disporrà presto di numerosi snapshot. Ciò causa la riduzione delle prestazioni della macchina virtuale. È inoltre previsto un limite di 50 snapshot che è possibile archiviare per ogni ambiente virtuale. Pertanto, è necessario eliminare con regolarità gli snapshot obsoleti.

    2. In Immettere il nome dello snapshot digitare un nome per lo snapshot.

    NotaNota

    È possibile utilizzare questo snapshot per connettersi all'ambiente e rieseguire un test se si desidera esaminare un problema. Questa operazione può essere svolta anche da un altro membro del team. Spesso può essere utile utilizzare questo snapshot per rieseguire un test su un sistema pulito con l'applicazione installata per determinare l'accaduto o anche per verificare se l'applicazione è stata installata correttamente.

  12. Fare clic su Avanti.

  13. Per eseguire test automatizzati dopo avere distribuito l'applicazione, è necessario effettuare i passaggi seguenti:

    1. Selezionare Ambiente per l'esecuzione dei test.

    2. In Seleziona piano di test selezionare il piano di test che si desidera utilizzare. I risultati del test saranno salvati come parte di questo piano di test.

    3. In Seleziona gruppi di test fare clic sui puntini di sospensione (…) e nella finestra di dialogo Seleziona gruppi di test selezionare i gruppi di test che si desidera eseguire.

      NotaNota

      Per impostazione predefinita, è selezionato il gruppo di test radice. Se non si desidera eseguire test in questo gruppo, è necessario deselezionare il campo.

    4. In Seleziona configurazione di test selezionare la configurazione che si intende utilizzare per eseguire i test.

      NotaNota

      I risultati del test per ogni test case in ogni gruppo di test selezionato saranno salvati come abbinamento di ogni test case nel gruppo di test con la configurazione di test selezionati. Per ulteriori informazioni sulle configurazioni di test, vedere Definizione della matrice di test utilizzando configurazioni di test.

    5. In Seleziona impostazioni test automatizzato selezionare le impostazioni di test precedentemente create per creare la corrispondenza con i ruoli nell'ambiente virtuale nel passaggio 9 del processo globale di questo argomento. Per ulteriori informazioni sulle impostazioni di test, vedere Creazione di impostazioni di test per test automatizzati come parte di un piano di test.

  14. Fare clic su Fine.

  15. Fare clic su Salva per salvare la definizione di compilazione.

    La definizione di compilazione creata viene visualizzata nella cartella Compilazioni in Team Explorer.

Accodare la definizione di compilazione per il flusso di lavoro

È possibile ora mettere in coda questa compilazione per eseguire il flusso di lavoro e visualizzare lo stato di avanzamento del flusso di lavoro della compilazione.

Per accodare la definizione di compilazione per il flusso di lavoro

  1. Per avviare la definizione di compilazione per compilare, distribuire e testare l'applicazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla definizione di compilazione lab nella cartella delle compilazioni e fare clic su Accoda nuova compilazione.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Accoda compilazione.

  2. Verificare le informazioni per il flusso di lavoro della compilazione, quindi fare clic su Accoda.

    Verrà aperta la visualizzazione Build Explorer.

  3. Per vedere la visualizzazione Riepilogo compilazione durante la compilazione, fare doppio clic sulla compilazione.

    È possibile vedere lo stato man mano che la compilazione prosegue.

  4. (Facoltativo) Se si desidera visualizzare l'ambiente durante la compilazione, aprire Microsoft Test Manager, individuare Centro lab, fare clic su Lab e fare clic sull'ambiente nell'elenco. È possibile visualizzare lo stato di avanzamento della compilazione riflesso nell'immagine per l'ambiente e nei dettagli dell'ambiente sopra l'immagine come segue:

    • Lo snapshot viene ripristinato se è stata selezionata questa opzione.

    • Lo snapshot post-distribuzione viene creato se è stata selezionata questa opzione.

    • Stato delle funzionalità (la freccia verde indica quando una funzionalità è pronta).

    • Test in esecuzione, se i test interagiscono con l'interfaccia utente.

    Se il flusso di lavoro della compilazione viene completato correttamente, verrà visualizzato un segno di spunta verde. Se si verificano degli errori, è possibile fare clic su Visualizza log per vederne i dettagli.

È possibile connettersi all'ambiente per esaminare un problema se, durante il processo del flusso di lavoro della compilazione, un test non riesce. È possibile connettersi allo snapshot post-distribuzione, se è stata selezionata questa opzione nel flusso di lavoro della compilazione, o all'ambiente nello stato corrente, come mostrato nell'illustrazione seguente.

