Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Servizi cloud

Aggiornamento: agosto 2014

In Azure un servizio cloud è costituito da un'applicazione progettata per essere eseguita nel servizio cloud e dai file di configurazione XML che definiscono la modalità di esecuzione del servizio cloud.

Il modello del servizio è determinato dalle impostazioni elencate nel file ServiceDefinition.csdef e configurato nel file ServiceConfiguration.cscfg. Il file di definizione viene incluso nel pacchetto dei file binari del ruolo alla preparazione della distribuzione dell'applicazione. Il file ServiceConfiguration.cscfg viene distribuito con il pacchetto ed è utilizzato da Azure per determinare la modalità di esecuzione dell'applicazione.

Definendo le impostazioni nel file ServiceDefinition.csdef, è possibile definire i ruoli e le risorse per un'applicazione. Un'applicazione che viene eseguita come servizio cloud in Azure implementa una o più istanze dei tipi di ruolo disponibili. In Azure, le istanze eseguite di un ruolo vengono replicate in più computer per implementare, interamente o in parte, la funzionalità del servizio cloud.

Prima di iniziare a creare un'applicazione da eseguire in Azure, è necessario rivedere le informazioni elencate in Pianificazione e progettazione di applicazioni Azure.

In Azure attualmente sono supportati i tipi di ruoli seguenti:

  • Ruolo Web: si tratta di un ruolo personalizzato per la programmazione di applicazioni Web così com'è supportata da IIS 7 e ASP.NET. Il vantaggio derivante dall'utilizzo di questo tipo di ruolo è l'esecuzione automatica dell'installazione di IIS. Questo ruolo è ideale per fornire un front-end basato sul Web per il servizio cloud, mentre è sconsigliato per i processi con esecuzione prolungata.

  • Ruolo di lavoro: si tratta di un ruolo utile per lo sviluppo generalizzato che consente di eseguire l'elaborazione in background per un ruolo Web. Se si necessita di un processo di background che esegue attività con esecuzione prolungata o intermittenti, è consigliabile utilizzare questo ruolo.

Dopo avere creato un servizio cloud per l'esecuzione dell'applicazione, è possibile accedere in remoto a un'istanza del ruolo per configurare le impostazioni nella macchina virtuale oppure per risolvere eventuali problemi. Per fare ciò, è necessario assicurarsi di caricare il certificato appropriato nel portale di gestione di Azure, crittografare la password utilizzata e aggiungere gli elementi Import per i moduli RemoteAccess e RemoteForwarder nel file ServiceDefinition.csdef.

Le istanze del ruolo in un servizio cloud comunicano tramite connessioni interne ed esterne che variano a seconda del tipo di comunicazione da utilizzare. Le istanze del ruolo possono stabilire queste connessioni tramite le API HTTP, HTTPS e Microsoft .NET per i socket TCP/IP. La connessione esterna viene chiamata endpoint di input e la connessione interna viene chiamata endpoint interno. Gli endpoint sono associati alle porte, dove l'endpoint esterno è associato a una porta definita dall'utente e agli endpoint interni le porte vengono assegnate dinamicamente da Azure.

È possibile utilizzare le attività di avvio per eseguire operazioni prima che le istanze del ruolo vengano avviate. Le operazioni che si possono eseguire sono l'installazione di un componente, la registrazione dei componenti COM, l'impostazione delle chiavi del Registro di sistema o l'avvio di un processo a esecuzione prolungata. Le attività di avvio per il ruolo si aggiungono definendo le attività nel file ServiceDefinition.csdef.

La classe RoleEntryPoint include metodi che vengono chiamati da Azure per l'avvio, l'esecuzione o l'arresto di un ruolo Web o di lavoro. È possibile eseguire facoltativamente l'override di questi metodi per gestire l'inizializzazione del ruolo, sequenze di arresto del ruolo o il thread dell'esecuzione del ruolo. Un ruolo di lavoro deve estendere la classe RoleEntryPoint. Per i ruoli Web, l'estensione di RoleEntryPoint è facoltativa. Per un ruolo VM, anziché la classe RoleEntryPoint vengono utilizzati i servizi Windows.

Vedere anche

Mostra:
© 2014 Microsoft