Questa documentazione è stata archiviata e non viene gestita.

Differenze tra Caching di AppFabric 1.1 locale e il Servizio cache gestita di Azure

Aggiornamento: agosto 2015

ImportantImportante
Microsoft consiglia di usare Cache Redis di Azure in tutti i nuovi sviluppi. Per la documentazione aggiornata e le istruzioni per la scelta dell'offerta del Servizio Cache di Azure, vedere Quali offerte della Cache Redis è consigliabile usare?

Nella maggior parte dei casi, le funzionalità del Servizio cache gestita sono mappate alle funzionalità fornite dalla soluzione di memorizzazione nella cache locale di Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server. Per altre informazioni sulle funzionalità di Windows Server AppFabric Caching, vedere Concetti di Windows Server AppFabric Caching. Per questo motivo, in alcuni casi è possibile comprendere l'architettura e il comportamento di Servizio cache gestita facendo riferimento alla documentazione relativa alla soluzione di Caching locale. Esistono tuttavia alcune differenze. Questo argomento tenta di fornire una panoramica delle differenze tra Servizio cache gestita e la soluzione di Caching locale.

Con la soluzione locale di Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server, è necessario disporre di computer, installare Server AppFabric in ogni computer e quindi creare e gestire il cluster di cache in tutti i computer.

Nella soluzione cloud Azure gestisce la maggior parte delle attività di amministrazione per la configurazione della cache. Con Servizio cache gestita, si effettua il provisioning della cache nel e si usufruisce in tal modo delle informazioni di sicurezza e connessione necessarie per usare la cache. Con il Servizio cache gestita anche il monitoraggio dell'integrità e delle prestazioni della cache viene eseguito nel e, poiché il Servizio cache gestita è un servizio gestito, eventuali problemi riscontrati con il servizio Cache vengono identificati tempestivamente. Per altre informazioni, vedere Eseguire il monitoraggio del Servizio cache gestita di Azure.

Diversamente da Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server, non viene usato Windows PowerShell per la gestione delle cache di cui è stato eseguito il provisioning o del cluster di cache. Con Azure, queste attività vengono eseguite automaticamente. Con la soluzione locale è inoltre possibile concedere l'accesso al cluster di cache a identità di Windows specifiche, ad esempio un account di dominio. Ma con il Servizio cache gestita il modello di sicurezza è basato sulle chiavi di accesso. Per altre informazioni, vedere Modello di sicurezza per il Servizio cache gestita di Azure.

Servizio cache gestita fornisce un provider di stato della sessione e un provider di cache di output. Questi provider sono molto simili a quelli forniti come parte di Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server, pertanto è possibile eseguirne la migrazione con modifiche minime. Per altre informazioni, vedere Provider di cache ASP.NET 4 per il Servizio cache gestita di Azure.

Nella maggior parte dei casi, le funzionalità del Servizio cache gestita sono mappate alle funzionalità fornite dalla soluzione di memorizzazione nella cache locale di Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server. Il seguente elenco descrive alcune di queste differenze.

Il Servizio cache gestita è disponibile nelle tre offerte seguenti.

  • Basic: la cache è disponibile in dimensioni che vanno da 128 MB a 1 GB, con incrementi di 128 MB e una cache denominata predefinita.

  • Standard: la cache è disponibile in dimensioni che vanno da 1 GB a 10 GB con incrementi di 1 GB e supporto di notifiche, disponibilità elevata e cache denominate fino a un massimo di dieci.

  • Premium: la cache è disponibile in dimensioni che vanno da 5 GB a 150 GB con incrementi di 5 GB e supporto di notifiche, disponibilità elevata e cache denominate fino a un massimo di dieci.

noteNota
Ogni offerta differisce in termini di prezzi e funzionalità. Per altre informazioni, vedere Dettagli prezzi del servizio Cache. Altre informazioni sono inoltre disponibili nella seguente sezione Configure the Cache di questa Guida alla migrazione.

La maggior parte delle funzionalità della cache di Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server sono disponibili nel Servizio cache gestita (ad accezione di read-through e di write-behind), ma non tutte le funzionalità del Servizio cache gestita sono disponibili in tutte le offerte di cache del Servizio cache gestita. Se l'applicazione usa le notifiche o la disponibilità elevata, scegliere l'offerta di Cache Standard o Premium.

Se si sta eseguendo la migrazione da Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server Caching al Servizio cache gestita, vedere Eseguire la migrazione da Caching di AppFabric al Servizio cache gestita di Azure.

Le notifiche funzionano in modo analogo nel Servizio cache gestita e in Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server. Nel Servizio cache gestita queste sono supportate solo nelle offerte di Cache Standard e Premium. Per altre informazioni, vedere Notifiche per il Servizio cache gestito di Azure.

Le funzionalità di scadenza e rimozione funzionano nello stesso modo in Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server e nel Servizio cache gestita con un'eccezione. Nel Servizio cache gestita è stato introdotto un criterio di scadenza estendibile che rinnova la scadenza di un elemento a ogni accesso. Questo criterio si differenzia da quello di scadenza assoluta. Gli utenti hanno la possibilità di specificare uno dei due criteri.

Per altre informazioni, vedere Scadenza e rimozione per il Servizio cache gestito di Azure.

La disponibilità elevata funziona in modo analogo nel Servizio cache gestita e in Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server. La disponibilità elevata viene fornita solo nell'offerta di Cache Premium, non in quella Basic o Standard. Per altre informazioni, vedere Offerte di cache per il Servizio cache gestita di Azure e Disponibilità elevata per il Servizio cache gestito di Azure.

Le aree e i tag sono gli stessi in Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server e nel Servizio cache gestita. Per altre informazioni, vedere Aree e tag per il Servizio cache gestito di Azure

Nella maggior parte dei casi è possibile usare le stesse API per scrivere i client della cache che usano il Servizio cache gestita o Microsoft AppFabric 1.1 per Windows Server, ad eccezione di read-through e write-behind, che non sono supportati nel Servizio cache gestita.

Vedere anche

Concetti

Cache

Mostra: