Per visualizzare l'articolo in inglese, selezionare la casella di controllo Inglese. È possibile anche visualizzare il testo inglese in una finestra popup posizionando il puntatore del mouse sopra il testo.
Traduzione
Inglese

Caricamento di Common Language Runtime in un processo

Prima che sia possibile eseguire codice gestito, l'host deve caricare e inizializzare Common Language Runtime. Tutti gli host iniziano con uno stub non gestito perché il runtime non è ancora in esecuzione nel processo. Per avviare il runtime, l'host può utilizzare un set di API non gestite fornite da .NET Framework e definite API di hosting. Per ulteriori informazioni, vedere Interfacce di hosting.

Nota Nota

I metodi di hosting forniti da versioni di .NET Framework precedenti a .NET Framework 4 sono deprecati. È consigliabile utilizzare le interfacce introdotte da .NET Framework 4 e descritte in questo argomento.

Un host può caricare CLR in un processo tramite una delle procedure seguenti:

Il prototipo per tutte queste interfacce si trova nel file Metahost.h, che a sua volta si trova nella directory Include di Windows Software Development Kit (SDK). Gli host possono utilizzare sia l'interfaccia ICLRRuntimeInfo che l'interfaccia ICLRRuntimeHost per controllare la versione del runtime da caricare, nonché il comportamento delle funzioni di base, quali Garbage Collection e caricamento di assembly.

Utilizzare l'interfaccia ICLRRuntimeHost per effettuare le operazioni seguenti:

  • Avviare il runtime chiamando il metodo ICLRRuntimeHost::Start.

  • Eseguire il codice gestito.

  • Ottenere un puntatore all'interfaccia ICLRControl (che fornisce l'accesso ai gestori implementati da Common Language Runtime) e registrare un oggetto controllo host che implementa l'interfaccia IHostControl. Common Language Runtime chiama l'interfaccia IHostControl per determinare i gestori implementati dall'host.

Mostra: