Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Distribuzione di contenuto

Aggiornamento: agosto 2014

Quando si usa Servizi multimediali, uno degli scenari più comuni prevede le seguenti fasi:

  1. Caricamento di un file di input, denominato file in formato intermedio. Ad esempio un file H.264, MP4 o WMV (per un elenco completo dei formati supportati, vedere Formati supportati da Media Services Encoder).

    Per un esempio di come caricare i file, vedere Caricamento di file multimediali.

  2. Codifica del file in formato intermedio in un set di file MP4 con velocità in bit adattiva.

    Per ulteriori informazioni, vedere Codifica e creazione di pacchetti e Creazione dinamica dei pacchetti.

  3. Distribuzione del contenuto ai clienti in uno dei formati seguenti: MPEG DASH, Apple HLS o Smooth Streaming.

    Questo argomento presenta una panoramica dei diversi metodi di distribuzione del contenuto e include collegamenti agli argomenti che mostrano come effettuare questa operazione (Media Services SDK for .NET o API REST).

WarningAvviso
Servizi multimediali di Azure non prevede il supporto diretto di flussi tramite HTTPS. Nella maggior parte dei casi viene usata una rete CDN che fornisce il supporto per HTTPS.

È possibile distribuire contenuto tramite URL di trasmissione in flusso o consentire agli utenti di scaricare gli asset multimediali nei propri computer. Il contenuto può includere asset multimediali che sono stati semplicemente caricati e archiviati in Servizi multimediali, come descritto in Caricamento di file multimediali, oppure che sono stati codificati e/o elaborati in pacchetti, come descritto in Codifica e creazione di pacchetti.

Attualmente, Servizi multimediali supporta le seguenti opzioni di distribuzione del contenuto:

  • Streaming del contenuto ai clienti. Per fornire agli utenti URL di trasmissione in flusso, è necessario prima creare un'entità OnDemandOriginLocator. Creando il localizzatore è possibile definire la proprietà Path di base per l'asset che include il contenuto da trasmettere in flusso. Tuttavia, per trasmettere in flusso questo contenuto, è necessario modificare ulteriormente il percorso. Per creare un URL completo per il file manifesto del flusso, si deve concatenare il valore della proprietà Path del localizzatore e il nome del file manifesto (nomefile.ism) e quindi aggiungere /Manifest e un formato appropriato (se necessario) al percorso di origine del localizzatore. La tabella seguente include la descrizione dei formati e alcuni esempi.

     

    Smooth Streaming

    {nome account media services}.origin.mediaservices.net/{ID localizzatore}/{nomefile}.ism/Manifest

    http://test001.origin.mediaservices.windows.net/fecebb23-46f6-490d-8b70-203e86b0df58/BigBuckBunny.ism/Manifest
    
    

    MPEG DASH

    {nome account media services}.origin.mediaservices.net/{ID localizzatore}/{nomefile}.ism/Manifest(format=mpd-time-csf) 

    http://test001.origin.mediaservices.windows.net/fecebb23-46f6-490d-8b70-203e86b0df58/BigBuckBunny.ism/Manifest(format=mpd-time-csf)
    

    Apple HTTP Live Streaming (HLS) V4

    {nome account media services}.origin.mediaservices.net/{ID localizzatore}/{nomefile}.ism/Manifest(format=m3u8-aapl)

    http://test001.origin.mediaservices.windows.net/fecebb23-46f6-490d-8b70-203e86b0df58/BigBuckBunny.ism/Manifest(format=m3u8-aapl)
    
    

    Apple HTTP Live Streaming (HLS) V3

    {nome account media services}.origin.mediaservices.net/{ID localizzatore}/{nomefile}.ism/Manifest(format=m3u8-aapl-v3)

    http://test001.origin.mediaservices.windows.net/fecebb23-46f6-490d-8b70-203e86b0df58/BigBuckBunny.ism/Manifest(format=m3u8-aapl-v3)
    
    

    HDS (solo per titolari di licenze Adobe PrimeTime/Access)

    {nome account media services}.origin.mediaservices.net/{ID localizzatore}/{nomefile}.ism/Manifest(format=f4m-f4f)

    http://test001.origin.mediaservices.windows.net/fecebb23-46f6-490d-8b70-203e86b0df58/BigBuckBunny.ism/Manifest(format=f4m-f4f)
    
  • Downloading del contenuto nei dispositivi dei clienti o progressively downloading del contenuto (avvio della riproduzione del contenuto multimediale prima del download dell'intero file MP4). Per scaricare il contenuto, è necessario creare un'entità SAS Locator che consenta di accedere al contenitore di Archiviazione di Azure in cui si trova il file. Per creare l'URL di download, incorporare il nome del file tra l'host e la firma di accesso condiviso.

    Per scaricare il contenuto in modo progressivo, si può anche usare il tipo di localizzatore OnDemandOrigin.

    noteNota
    È prima necessario decrittografare gli asset protetti con crittografia di archiviazione che si desidera trasmettere dal servizio di origine per il download progressivo.

    noteNota
    Un download non completato entro 12 ore genera un errore.

    Il seguente esempio mostra l'URL basato sul localizzatore di firma di accesso condiviso:

    https://test001.blob.core.windows.net/asset-ca7a4c3f-9eb5-4fd8-a898-459cb17761bd/BigBuckBunny.mp4?sv=2012-02-12&se=2014-05-03T01%3A23%3A50Z&sr=c&si=7c093e7c-7dab-45b4-beb4-2bfdff764bb5&sig=msEHP90c6JHXEOtTyIWqD7xio91GtVg0UIzjdpFscHk%3D
    

Negli argomenti Distribuzione di contenuto con Media Services SDK for .NET e Distribuzione di contenuto con l'API REST viene illustrato come utilizzare i localizzatori OnDemandOrigin e SAS per accedere al contenuto o scaricarlo.

La parte restante dell'argomento:

  1. Concetti

  2. Gives links to players than can help you test your URL

Nell'elenco seguente viene fornita una descrizione dei termini e dei concetti che possono risultare utili per la distribuzione di file multimediali.

Access policy: l'entità AccessPolicy definisce le autorizzazioni, ad esempio di lettura, scrittura ed elenco, nonché la durata dell'accesso a un asset. In genere, si passa un oggetto AccessPolicy a un localizzatore, che viene quindi utilizzato per l'accesso ai file contenuti in un asset. Si noti che l'autorizzazione di elenco (AccessPermissions.List) non deve essere usata durante la creazione di un localizzatore OnDemandOrigin.

Dynamic packaging. Per la distribuzione del contenuto è consigliabile usare il servizio di creazione dinamica dei pacchetti. Per ulteriori informazioni, vedere Creazione dinamica dei pacchetti.

In alternativa è possibile usare il servizio Creazione statica dei pacchetti.

HLS - HTTP Live Streaming o HLS è una tecnologia di trasmissione in flusso a velocità in bit adattiva sviluppata da Apple. Servizi multimediali di Azure supporta la creazione di asset HLS protetti con crittografia del flusso di trasporto AES-128. Per ulteriori informazioni, vedere Creazione di pacchetti HLSv3 crittografati con AES-128. I file multimediali a cui viene applicato questo tipo di crittografia devono essere decrittografati prima dell'elaborazione. All'interno dei lettori il processo di elaborazione viene eseguito su chiavi e file multimediali non crittografati. Inoltre, i lettori non devono stabilire una relazione di trust e garantire la protezione di chiavi e contenuti. I contenuti così protetti sono meno sicuri di quelli protetti mediante una tecnologia DRM quale PlayReady. Per informazioni su come proteggere contenuto HLS con PlayReady, vedere Creazione di pacchetti HLSv3 crittografati con PlayReady.

Locator - Le entità Locator forniscono un punto di ingresso per accedere ai file contenuti in un asset. Media Services supporta due tipi di localizzatori: i localizzatori OnDemandOrigin, utilizzati per trasmettere in flusso contenuto multimediale (ad esempio, MPEG DASH, HLS o Smooth Streaming) e i localizzatori URL di firma di accesso condiviso (SAS), utilizzati per scaricare file multimediali. I criteri di accesso consentono di definire le autorizzazioni, ad esempio di lettura, scrittura ed elenco, e il periodo di tempo durante il quale un client ha accesso a un determinato asset. Si noti che l'autorizzazione di elenco (AccessPermissions.List) non deve essere usata durante la creazione di un localizzatore OnDemandOrigin.

noteNota
I localizzatori non sono progettati per la gestione del controllo dell'accesso a livello di singolo utente. Per assegnare diritti di accesso diversi a singoli utenti, utilizzare soluzioni DRM (Digital Rights Management). Per ulteriori informazioni, vedere Protezione dei file multimediali.

Quando si crea un localizzatore per contenuto multimediale, può verificarsi un ritardo di 30 secondi a causa dei processi di archiviazione e propagazione in Archiviazione di Azure.

MPEG DASH - MPEG DASH è un protocollo standard internazionale per la trasmissione in flusso a velocità in bit adattiva, sviluppato da Motion Picture Experts Group (MPEG).

Progressive download: il download progressivo è una tecnologia che consente di avviare la riproduzione di file multimediali prima che il download dell'intero file sia stato completato È possibile scaricare in modo progressivo solo file MP4. 

Smooth Streaming - Smooth Streaming è una tecnologia di trasmissione in flusso a velocità in bit adattiva sviluppata da Microsoft. Per informazioni sulla distribuzione di un asset Smooth Streaming protetto con PlayReady, vedere Protezione di Smooth Streaming e MPEG DASH con PlayReady.

Una volta generati gli URL di trasmissione in flusso, è possibile testarli con i lettori seguenti:

Per testare gli URL Smooth Streaming, utilizzare il lettore smf.cloudapp.net/healthmonitor.

Per testare l'URL MPEG DASH, utilizzare il lettore dashif.org/reference/players/javascript/.

Per testare l'URL HLS, usare Safari su un dispositivo iOS o 3ivx-hls-player.

Vedere anche

Mostra:
© 2014 Microsoft