Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Sottoscrizioni aggiornabili per la replica transazionale

NotaNota

Questa caratteristica verrà rimossa a partire da una delle prossime versioni di Microsoft SQL Server. Evitare di utilizzare questa caratteristica in un nuovo progetto di sviluppo e prevedere interventi di modifica nelle applicazioni in cui è attualmente implementata.

La replica transazionale supporta gli aggiornamenti dei Sottoscrittori attraverso le sottoscrizioni aggiornabili e la replica peer-to-peer. Di seguito vengono indicati i due tipi di sottoscrizioni aggiornabili:

  • Aggiornamento immediato. Per l'aggiornamento dei dati nel Sottoscrittore è necessario che il server di pubblicazione e il Sottoscrittore siano connessi.

  • Aggiornamento in coda. Per l'aggiornamento dei dati nel Sottoscrittore non è necessario che il server di pubblicazione e il Sottoscrittore siano connessi. È possibile eseguire gli aggiornamenti mentre il Sottoscrittore o il server di pubblicazione è non in linea.

Quando si aggiornano i dati in un Sottoscrittore, questi vengono innanzitutto propagati al server di pubblicazione e quindi agli altri Sottoscrittori. Se si utilizza l'aggiornamento immediato, le modifiche vengono propagate immediatamente tramite il protocollo di commit in due fasi. Se si utilizza l'aggiornamento in coda, le modifiche vengono archiviate in una coda. Le transazioni in coda vengono quindi applicate in modo asincrono nel server di pubblicazione ogni volta che è disponibile la connettività di rete. Poiché gli aggiornamenti vengono propagati in modo asincrono al server di pubblicazione, gli stessi dati potrebbero essere stati aggiornati dal server di pubblicazione o da un altro Sottoscrittore e potrebbero verificarsi conflitti in fase di applicazione degli aggiornamenti. I conflitti vengono rilevati e risolti in base a un criterio di risoluzione dei conflitti impostato durante la creazione della pubblicazione.

Se si crea una pubblicazione transazionale con sottoscrizioni aggiornabili tramite la Creazione guidata nuova pubblicazione, verranno abilitati sia l'aggiornamento immediato che l'aggiornamento in coda. Se si crea una pubblicazione con stored procedure, è possibile abilitare una o entrambe le opzioni. Quando si crea una sottoscrizione della pubblicazione, è necessario specificare la modalità di aggiornamento da utilizzare. Se necessario, sarà quindi possibile passare da una modalità di aggiornamento all'altra. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione seguente "Passaggio da una modalità di aggiornamento all'altra".

Per abilitare le sottoscrizioni aggiornabili per le pubblicazioni transazionali

Per creare sottoscrizioni aggiornabili per le pubblicazioni transazionali

Quando si utilizzano le sottoscrizioni aggiornabili, è possibile specificare che per una sottoscrizione venga utilizzata una modalità di aggiornamento e quindi si passi all'altra se l'applicazione lo richiede. È possibile, ad esempio, specificare che per una sottoscrizione venga utilizzato l'aggiornamento immediato, ma si passi all'aggiornamento in coda se un errore di sistema provoca la perdita della connettività di rete.

NotaNota

La replica non passa automaticamente da una modalità di aggiornamento all'altra. Per passare da una modalità all'altra, è necessario impostare la modalità di aggiornamento tramite SQL Server Management Studio oppure l'applicazione deve chiamare sp_setreplfailovermode (Transact-SQL).

Se si passa dall'aggiornamento immediato all'aggiornamento in coda, non sarà possibile tornare all'aggiornamento immediato fino a quando il Sottoscrittore e il server di pubblicazione non sono connessi e tramite l'agente di lettura coda non sono stati applicati al server di pubblicazione tutti i messaggi in sospeso nella coda.

Per passare da una modalità di aggiornamento all'altra

Per passare da una modalità di aggiornamento all'altra, è necessario abilitare la pubblicazione e la sottoscrizione per entrambe le modalità e quindi passare da una all'altra, se necessario.

Considerazioni generali

  • Le sottoscrizioni aggiornabili sono supportate per i Sottoscrittori in cui è in esecuzione Microsoft SQL Server 2000 SP3 o versioni successive.

  • Dopo avere abilitato una pubblicazione per le sottoscrizioni aggiornabili o per le sottoscrizioni ad aggiornamento in coda, non sarà possibile disattivare l'opzione per la pubblicazione, anche nel caso in cui non sia necessaria per le sottoscrizioni. Per disattivare l'opzione, è necessario eliminare la pubblicazione e crearne una nuova.

  • La ripubblicazione dei dati non è supportata.

  • La replica aggiunge la colonna msrepl_tran_version alle tabelle pubblicate per consentire il rilevamento. A causa di questa colonna aggiuntiva, tutte le istruzioni INSERT devono includere un elenco di colonne.

  • Per apportare modifiche allo schema in una tabella di una pubblicazione che supporta le sottoscrizioni aggiornabili, è necessario interrompere tutte le attività nella tabella nel server di pubblicazione e nei Sottoscrittori e propagare a tutti i nodi le modifiche ai dati in sospeso prima di apportare modifiche allo schema. In questo modo le transazioni in sospeso non entrano in conflitto con le modifiche allo schema in sospeso. Dopo avere propagato a tutti i nodi le modifiche allo schema, è possibile riprendere le attività nelle tabelle pubblicate. Per ulteriori informazioni, vedere Procedura: Come mettere una topologia di replica in stato di inattività (programmazione Transact-SQL della replica).

  • Se si prevede di passare da una modalità di aggiornamento all'altra, è necessario eseguire l'agente di lettura coda almeno una volta dopo l'inizializzazione della sottoscrizione. Per impostazione predefinita, l'agente di lettura coda viene eseguito continuamente.

  • Se il database del Sottoscrittore è partizionato orizzontalmente e nella partizione vi sono righe presenti nel Sottoscrittore ma non nel server di pubblicazione, il Sottoscrittore non potrà aggiornare tali righe. I tentativi di aggiornamento di queste righe generano un errore. In questi casi è necessario eliminare le righe dalla tabella e quindi aggiungerle nel server di pubblicazione.

Aggiornamenti nel Sottoscrittore

  • Gli aggiornamenti nel Sottoscrittore vengono propagati al server di pubblicazione, anche se una sottoscrizione è scaduta o inattiva. Verificare che tali sottoscrizioni vengano eliminate o reinizializzate.

  • Se le colonne TIMESTAMP o IDENTITY vengono utilizzate e replicate come tipi di dati di base, i valori in esse contenuti non devono essere aggiornati nel Sottoscrittore.

  • I Sottoscrittori non possono aggiornare o inserire valori text, ntext o image, in quanto non è possibile leggere dalle tabelle inserite o eliminate all'interno dei trigger di rilevamento modifiche della replica. In modo analogo, i Sottoscrittori non possono aggiornare o inserire valori text o image tramite WRITETEXT o UPDATETEXT in quanto i dati vengono sovrascritti dal server di pubblicazione. È invece possibile partizionare le colonne di tipo text e image in una tabella distinta e modificare le due tabelle all'interno di una transazione.

    Per aggiornare oggetti di grandi dimensioni in un Sottoscrittore, utilizzare i tipi di dati varchar(max), nvarchar(max), varbinary(max) invece dei tipi di dati text, ntext e image, rispettivamente.

  • Gli aggiornamenti delle chiavi univoche, incluse le chiavi primarie, che generano duplicati, ad esempio, un aggiornamento di UPDATE <column> SET <column> =<column>+1, non sono consentiti e vengono rifiutati in quanto violazioni dell'univocità. Questo avviene perché gli aggiornamenti dei set eseguiti nel Sottoscrittore vengono propagati tramite replica come singole istruzioni UPDATE per ogni riga interessata.

  • Se il database del Sottoscrittore è partizionato orizzontalmente e nella partizione vi sono righe presenti nel Sottoscrittore ma non nel server di pubblicazione, il Sottoscrittore non potrà aggiornare tali righe. I tentativi di aggiornamento di queste righe generano un errore. In questi casi è necessario eliminare le righe dalla tabella e inserirle di nuovo.

Trigger definiti dall'utente

  • Se per l'applicazione sono necessari trigger nel Sottoscrittore, i trigger devono essere definiti con l'opzione NOT FOR REPLICATION nel server di pubblicazione e nel Sottoscrittore. Per ulteriori informazioni su questa opzione, vedere Controllo di vincoli, identità e trigger con l'opzione NOT FOR REPLICATION. In questo modo, i trigger vengono attivati solo per modifiche ai dati originali, ma non quando le modifiche vengono replicate.

  • Verificare che il trigger definito dall'utente non venga attivato quando il trigger di replica aggiorna la tabella. A tale scopo, chiamare la procedura sp_check_for_sync_trigger nel corpo del trigger definito dall'utente. Per ulteriori informazioni, vedere sp_check_for_sync_trigger (Transact-SQL).

Aggiornamento immediato

  • Per le sottoscrizioni ad aggiornamento immediato, le modifiche nel Sottoscrittore vengono propagate al server di pubblicazione e applicate tramite Microsoft Distributed Transaction Coordinator (MS DTC). Verificare che MS DTC sia installato e configurato nel server di pubblicazione e nel Sottoscrittore. Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione di Windows.

  • Per i trigger utilizzati dalle sottoscrizioni ad aggiornamento immediato, per replicare le modifiche è necessaria una connessione al server di pubblicazione. Per informazioni sulla protezione di questa connessione, vedere Considerazioni sulla protezione per le sottoscrizioni aggiornabili.

  • Se la pubblicazione consente le sottoscrizioni ad aggiornamento immediato e un articolo nella pubblicazione contiene un filtro di colonna, non è possibile escludere tramite il filtro le colonne che non ammettono valori Null senza valori predefiniti.

Aggiornamento in coda

  • Le tabelle incluse in una pubblicazione di tipo merge non possono essere pubblicate anche come parte di una pubblicazione transazionale che consente le sottoscrizioni ad aggiornamento in coda.

  • La chiave primaria viene utilizzata come indicatore di posizione dei record per tutte le query, pertanto non è consigliabile apportare aggiornamenti a colonne chiave primaria quando si utilizza l'aggiornamento in coda. Quando il criterio di risoluzione dei conflitti è impostato su Prevale il Sottoscrittore, è necessario prestare attenzione durante l'aggiornamento delle chiavi primarie. Se gli aggiornamenti alla chiave primaria vengono eseguiti sia nel Sottoscrittore che nel server di pubblicazione, si ottengono due righe con chiavi primarie diverse.

  • Per le colonne di tipo di dati SQL_VARIANT: quando i dati vengono inseriti o aggiornati nel Sottoscrittore, ne viene eseguito il mapping dall'agente di lettura coda quando vengono copiati dal Sottoscrittore alla coda nel modo illustrato di seguito:

    • Viene eseguito il mapping di BIGINT, DECIMAL, NUMERIC, MONEY e SMALLMONEY a NUMERIC.

    • Viene eseguito il mapping di BINARY e VARBINARY ai dati VARBINARY.

Rilevamento e risoluzione di conflitti

  • Per il criterio di risoluzione dei conflitti Prevale il Sottoscrittore: la risoluzione dei conflitti non è supportata per gli aggiornamenti alle colonne chiave primaria.

  • I conflitti provocati dagli errori relativi ai vincoli di chiave esterna non vengono risolti dalla replica:

    • Se non si prevedono conflitti e i dati sono partizionati correttamente, ovvero se i Sottoscrittori non aggiornano le stesse righe, è possibile utilizzare vincoli di chiave esterna nel server di pubblicazione e nel Sottoscrittore.

    • Se si prevedono conflitti, quando si utilizza l'opzione di risoluzione dei conflitti "Prevale il Sottoscrittore", è consigliabile non utilizzare vincoli di chiave esterna nel server di pubblicazione e nel Sottoscrittore, mentre, quando si utilizza l'opzione di risoluzione dei conflitti "Prevale il server di pubblicazione", è consigliabile non utilizzare vincoli di chiave esterna nel Sottoscrittore.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft