Aggiornare la distribuzione

Aggiornare la distribuzione

 

L'operazione asincrona Upgrade Deployment avvia un aggiornamento di istanze del ruolo in una distribuzione usando il pacchetto e la configurazione specificati. Per ulteriori informazioni sull'aggiornamento delle istanze del ruolo, vedere aggiornare un servizio di Azure.

La richiesta di Upgrade Deployment può essere specificata come indicato di seguito. Sostituire <subscription-id> con l'ID sottoscrizione, <cloudservice-name> con il nome del servizio cloud, <deployment-slot> con staging o production e <deployment-name> con il nome della distribuzione.

Metodo

URI della richiesta

POST

https://management.core.windows.net/<subscription-id>/services/hostedservices/<cloudservice-name>/deploymentslots/<deployment-slot>/

POST

https://management.core.windows.net/<subscription-id>/services/hostedservices/<cloudservice-name>/deployments/<deployment-name>/

È necessario verificare che la richiesta eseguita al servizio di gestione sia sicura. Per ulteriori dettagli, vedere l'autenticazione di richieste di gestione del servizio.

Parametro URI

Descrizione

comp=upgrade

Obbligatorio. Specifica che la distribuzione deve essere aggiornata.

La tabella seguente descrive le intestazioni della richiesta.

Intestazione della richiesta

Descrizione

Content-Type

Obbligatorio. Impostare questa intestazione su application/xml.

x-ms-version

Obbligatorio. Specifica la versione dell'operazione da usare per questa richiesta. Questa intestazione deve essere impostata su 2009-10-01 o versione successiva. Per ulteriori informazioni sulle intestazioni di controllo delle versioni, vedere il controllo delle versioni di Service Management.

Il formato del corpo della richiesta è il seguente:


<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <UpgradeDeployment xmlns="http://schemas.microsoft.com/windowsazure"> <Mode>type-of-upgrade</Mode> <PackageUrl>url-to-package</PackageUrl> <Configuration>base64-encoded-config-file</Configuration> <Label>base-64-encoded-label</Label> <RoleToUpgrade>role-name</RoleToUpgrade> <Force>true|false</Force> <ExtendedProperties> <ExtendedProperty> <Name>property-name</Name> <Value>property-value</Value> </ExtendedProperty> </ExtendedProperties> <ExtensionConfiguration> <AllRoles> <Extension> <Id>identifier-of-extension</Id> <State>state-of-extension</State> </Extension> </AllRoles> <NamedRoles> <Role> <RoleName>role_name1</RoleName> <Extensions> <Extension> <Id>identifier-of-extension</Id> <State>state-of-extension</State> </Extension> </Extensions> </Role> </NamedRoles> </ExtensionConfiguration> </UpgradeDeployment>

Nella tabella indicata di seguito vengono descritti gli elementi nel corpo della richiesta.

Nome elemento

Descrizione

Mode

Obbligatorio. Specifica il tipo di aggiornamento da avviare. Le istanze del ruolo vengono allocate a domini di aggiornamento quando il servizio viene distribuito. Gli aggiornamenti possono essere avviati manualmente in ogni dominio di aggiornamento o avviati automaticamente in tutti i domini di aggiornamento. I valori possibili sono:

  • Auto

  • Manual

  • Simultaneous

Se non specificato, il valore predefinito è Auto. Se è impostato su Manual, è necessario chiamare per applicare l'aggiornamento.WalkUpgradeDomain Se è impostato su Auto, l'aggiornamento viene applicato automaticamente a ogni dominio di aggiornamento in sequenza.

L'impostazione Simultaneous è disponibile solo nella versione 2012-12-01 o versioni successive.

PackageUrl

Obbligatorio. Specifica un URL che fa riferimento alla posizione del pacchetto del servizio nel servizio BLOB. Il pacchetto del servizio può trovarsi in un account di archiviazione nella stessa sottoscrizione o un URI della firma di accesso condiviso da qualsiasi account di archiviazione. Per altre informazioni sulle firme di accesso condiviso, vedere Delega dell'accesso con una firma di accesso condiviso.

Configurazione

Obbligatorio. Specifica il file di configurazione del servizio con codifica Base 64 per la distribuzione.

Label

Obbligatorio. Specifica il nome per il servizio cloud con codifica Base 64. Il nome può contenere un massimo di 100 caratteri. È consigliabile usare un'etichetta univoca all'interno della sottoscrizione. Il nome può essere usato per identificare il servizio cloud per motivi di rilevamento.

RoleToUpgrade

Facoltativa. Specifica il nome dell'istanza del ruolo specifica da aggiornare.

Force

Obbligatorio. Indica se l'aggiornamento deve continuare anche se ciò comporterà la perdita di alcune istanze del ruolo locale dei dati.True Se l'aggiornamento deve procedere. in caso contrario false.

Il Force elemento è disponibile solo utilizzando la versione 2011-10-01 o superiore.

Nome

Facoltativa. Specifica il nome di una proprietà estesa del servizio cloud. Ogni proprietà estesa deve contenere un nome e un valore definiti. È possibile avere un massimo di 25 coppie nome/valore per le proprietà estese.

La lunghezza massima dell'elemento Name è di 64 caratteri. Nel nome sono validi solo i caratteri alfanumerici e i caratteri di sottolineatura. Il nome deve iniziare con una lettera. Se si tenta di usare altri caratteri, di immettere un elemento che inizia con un carattere diverso da una lettera o di specificare un nome identico a quello di un'altra proprietà estesa appartenente allo stesso servizio cloud, si verificherà un errore con codice di stato 400 (Richiesta non valida).

Il Name elemento è disponibile solo utilizzando la versione 2012-03-01 o superiore.

Valore

Facoltativa. Specifica il valore di una proprietà estesa del servizio cloud. Ogni proprietà estesa deve contenere un nome e un valore definiti. È possibile avere un massimo di 25 coppie nome/valore per le proprietà estese e il valore di ciascuna proprietà contiene un massimo di 255 caratteri.

Eliminare una proprietà estesa impostando il valore su NULL.

Il Value elemento è disponibile solo utilizzando la versione 2012-03-01 o superiore.

ExtensionConfiguration

Facoltativa. Specifica un'estensione aggiunta al servizio cloud. In Azure un processo può essere eseguito come estensione di un servizio cloud. È necessario aggiungere un'estensione al servizio cloud usando Aggiungere un'estensione prima di poterla aggiungere alla distribuzione durante un aggiornamento.

Il ExtensionConfiguration elemento è disponibile solo utilizzando la versione 2013-03-01 o superiore.

Specifica un'estensione aggiunta al servizio cloud.

Nome elemento

Descrizione

AllRoles

Facoltativa. Specifica un elenco di estensioni applicate a tutti i ruoli in una distribuzione.

Estensione

Obbligatorio. Specifica un'estensione che deve essere distribuita in un ruolo in un servizio cloud.

NamedRoles

Facoltativa. Specifica un elenco di estensioni applicate a ruoli specifici in una distribuzione.

Specifica un'estensione che deve essere distribuita in un ruolo in un servizio cloud.

Nome elemento

Descrizione

Id

Obbligatorio. Specifica l'identificatore dell'estensione. L'identificatore viene creato quando l'estensione viene aggiunta al servizio cloud. È possibile trovare l'ID di un'estensione aggiunta a un servizio cloud creato usando Elencare le estensioni.

State

Facoltativa. Specifica lo stato dell'estensione. Questo elemento si applica a estensioni configurate JSON.

I valori possibili sono:

  • Enable

  • Disable

  • Uninstall

Il valore predefinito è Enable.

Il State elemento è disponibile solo utilizzando la versione 2014-06-01 o superiore.

Specifica un elenco di estensioni applicate a ruoli specifici in una distribuzione.

Nome elemento

Descrizione

Ruolo

Obbligatorio. Specifica un determinato ruolo a cui viene aggiunta l'estensione.

RoleName

Obbligatorio. Specifica il nome del ruolo.

Estensione

Obbligatorio. Specifica un'estensione che deve essere distribuita in un ruolo in un servizio cloud.

Nella risposta sono inclusi un codice di stato HTTP e un set di intestazioni per la risposta.

Un'operazione completata correttamente restituisce 200 (OK). Per informazioni sui codici di stato, vedere stato di gestione del servizio e i codici di errore.

Nella risposta per questa operazione sono incluse le intestazioni riportate di seguito; inoltre, possono essere incluse intestazioni HTTP standard aggiuntive. Tutte le intestazioni standard sono conformi alla specifica del protocollo HTTP/1.1.

Intestazione della risposta

Descrizione

x-ms-request-id

Valore che identifica in modo univoco una richiesta eseguita nel servizio di gestione. Per un'operazione asincrona, è possibile chiamare Ottenere lo stato delle operazioni con il valore dell'intestazione per determinare se l'operazione è stata completata, ha avuto esito negativo o è ancora in corso.

Per eseguire un aggiornamento automatico di una distribuzione, chiamare o Modificare la configurazione di distribuzione con l'elemento Mode impostato su automatic. L'aggiornamento continua da tale punto senza necessità di ulteriore input. È possibile chiamare Ottenere lo stato delle operazioni per determinare quando l'aggiornamento è completato.

Per eseguire un aggiornamento manuale, chiamare prima con l'elemento Mode impostato su manual. Successivamente, chiamare Passare al dominio di aggiornamento per aggiornare ogni dominio nella distribuzione. Assicurarsi che l'operazione sia completata chiamando Get Operation Status prima di aggiornare il dominio successivo.

System_CAPS_importantImportante

Un aggiornamento che aggiunge o rimuove le istanze del ruolo comporterà un aggiornamento della configurazione in tutti i ruoli che vengono distribuiti nel servizio cloud. Le istanze del ruolo esistenti devono essere a conoscenza delle nuove istanze del ruolo per consentire la comunicazione tra tutte le istanze nel servizio cloud.

Per impostazione predefinita, un servizio cloud viene distribuito con cinque domini di aggiornamento, che vengono aggiornati uno alla volta durante l'aggiornamento sul posto. Per informazioni sulla modifica del numero di domini di aggiornamento nel file di definizione del servizio, vedere Schema di definizione dei servizi di Azure (file .csdef).

Per determinare il dominio di aggiornamento in cui è in esecuzione un'istanza specifica, usare la proprietà UpdateDomain della classe RoleInstance.

Mostra:
© 2016 Microsoft