Connettersi all'ambiente dai risultati di compilazione

Per connettersi all'ambiente dai risultati della compilazione

  1. Dalla cartella Compilazioni in Team Explorer, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla definizione del flusso di lavoro della compilazione e scegliere Visualizza compilazioni.

    Verrà aperta la visualizzazione Build Explorer.

  2. Per visualizzare la compilazione completata, fare clic sulla scheda Completate.

  3. Fare doppio clic sulla compilazione che si desidera visualizzare.

    Verrà aperta la visualizzazione Riepilogo compilazione.

  4. Fare clic sul collegamento accanto a Visualizza lo snapshot <nome compilazione e numero> dell'ambiente.

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Connetti all'ambiente.

  5. Se si desidera connettersi allo snapshot acquisito dopo la distribuzione dell'applicazione, fare clic su Connetti allo snapshot nell'ambiente corrente.

    NotaNota

    Connettendosi a questo snapshot, qualsiasi modifica apportata dopo questo snapshot post-distribuzione verrà eliminata. Se si desidera mantenere le modifiche, connettersi all'ambiente nello stato corrente e creare uno snapshot prima di ripristinare in base allo snapshot post-distribuzione. Per informazioni su come creare uno snapshot, vedere Procedura: salvare lo stato corrente dell'ambiente.

  6. Se si desidera connettersi all'ambiente nello stato corrente dopo aver eseguito tutti i test dal flusso di lavoro, fare clic su Connetti all'ambiente nello stato corrente.

  7. Fare clic su Connetti.

    Verrà visualizzato Visualizzatore dell'ambiente Microsoft e si verrà connessi all'ambiente. Sarà così possibile esaminare i problemi riscontrati.

È possibile visualizzare il riepilogo dei risultati del test nel riepilogo del flusso di lavoro della compilazione. Tuttavia, è possibile visualizzare e analizzare i risultati del test anche utilizzando Microsoft Test Manager perché i risultati sono archiviati come parte del piano di test. Questo passaggio è mostrato nell'illustrazione seguente. Per ulteriori informazioni sulla segnalazione dei risultati dei test per un piano di test, vedere Generazione di rapporti sullo stato di avanzamento dei test per i piani di test.

Visualizzare i risultati dei test dal flusso di lavoro di compilazione

Per visualizzare e analizzare i risultati del test da Microsoft Test Manager

  1. Aprire Microsoft Test Manager.

    NotaNota

    Per visualizzare la finestra di Microsoft Test Manager, fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Tutti i programmi. Selezionare Microsoft Visual Studio 2010, quindi fare clic su Microsoft Test Manager.

  2. Per visualizzare i risultati dei test, fare clic sulla freccia GIÙ nello strumento di selezione del gruppo centrale, quindi su Testing Center.

  3. Sulla barra dei menu del gruppo centrale, fare clic su Test, quindi selezionare uno dei gruppi di test dalla gerarchia dei gruppi di test utilizzata nel flusso di lavoro della compilazione.

    È possibile vedere i risultati dei test per la configurazione selezionata nel flusso di lavoro della compilazione.

  4. Se si desidera analizzare l'esecuzione dei test completa, fare clic su Analizza esecuzioni dei test.

    Verrà visualizzata l'attività Analizza esecuzioni dei test. L'attività indica tutte le esecuzioni dei test per il piano di test.

    NotaNota

    Il titolo dell'esecuzione rifletterà il nome della definizione di compilazione. L'ID di esecuzione viene visualizzato nella pagina di riepilogo della compilazione per facilitare l'identificazione dell'esecuzione.

  5. Fare doppio clic su un'esecuzione dei test per aprirla e visualizzare i dettagli. Verranno visualizzati i dettagli dell'esecuzione dei test.

  6. (Facoltativo) Per aggiornare il titolo dell'esecuzione dei test in modo da renderlo più significativo, digitare il nuovo nome in Titolo.

  7. (Facoltativo) Se il test non è stato superato, è possibile aggiornare la causa dell'errore. Fare clic su Risoluzione e selezionare la causa dell'errore nell'elenco.

  8. (Facoltativo) Per aggiungere commenti al risultato del test, fare clic sull'icona Commenti. Digitare i commenti, quindi fare clic su Salva commenti.

  9. (Facoltativo) Per visualizzare i dettagli del singolo test, fare doppio clic sul test.

    Verrà visualizzato il risultato del test. Nel risultato del test vengono visualizzati i dettagli relativi all'esecuzione del test, gli allegati per dati raccolti per il risultato del test e la cronologia dei risultati. È possibile chiudere questa visualizzazione per tornare all'esecuzione dei test.

    NotaNota

    Se determina che esiste un bug, è possibile creare un bug da questa visualizzazione.

  10. Per salvare le modifiche per l'esecuzione dei test, fare clic su Salva nella barra degli strumenti.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra: