Questa documentazione è stata archiviata e non viene gestita.

Procedura: Creare una cache per il Servizio cache gestita di Azure

Aggiornamento: agosto 2015

ImportantImportante
Microsoft consiglia di usare Cache Redis di Azure per tutte le nuove attività di sviluppo. Per la documentazione corrente e per istruzioni sulla scelta di un'offerta di Cache di Azure, vedere Qual è l'offerta di Cache di Azure più adatta alle mie esigenze?

Questo argomento fornisce una procedura dettagliata per la creazione e la configurazione di una cache per Servizio cache gestita di Azure.

Per creare una cache è necessario eseguire tre passaggi base. Il primo consiste nello scegliere l'offerta di Cache che soddisfa i requisiti di cache della propria applicazione. Il passaggio successivo è la creazione della cache. Una volta creata, la cache è pronta per essere usata con le impostazioni predefinite. Il terzo passaggio consiste nel configurare la cache per l'uso di diverse funzionalità, ad esempio le notifiche o la disponibilità elevata, in modo da soddisfare al meglio i requisiti dell'applicazione.

Servizio cache gestita è disponibile nelle tre offerte seguenti.

  • Basic: la cache è disponibile in dimensioni che vanno da 128 MB a 1 GB, con incrementi di 128 MB e una cache denominata predefinita.

  • Standard: la cache è disponibile in dimensioni che vanno da 1 GB a 10 GB con incrementi di 1 GB e supporto di notifiche, disponibilità elevata e cache denominate fino a un massimo di dieci.

  • Premium: la cache è disponibile in dimensioni che vanno da 5 GB a 150 GB con incrementi di 5 GB e supporto di notifiche, disponibilità elevata e cache denominate fino a un massimo di dieci.

noteNota
Ogni offerta differisce in termini di prezzi e funzionalità. Per altre informazioni, vedere Dettagli prezzi del servizio Cache.

Se per l'applicazione sono necessarie le notifiche, scegliere l'offerta di Cache Standard o Premium. Se invece l'applicazione richiede la disponibilità elevata, scegliere l'offerta Premium.

noteNota
Se i requisiti dell'applicazione cambiano, è comunque sempre possibile applicare la scalabilità orizzontale o verticale sia a livello di dimensioni che di offerta di Cache. Per altre informazioni, vedere Scalare una cache per il Servizio cache gestito di Azure.

Nel Servizio cache gestita le istanze di cache vengono create mediante gli script PowerShell.

ImportantImportante
Dopo che un'istanza del Servizio cache gestita è stata creata con i cmdlet PowerShell, può essere visualizzata e configurata nel portale di gestione di Azure.

  1. Aprire la finestra dei comandi di Azure PowerShell.

    noteNota
    Per istruzioni sull'installazione e sull'uso di Azure PowerShell, vedere l'argomento relativo alla modalità di installazione e configurazione di Azure PowerShell.

  2. Richiamare il cmdlet Add-AzureAccount, quindi immettere l'indirizzo di posta elettronica e la password associati al proprio account.

    noteNota
    Se Azure PowerShell è stato configurato con un certificato per l'account personale, è possibile ignorare questo passaggio. Per altre informazioni su come connettere Azure PowerShell con l'account di Azure, vedere Come installare e configurare Azure PowerShell.

  3. Se si ha una sola sottoscrizione di Azure, questa viene selezionata per impostazione predefinita quando si chiama Add-AzureAccount.

    PS C:\> Add-AzureAccount
    VERBOSE: Account "user@domain.com" has been added.
    VERBOSE: Subscription "MySubscription" is selected as the default subscription.
    VERBOSE: To view all the subscriptions, please use Get-AzureSubscription.
    VERBOSE: To switch to a different subscription, please use Select-AzureSubscription.
    
    Se si hanno più sottoscrizioni e si desidera usarne un'altra, usare il cmdlet Select-AzureSubscription. Per visualizzare tutte le sottoscrizioni, usare Get-AzureSubscription.

    noteNota
    Per altre informazioni su Add-AzureAccount, Select-AzureSubscription e Get-AzureSubscription, vedere Cmdlet del profilo Azure.

  4. Richiamare il cmdlet New-AzureManagedCache e specificare il nome, l'area, nonché l'offerta e la dimensione della cache. Nel seguente esempio è stata creata una cache Basic di 128 MB denominata contosocache, nell'area geografica South Central US.

    New-AzureManagedCache -Name contosocache -Location "South Central US" -Sku Basic -Memory 128MB
    
    noteNota
    Per un elenco completo dei parametri e dei valori che è possibile usare durante la creazione di una cache, vedere la documentazione del cmdlet New-AzureManagedCache.

  5. Dopo aver richiamato il cmdlet PowerShell, la creazione della cache può richiedere alcuni minuti. Dopo essere stata creata, la nuova cache ha lo stato In esecuzione ed è pronta per essere usata con le impostazioni predefinite, oltre che per essere visualizzata e configurata nel portale di gestione di Azure. Per personalizzare la configurazione della cache, vedere la seguente sezione Configure the Cache.

    È possibile monitorare l'avanzamento del processo di creazione nella finestra Azure PowerShell. Una volta che la cache è pronta per essere usata, il cmdlet New-AzureManagedCache ne visualizza le informazioni, come mostrato nel seguente esempio.

    PS C:\> Add-AzureAccount
    VERBOSE: Account "user@domain.com" has been added.
    VERBOSE: Subscription "MySubscription" is selected as the default subscription.
    VERBOSE: To view all the subscriptions, please use Get-AzureSubscription.
    VERBOSE: To switch to a different subscription, please use Select-AzureSubscription.
    PS C:\> New-AzureManagedCache -Name contosocache -Location "South Central US" -Sku Basic -Memory 128MB
    VERBOSE: Intializing parameters...
    VERBOSE: Creating prerequisites...
    VERBOSE: Verify cache service name...
    VERBOSE: Creating cache service...
    VERBOSE: Waiting for cache service to be in ready state...
    
    
    Name     : contosocache
    Location : South Central US
    State    : Active
    Sku      : Basic
    Memory   : 128MB
    
    
    
    PS C:\>
    

Il Servizio cache gestita supporta le cache denominate, che forniscono flessibilità per configurare opzioni di cache diverse per set di dati differenti. Ogni cache include una cache denominata predefinita. Nelle offerte di Cache Standard e Premium è possibile configurare fino a nove cache denominate aggiuntive. Ogni cache denominata include specifiche impostazioni individuali, ad esempio disponibilità elevata, notifiche, rimozione personalizzata e criteri di scadenza. Le impostazioni delle cache denominate vengono configurate nel portale di gestione, nella scheda Configura relativa alla cache.

Cache denominate nel Servizio cache di Microsoft Azure

La seguente tabella fornisce informazioni generali sulle funzionalità del Servizio cache gestita.

 

Funzionalità Descrizione

Nome

È configurata una cache predefinita. Nelle offerte Standard e Premium è possibile configurare fino a nove cache denominate aggiuntive.

Criterio di scadenza

Sono disponibili tre tipi di criteri di scadenza: Nessuna, Assoluta ed Estendibile. Quando si specifica Assoluta, l'intervallo di scadenza specificato da Durata (min) inizia quando gli elementi vengono aggiunti alla cache. Quando si specifica Estendibile, l'intervallo viene reimpostato ogni volta che si verifica un accesso a un elemento nella cache. Quando si specifica Nessuna, è necessario che il valore di Durata (min) sia impostato su 0: in questo modo, gli elementi non scadranno. Il valore predefinito è Assoluta.

Per altre informazioni, vedere Scadenza e rimozione per il Servizio cache gestito di Azure.

Durata (min)

La scadenza predefinita per gli elementi nella cache è 10 minuti, ma è configurabile. La scadenza per i singoli elementi aggiunti alla cache può essere specificata anche tramite gli overload di Add e Put quando vengono aggiunti elementi alla cache. Durata (min), insieme a Criterio di scadenza, consente di determinare la scadenza degli elementi.

Notifiche

Questa impostazione consente all'applicazione di ricevere notifiche asincrone quando vengono eseguite diverse operazioni cache nella cache.

Le notifiche sono disponibili nelle offerte di Cache Standard e Premium, ma non nell'offerta di Cache Basic. Per altre informazioni, vedere Offerte di cache per il Servizio cache gestita di Azure e Notifiche per il Servizio cache gestito di Azure.

Disponibilità elevata

Fornisce disponibilità elevata per gli elementi nella cache. Se un errore causa la perdita di alcuni elementi, le copie di backup presenti nella cache risultano comunque disponibili.

La disponibilità elevata viene fornita solo nell'offerta di Cache Premium, non in quella Basic o Standard. Per altre informazioni, vedere Offerte di cache per il Servizio cache gestita di Azure e Disponibilità elevata per il Servizio cache gestito di Azure.

Rimozione

Le opzioni disponibili sono Abilitato, che prevede l'uso di un algoritmo LRU (utilizzati meno di recente) per determinare gli elementi da rimuovere, o Disabilitato. Il valore predefinito è Abilitato.

Dopo aver creato e configurato la cache, è possibile connettersi ad essa dalle applicazioni client. Per altre informazioni, vedere Configurare i client della cache per il Servizio cache gestita di Azure.

Mostra: