Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Set Blob Properties

Aggiornamento: gennaio 2014

Tramite l'operazione Set Blob Properties vengono impostate proprietà di sistema sul Blob.

La richiesta Set Blob Properties può essere costruita nel modo seguente. Si consiglia di utilizzare HTTPS. Sostituire myaccount con il nome dell'account di archiviazione:

 

  URI della richiesta del metodo PUT Versione HTTP

https://myaccount.blob.core.windows.net/mycontainer/myblob?comp=properties

HTTP/1.1

Quando si effettua una richiesta nel servizio di archiviazione emulato, specificare il nome host dell'emulatore e la porta del servizio Blob come 127.0.0.1:10000, seguiti dal nome dell'account di archiviazione emulato:

 

  URI della richiesta del metodo PUT Versione HTTP

http://127.0.0.1:10000/ devstoreaccount1/mycontainer/myblob?comp=properties

HTTP/1.1

Per altre informazioni, vedere Uso dell'emulatore di archiviazione di Azure per lo sviluppo e il test.

Nell'URI della richiesta è possibile specificare i parametri aggiuntivi seguenti.

 

Parametro Descrizione

timeout

Facoltativo. Il parametro timeout viene espresso in secondi. Per altre informazioni, vedere Impostazione di timeout per le operazioni del servizio Blob.

Nella tabella seguente vengono descritte le intestazioni della richiesta obbligatorie e facoltative per le operazioni sui Blob in blocchi e sui Blob di pagine.

 

Intestazione della richiesta Descrizione

Authorization

Obbligatorio. Specifica lo schema di autenticazione, il nome dell'account e la firma. Per altre informazioni, vedere Autenticazione per i servizi di archiviazione di Azure.

Date o x-ms-date

Obbligatorio. Specifica l'ora UTC (Coordinated Universal Time) per la richiesta. Per altre informazioni, vedere Autenticazione per i servizi di archiviazione di Azure.

x-ms-version

Obbligatoria per tutte le richieste autenticate. Specifica la versione dell'operazione da utilizzare per questa richiesta. Per altre informazioni, vedere Controllo delle versioni per i servizi di archiviazione di Azure.

x-ms-blob-cache-control

Facoltativo. Modifica la stringa di controllo della cache per il Blob.

Se questa proprietà non è specificata sulla richiesta, la proprietà verrà cancellata per il Blob. Le chiamate successive a Get Blob Properties non restituiscono questa proprietà, a meno che non venga nuovamente impostata in modo esplicito sul Blob.

x-ms-blob-content-type

Facoltativo. Imposta il tipo di contenuto del Blob.

Se questa proprietà non è specificata sulla richiesta, la proprietà verrà cancellata per il Blob. Le chiamate successive a Get Blob Properties non restituiscono questa proprietà, a meno che non venga nuovamente impostata in modo esplicito sul Blob.

x-ms-blob-content-md5

Facoltativo. Imposta l'hash MD5 del Blob.

Se questa proprietà non è specificata sulla richiesta, la proprietà verrà cancellata per il Blob. Le chiamate successive a Get Blob Properties non restituiscono questa proprietà, a meno che non venga nuovamente impostata in modo esplicito sul Blob.

x-ms-blob-content-encoding

Facoltativo. Imposta la codifica del contenuto del Blob.

Se questa proprietà non è specificata sulla richiesta, la proprietà verrà cancellata per il Blob. Le chiamate successive a Get Blob Properties non restituiscono questa proprietà, a meno che non venga nuovamente impostata in modo esplicito sul Blob.

x-ms-blob-content-language

Facoltativo. Imposta il linguaggio del contenuto del Blob.

Se questa proprietà non è specificata sulla richiesta, la proprietà verrà cancellata per il Blob. Le chiamate successive a Get Blob Properties non restituiscono questa proprietà, a meno che non venga nuovamente impostata in modo esplicito sul Blob.

x-ms-lease-id:<ID>

Obbligatoria se il Blob presenta un lease attivo. Per eseguire questa operazione su un Blob con un lease attivo, specificare l'ID lease valido per questa intestazione.

x-ms-client-request-id

Facoltativo. Fornisce un valore opaco generato dal client con un limite di caratteri di 1 KB che viene registrato nei log di analisi quando la registrazione di Analisi archiviazione è abilitata. L'utilizzo di questa intestazione è consigliato per la correlazione tra le attività sul lato client e le richieste ricevute dal server. Per altre informazioni vedere Informazioni sulla registrazione di Analisi archiviazione e l'articolo relativo all'utilizzo di log per tenere traccia delle richiesta di archiviazione nella registrazione di Azure.

x-ms-blob-content-disposition

Facoltativo. Imposta l'intestazione Content-Disposition del BLOB. Disponibile con la versione 2013-08-15 e successive.

Il campo di intestazione di risposta Content-Disposition contiene informazioni aggiuntive su come elaborare il payload di risposta e può inoltre essere utilizzato per collegare i metadati aggiuntivi. Ad esempio, se è impostato su attachment, indica che l'agente utente non visualizza la risposta, ma visualizza invece una finestra di dialogo Salva con nome con un nome di file diverso da quello del BLOB specificato.

La risposta delle operazioni Get Blob e Get Blob Properties include l'intestazione content-disposition.

Origin

Facoltativo. Specifica l'origine da cui proviene la richiesta. La presenza di questa intestazione determina la presenza di intestazioni di condivisione delle risorse multiorigine nella risposta. Per informazioni dettagliate, vedere Supporto della condivisione delle risorse tra le origini (CORS) per i servizi di archiviazione Azure.

Questa operazione supporta anche l'utilizzo delle intestazioni condizionali per impostare le proprietà dei BLOB solo se viene soddisfatta una determinata condizione. Per altre informazioni, vedere Specifica di intestazioni condizionali per le operazioni del servizio Blob.

Nella tabella seguente vengono descritte le intestazioni della richiesta applicabili solo alle operazioni sui Blob di pagine.

 

Intestazione della richiesta Descrizione

x-ms-blob-content-length: byte value

Facoltativo. Ridimensiona un Blob di pagine alle dimensioni specificate. Se il valore specificato è inferiore alle dimensioni correnti del Blob, tutte le pagine che superano il valore specificato vengono cancellate.

Questa proprietà non può essere utilizzata per modificare le dimensioni di un Blob in blocchi. L'impostazione di questa proprietà per un Blob in blocchi restituisce il codice di stato 400 (Richiesta non valida).

x-ms-sequence-number-action: {max, update, increment}

Facoltativa, ma obbligatoria se l'intestazione x-ms-blob-sequence-number è impostata per la richiesta. Questa proprietà si applica solo ai Blob di pagine.

Questa proprietà indica il modo in cui il servizio deve modificare il numero di sequenza del Blob. Specificare una delle opzioni seguenti per questa proprietà:

  • max: imposta il numero di sequenza affinché sia il più elevato dei valori inclusi con la richiesta e dei valori attualmente archiviati per il Blob.

  • update: imposta il numero di sequenza sul valore incluso nella richiesta.

  • increment: incrementa di 1 il valore del numero di sequenza. Se si specifica questa opzione, non includere x-ms-blob-sequence-number header, altrimenti verrà restituito il codice di stato 400 (Richiesta non valida).

x-ms-blob-sequence-number: <num>

Facoltativa, ma obbligatoria se la proprietà x-ms-sequence-number-action è impostata su max o update. Questa proprietà si applica solo ai Blob di pagine.

Questa proprietà consente di impostare il numero di sequenza del Blob. Il numero di sequenza è una proprietà controllata dall'utente che è possibile utilizzare per tenere traccia delle richieste e gestire i problemi di concorrenza. Per altre informazioni, vedere l'operazione Put Page.

Utilizzare questa proprietà con x-ms-sequence-number-action per aggiornare il numero di sequenza del Blob, sul valore specificato o sul più elevato dei valori specificati con la richiesta o attualmente archiviati nel Blob. Questa intestazione non deve essere specificata se x-ms-sequence-number-action è impostato su increment; in questo caso il servizio incrementa automaticamente il numero di sequenza di uno.

Per impostare il numero di sequenza su un valore a scelta, questa proprietà deve essere specificata sulla richiesta con x-ms-sequence-number-action.

Nella risposta sono inclusi un codice di stato HTTP e un set di intestazioni per la risposta.

Un'operazione completata correttamente restituisce il codice di stato 200 (OK).

Per informazioni sui codici di stato, vedere Codici ed errori di stato.

Nella risposta per questa operazione sono incluse le intestazioni riportate di seguito; inoltre, possono essere incluse intestazioni HTTP standard aggiuntive. Tutte le intestazioni standard sono conformi alla specifica del protocollo HTTP/1.1.

 

Sintassi Descrizione

ETag

Il valore ETag contiene un valore che è possibile utilizzare per eseguire le operazioni in modo condizionale. Per altre informazioni, vedere Specifica di intestazioni condizionali per le operazioni del servizio Blob. Se la versione della richiesta è 2011-08-18 o successive, il valore ETag sarà racchiuso tra virgolette.

Last-Modified

Data e ora dell'ultima modifica del Blob. Il formato data è conforme a RFC 1123. Per altre informazioni, vedere Rappresentazione di valori di data e ora nelle intestazioni.

Qualsiasi operazione di scrittura sul Blob, inclusi aggiornamenti dei metadati o delle proprietà del Blob, comporta la modifica dell'ora dell'ultima modifica del Blob.

x-ms-blob-sequence-number

Se si tratta di un Blob di pagine, il numero di sequenza corrente del Blob viene restituito con questa intestazione.

x-ms-request-id

Questa intestazione identifica in modo univoco la richiesta effettuata e può essere utilizzata per risolvere i problemi relativi alla richiesta. Per altre informazioni, vedere Risoluzione dei problemi relativi alle operazioni dell'API.

x-ms-version

Indica la versione del servizio Blob utilizzata per eseguire la richiesta. Questa intestazione viene restituita per le richieste effettuate nella versione 2009-09-19 e successive.

Date

Valore data/ora UTC generato dal servizio che indica l'ora in cui è stata avviata la risposta.

Access-Control-Allow-Origin

Restituito se la richiesta include un'intestazione Origin e la condivisione CORS è abilitata con una regola di corrispondenza. Questa intestazione restituisce il valore dell'intestazione della richiesta di origine nel caso di una corrispondenza.

Access-Control-Expose-Headers

Restituito se la richiesta include un'intestazione Origin e la condivisione CORS è abilitata con una regola di corrispondenza. Restituisce l'elenco delle intestazioni di risposta che devono essere esposte al client o all'emittente della richiesta.

Access-Control-Allow-Credentials

Restituito se la richiesta include un'intestazione Origin e la condivisione CORS è abilitata con una regola di corrispondenza che non ammette tutte le origini. Questa intestazione sarà impostata su True.

Questa operazione può essere chiamata solo dal proprietario dell'account e da qualsiasi altro utente che utilizza una firma di accesso condiviso con l'autorizzazione di scrittura per il Blob o il contenitore.

La semantica per aggiornare le proprietà di un Blob è la seguente:

  • Il numero di sequenza di un Blob di pagine viene aggiornato solo se la richiesta soddisfa una delle condizioni seguenti:

    • La richiesta imposta x-ms-sequence-number-action su max o updatee specifica un valore per l'intestazione x-ms-blob-sequence-number.

    • La richiesta imposta x-ms-sequence-number-action su increment, per indicare che il servizio deve incrementare il numero di sequenza di uno.

  • Le dimensioni di un Blob di pagine vengono modificate solo se la richiesta specifica un valore per l'intestazione x-ms-content-length.

  • Se una richiesta imposta solo x-ms-blob-sequence-number e/o x-ms-content-lengthe non altre proprietà, nessuna delle altre proprietà del Blob viene modificata.

  • Se una o più delle proprietà seguenti vengono impostate nella richiesta, tutte queste proprietà vengono impostate insieme. Se un valore non viene fornito per una determinata proprietà quando almeno una delle proprietà elencate di seguito è impostata, tale proprietà verrà cancellata per il Blob.

    • x-ms-blob-cache-control

    • x-ms-blob-content-type

    • x-ms-blob-content-md5

    • x-ms-blob-content-encoding

    • x-ms-blob-content-language

    • x-ms-blob-content-disposition

Notare che, per una firma di accesso condivisa, è possibile ignorare determinate proprietà archiviate per il BLOB specificando i parametri di query come parte della firma di accesso condivisa. Tra queste proprietà sono incluse cache-control, content-type, content-encoding, content-language e content-disposition. Per altre informazioni, vedere Creazione dell'URI di una firma di accesso condiviso.

Mostra:
© 2015 Microsoft