Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Configurazione delle istanze di Notification Services

SQL Server 2005

Le applicazioni di Notification Services sono ospitate in istanze di Notification Services. Ogni istanza consente alle proprie applicazioni di condividere i sottoscrittori e i meccanismi di recapito e di essere amministrate come gruppo.

Per creare un'istanza di Notification Services, è innanzitutto necessario configurarla tramite un file di configurazione dell'istanza XML o a livello di programmazione tramite gli oggetti NMO (Notification Services Management Objects).

Al termine delle configurazione dell'istanza, è possibile creare l'istanza tramite la configurazione creata. Notification Services utilizza la configurazione dell'istanza per creare il database dell'istanza, memorizzare i metadati sull'istanza in tale database e quindi creare le applicazioni ospitate dall'istanza.

Sia che si scelga di configurare Notification Services con un file ICF che con gli oggetti NMO, sono necessarie le informazioni seguenti:

  • Il nome dell'istanza.
  • Il nome dell'istanza di SQL Server per il Motore di database che ospita i database dell'istanza e delle applicazioni.
  • Una definizione facoltativa per il database dell'istanza.
  • Un elenco delle applicazioni ospitate dall'istanza.
  • Informazioni sui protocolli di recapito personalizzati utilizzati dall'istanza.
  • Informazioni su tutti i canali di recapito utilizzati dall'istanza.
  • Un'impostazione di crittografia.
  • La cronologia e informazioni sulla versione dell'istanza (facoltative).

Argomento Descrizione

Impostazione del nome dell'istanza

Descrive come definire il nome dell'istanza e illustra come tale nome viene utilizzato in Notification Services.

Impostazione del nome del sistema di database

Descrive come specificare l'istanza di SQL Server che ospita i database per l'istanza di Notification Services.

Definizione del database dell'istanza

Descrive come configurare il database dell'istanza.

Associazione di applicazioni a un'istanza

Descrive come definire le applicazioni ospitate dall'istanza.

Definizione dei protocolli di recapito personalizzati

Descrive come definire i protocolli personalizzati utilizzati dai canali di recapito.

Definizione dei canali di recapito

Descrive come definire uno o più canali di recapito per l'istanza.

Configurazione della crittografia degli argomenti

Descrive come crittografare gli argomenti del provider di eventi e dei canali di recapito memorizzati nei database.

Specificazione della versione e della cronologia dell'istanza

Descrive come definire la versione dell'istanza e la cronologia ICF.

Utilizzo di parametri nel file di configurazione di un'istanza

Descrive come specificare i valori dei parametri ICF e passare valori ai file di definizione dell'applicazione (ADF).

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft