Per visualizzare l'articolo in inglese, selezionare la casella di controllo Inglese. È possibile anche visualizzare il testo inglese in una finestra popup posizionando il puntatore del mouse sopra il testo.
Traduzione
Inglese

Riferimenti ai comandi del controllo della versione di Team Foundation

Per avviare il prompt dei comandi di Visual Studio, fare clic sul pulsante Start di Windows, scegliere Microsoft Visual Studio 2012, Visual Studio Tools e quindi uno dei collegamenti Prompt dei comandi.

Nella maggior parte dei casi, il comando di controllo della versione viene eseguito nel contesto di una directory mappata nell'area di lavoro. Ad esempio, $/SiteApp/Main/ è mappata a c:\code\SiteApp\Main\. Per ottenere la versione più recente di tutti gli elementi nell'area di lavoro:

c:\code\SiteApp\Main\SolutionA>tf get
NotaNota

Alcuni argomenti non vengono attualmente ripubblicati. È tuttavia possibile leggere la versione di questi argomenti per Visual Studio 2010.

L'area di lavoro è una copia locale del codebase del team. Trattandosi di una copia locale nel computer di sviluppo, è possibile sviluppare e testare il codice in isolamento finché non si è pronti ad archiviare il lavoro. Ecco alcuni comandi disponibili per gestire l'area di lavoro:

Proxy Command (Visual Studio 2010)

WorkFold Command (Visual Studio 2010)

Workspace Command (Visual Studio 2010)

Workspaces Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Configurare il controllo della versione di Team Foundation nel computer di sviluppo, Creare e utilizzare aree di lavoro

Usare questi comandi per sviluppare l'app nel controllo della versione con il team:

Comando Add

Aggiunge file e cartelle al controllo della versione.

Comando Checkout (o Edit)

Estrae un file e ne cambia lo stato da modifica in sospeso in "modifica".

Comando Delete (controllo della versione di Team Foundation) (Visual Studio 2010)

Comando Get

Ottiene (scarica) nell'area di lavoro la versione più recente o una versione specificata di uno o più file o cartelle di Team Foundation Server.

Comando Rename (controllo della versione di Team Foundation) (Visual Studio 2010)

Comando Status

Visualizza informazioni sulle modifiche in sospeso per elementi di file e cartelle in una o più aree di lavoro oppure in un'area di sospensione.

Comando Undo

Rimuove una o più modifiche in sospeso in file o cartelle.

Undelete Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Sviluppare l'applicazione in un controllo della versione di Team Foundation

Per diverse ragioni, talvolta è necessario interrompere in parte o tutto il lavoro in corso. Per sospendere e riprendere il lavoro, nonché per gestire le aree di sospensione, usare i comandi seguenti:

Comando Shelve (Visual Studio 2010)

Shelvesets Command (Visual Studio 2010)

Comando Unshelve (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Sospendere il lavoro e gestire le shelveset.

Ecco come archiviare il codice nel codebase del team:

Comando Checkin

Archiviare nel server le modifiche in sospeso a file o cartelle.

Vedere anche: Archiviare il proprio lavoro nel codebase del team

Visualizzare e gestire file e cartelle in controllo della versione
Comando Properties (Visual Studio 2010)

Comando Property (non documentato)

Dir Command (Visual Studio 2010)

Destroy Command (Visual Studio 2010)

LocalVersions Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Utilizzare Esplora controllo del codice sorgente per gestire i file nel controllo della versione

Visualizzare e gestire le versioni precedenti
Changeset Command (Visual Studio 2010)

Comando History

Visualizza la cronologia delle revisioni di uno o più file o cartelle.

Label Command (Visual Studio 2010)

Labels Command (Visual Studio 2010)

Rollback Command (Visual Studio 2010)

Unlabel Command (Visual Studio 2010)

View Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Visualizzare e gestire le versioni precedenti

Confrontare cartelle e file
Difference Command (Visual Studio 2010)

Folderdiff Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Visualizzare e gestire le versioni precedenti

Risolvere conflitti tra file

Resolve Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Risolvere conflitti di controllo della versione di Team Foundation.

Usare i blocchi del controllo della versione

Lock Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Utilizzare i blocchi del controllo della versione.

Usare i comandi seguenti per isolare il rischio tramite branch:

Branch Command (Visual Studio 2010)

Branches Command (Visual Studio 2010)

Merge Command (Visual Studio 2010)

Merges Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Utilizzare i branch per isolare il rischio nel controllo della versione di Team Foundation.

Usare i comandi seguenti per amministrare il sistema di controllo della versione:

Configure Command (Visual Studio 2010)

Permission Command (Visual Studio 2010)

Vedere anche: Amministrazione del controllo della versione di Team Foundation (Visual Studio 2010).

Usare i comandi seguenti per ottenere altre informazioni sui comandi del controllo della versione:

Help Command (Visual Studio 2010)

Msdn Command (Visual Studio 2010)

La sintassi di ogni comando viene visualizzata nella parte superiore dell'argomento di riferimento.

Gli argomenti non racchiusi tra parentesi quadre sono obbligatori. Le [Brackets] indicano argomenti facoltativi, non necessari per completare un comando. Tuttavia, alcuni argomenti facoltativi hanno valori predefiniti che vengono applicati al comando anche se non si specifica l'opzione.

Quando le opzioni sono separate da una barra verticale ( | ), è possibile specificare una delle opzioni.

Gli elementi in grassetto sono opzioni verbatim. Gli elementi in corsivo sono argomenti che è necessario sostituire con caratteri effettivi per eseguire un comando.

Alcuni comandi supportano le scelte rapide. È ad esempio possibile chiamare il comando Delete con tf delete o tf del.

Consideriamo ad esempio il comando Checkout:

tf checkout [/lock:( none|checkin|checkout)] [/recursive] itemspec [/login: username,[ password]]

Esaminiamo gli argomenti dell'esempio:

  • itemspec: è necessario sostituire questo argomento con un oggetto itemspec che specifica gli elementi da estrarre.

  • /lock:(none|checkin|checkout): non è necessario specificare l'opzione /lock. Se non viene specificata, per impostazione predefinita il sistema specifica /lock:none. In caso contrario, è possibile specificare una delle opzioni di blocco.

  • Gli argomenti seguenti sono facoltativi e se non vengono specificati i relativi effetti non si applicano al comando:

    • /recursive: se si vogliono estrarre in modo ricorsivo più elementi di una cartella, è necessario specificare questa opzione verbatim.

    • /login:nomeutente,password: se si vuole eseguire il comando al posto di un altro utente, è necessario specificare l'opzione /login verbatim, sostituire nomeutente con il nome dell'utente e, se necessario, specificare la password.

È possibile usare itemspecs e versionspecs per specificare quali elementi sono interessati da un comando.

Usare itemspec (specifica elemento) per specificare gli elementi interessati da un comando. È possibile specificare gli elementi nel computer client o in Team Foundation Server. È possibile usare caratteri jolly come * e ?.

Gli argomenti itemspec client specificano gli elementi di un computer client, ad esempio una cartella come c:\code\SiteApp\Main\SolutionA\, un file come c:\code\SiteApp\Main\SolutionA\Project1\program.cs o più file come c:\code\SiteApp\Main\SolutionA\*.cs. È anche possibile specificare percorsi UNC come \\myshare\code\SiteApp\Main.

Gli argomenti itemspec server specificano il percorso di elementi presenti in Team Foundation Server, ad esempio una cartella come $/SiteApp/Main/SolutionA, un file come $/SiteApp/Main/SolutionA/Project1/program.cs o più file come $/SiteApp/Main/SolutionA/*.cs.

In genere, gli argomenti itemspec server vengono usati quando è necessario eseguire un comando su elementi non presenti nel computer client, ad esempio se si lavora con un computer di sviluppo ed è necessario ottenere dati sulla cronologia delle revisioni di alcuni elementi inclusi in una raccolta di progetti team che non si usa:

c:\>tf history /collection:http://fabrikam-3:8080/tfs/DefaultCollection
$/SiteApp/Main/SolutionA/Project1/* /recursive  
/noprompt 

Per alcuni comandi, è possibile specificare più argomenti itemspec. Ad esempio:

c:\code\SiteApp\Main\SolutionA\Project1\>tf checkout program1.cs program2.c

Estrae program.cs e program2.c.

Usare versionspec (specifica versione) per specificare la versione degli elementi interessati da un comando. Per specificare versionspec è possibile:

  • Usare l'opzione /version. Ad esempio: /version:C44.

  • Accodare versionspec a itemspec con un punto e virgola. Ad esempio: program1.cs;C44.

Quando si usa Comando History o Difference Command, è possibile specificare un intervallo di versioni separate da una tilde (~). Ad esempio:

c:\code\SiteApp\Main\SolutionA>tf history /noprompt * /recursive /v:D4/12/2012~D4/24/2012

Usare la sintassi seguente per specificare versionspec.

Tipo

Sintassi

Descrizione

Insieme di modifiche

[C] n

Specifica gli elementi in base al numero di un insieme di modifiche. Se un elemento incluso nell'ambito non è stato modificato nell'insieme di modifiche specificato, il sistema considera la versione più recente dell'elemento esistente prima dell'insieme di modifiche specificato.

SuggerimentoSuggerimento

È possibile omettere C se si specifica solo un numero.

Esempi

c:\code\SiteApp\Main>tf get readme.txt /v:C8

--oppure--

c:\code\SiteApp\Main>tf get readme.txt /v:8

--oppure--

c:\code\SiteApp\Main>tf get readme.txt;8

Se il file readme.txt è stato modificato nell'insieme di modifiche 8, ottiene questa versione del file. In caso contrario, ottiene la versione più recente prima della versione 8.

Etichetta

L label

Specifica gli elementi a cui è stato applicato un oggetto label.

Esempi

c:\code\SiteApp\Main>tf get readme.txt;LJulyHotFix

Ottiene la versione del file readme.txt a cui è stata applicata l'etichetta JulyHotFix.

c:\code\SiteApp\Main>tf get /version:LLastKnownGood

Recupera la versione di tutti gli elementi con etichetta (ed elimina quelli senza) nell'area di lavoro nello stato in cui si trovavano quando è stato creato l'insieme di modifiche con etichetta LastKnownGood, ad esempio come parte di un processo di compilazione automatizzato.

Data e ora

D yyyy-mm-ddTxx:xx

-oppure-

D mm/dd/yyyy

-oppure-

Qualsiasi formato supportato da .NET Framework.

-oppure-

Qualsiasi formato di data supportato dal computer locale.

Specifica un insieme di modifiche creato in una data e in un'ora specificate.

Esempi

c:\code\SiteApp\Main>tf get /version:D2004-03-22

Aggiorna l'area di lavoro in base alla versione del codebase del 22/03/2004 alle 00.00 (mezzanotte).

c:\code\SiteApp\Main>tf get /version:D2004-03-22T09:00

Aggiorna l'area di lavoro in base alla versione del codebase del 22/03/2004 alle 09.00.

Per altre informazioni sui formati di data e ora supportati da .NET Framework, vedere DateTime e Stringhe di formato di data e ora standard.

Area di lavoro (corrente)

W

Specifica la versione nell'area di lavoro.

Area di lavoro (specificata)

W workspacename;workspaceowner

Specifica la versione in un'area di lavoro specificata.

Ad esempio: WResolveRIConflicts;PeterW

Suggerimento

T

Specifica la versione più recente.

È possibile usare alcune opzioni comuni per modificare il funzionamento di un comando.

Usare l'opzione /noprompt per eliminare le richieste di input di dati e reindirizzare i dati di output alla finestra del prompt dei comandi. Questa opzione può essere utile quando è necessario usare i comandi del controllo della versione in uno script, perché il comando procede senza intervento dell'utente e i dati sono disponibili per l'esecuzione di operazioni dello script come l'analisi o l'acquisizione.

Quando si usa questa opzione, il sistema:

  • Elimina tutte le richieste di input:

    • Non pone domande nella finestra del prompt dei comandi. Ad esempio, quando si usa il Comando Undo con questa opzione, il sistema non richiede di confermare se si desidera procedere con l'annullamento delle modifiche.

    • Finestre e finestre di dialogo non vengono visualizzate. Usare ad esempio questa opzione con il Comando Checkin. Invece di visualizzare la finestra di dialogo Archivia in cui si chiede di confermare le opzioni (quali elementi archiviare o associare), il sistema procede con l'archiviazione senza conferma.

  • Reindirizza i dati di output al prompt dei comandi. Usare ad esempio questa opzione con il Comando History. I dati vengono visualizzati nella finestra del prompt dei comandi invece che nella finestra Cronologia.

Usare l'opzione /login per specificare l'account utente di Team Foundation Server con cui eseguire un comando. Questa opzione può essere utile quando si usa il computer di un altro membro del team.

Ad esempio, Giulia lavora al computer di sviluppo di Piero. Usa il comando Lock per sbloccare un file bloccato in precedenza:

c:\code\SiteApp\Main> tf lock /lock:none program.cs /login:JuliaI,JuliaPassword

Per evitare che la sua password venga visualizzata nel prompt dei comandi, può immettere il comando senza la password:

c:\code\SiteApp\Main> tf lock /lock:none program.cs /login:JuliaI

Dopo l'immissione del comando, il sistema le chiede di immettere la password in una finestra di dialogo che maschera il suo input.

Nota importante Importante

Come procedura consigliata, usare l'opzione /lock con prudenza e avvertire gli altri membri del team che si sta bloccando un elemento, comunicando anche la data in cui si prevede di rimuoverlo.

Usare l'opzione /lock per applicare o rimuovere un blocco mentre contemporaneamente si esegue un altro comando come Add o Edit.

/lock:(none|checkin|checkout)
  • None: non viene impostato nessun blocco sull'elemento. Se è già stato applicato un blocco, viene rimosso.

  • Checkin o Checkout: applica un blocco. Vedere Informazioni sui tipi di blocco.

NotaNota

In alcuni casi, è possibile che l'operazione di blocco non riesca:

  • Se altri utenti hanno bloccato alcuni elementi specificati, l'operazione di blocco non riesce.

  • Il sistema ignora questa opzione se c'è già una modifica in sospeso per un elemento. In questo caso, è necessario usare il Lock Commandper cambiare un blocco su un elemento.

È possibile abbreviare le opzioni seguenti.

Opzione

Alias dell'opzione

/comment

-C

/computer

-M

/delete

-D

/force

-P

/format

-F

/help

-?, -H

/lock

-K

/login

-Y

/newname

-N

/noprompt

-I

/owner

-O

/recursive

-R

/server

-S

/slotmode

-X

/template

-T

/user

-U

/version

-V

/workspace

-W

I comandi del controllo della versione restituiscono i codici di uscita seguenti:

Codice di uscita

Definizione

0

Operazione completata.

1

Operazione parzialmente completata. L'operazione non è riuscita in parte o completamente.

2

Comando non riconosciuto.

100

Non viene completata nessuna operazione.

Ad esempio:

c:\code\SiteApp\Main\SolutionA\Project1\>tf checkout program1.cs program2.c

Se uno dei file che si sta provando a estrarre non esiste nel server, il comando restituisce 1 a indicare un'operazione parzialmente completata.

Aggiunte alla community

Mostra: