Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Informazioni sulla registrazione di Analisi archiviazione

Aggiornamento: novembre 2013

Analisi archiviazione consente di registrare informazioni dettagliate sulle richieste effettuate a un servizio di archiviazione che hanno avuto esito negativo o positivo. Queste informazioni possono essere utilizzate per monitorare le singole richieste e per eseguire la diagnostica dei problemi relativi a un servizio di archiviazione. Le richieste vengono registrate in base al principio del best effort.

Per utilizzare Analisi archiviazione, è necessario abilitarlo per ogni servizio che si desidera monitorare. È possibile abilitarlo dal Portale di gestione di Windows Azure; per informazioni dettagliate, vedere la pagina relativa al monitoraggio di un account di archiviazione. È inoltre possibile abilitare Analisi archiviazione a livello di programmazione tramite l'API REST o la libreria client. Utilizzare Get Blob Service Properties (API REST), Get Queue Service Properties (API REST) e Get Table Service Properties (API REST) per abilitare Analisi archiviazione per ogni servizio.

Le voci dei log vengono create solo se il servizio di archiviazione è in attività. Ad esempio, se un account di archiviazione è in attività nel relativo servizio Blob, ma non nei servizi di accodamento o tabelle, verranno creati solo i log relativi al servizio Blob.

Vengono registrati i tipi di richieste autenticate seguenti:

  • Richieste completate correttamente

  • Richieste non riuscite, inclusi errori relativi a timeout, limitazioni, rete, autorizzazione e di altro tipo

  • Richieste basate su una firma di accesso condiviso (SAS), incluse le richieste riuscite e non

  • Richieste di dati analitici

Le richieste effettuate direttamente da Analisi archiviazione, ad esempio la creazione o l'eliminazione di log, non vengono registrate. Un elenco completo dei dati registrati è documentato negli argomenti Operazioni e messaggi di stato registrati di Analisi archiviazione e Formato del log di Analisi archiviazione.

Vengono registrati i tipi di richieste anonime seguenti:

  • Richieste completate correttamente

  • Errori del server

  • Errori di timeout lato client e lato server

  • Richieste GET non riuscite con codice di errore 304 (Non modificato)

Tutte le altre richieste anonime non riuscite non vengono registrate. Un elenco completo dei dati registrati è documentato negli argomenti Operazioni e messaggi di stato registrati di Analisi archiviazione e Formato del log di Analisi archiviazione.

Tutti i log vengono archiviati in Blob in blocchi in un contenitore denominato $logs, che viene creato automaticamente quando si abilita Analisi archiviazione per un account di archiviazione. Il contenitore $logs si trova nello spazio dei nomi Blob dell'account di archiviazione, ad esempio: http://<accountname>.blob.core.windows.net/$logs. Questo contenitore non può essere eliminato dopo che Analisi archiviazione è stata abilitata, sebbene il suo contenuto possa essere eliminato.

noteNota
Il contenitore $logs non viene visualizzato quando viene eseguita un'operazione elenco contenitori, ad esempio il metodo ListContainers. È necessario accedere a esso in modo diretto. È ad esempio possibile utilizzare il metodo ListBlobs per accedere ai Blob nel contenitore $logs.

Man mano che le richieste vengono registrate, i risultati intermedi verranno caricati come blocchi. Periodicamente, Analisi archiviazione eseguirà il commit di questi blocchi e li renderà disponibili come Blob.

È possibile che vengano generati record duplicati per i log creati nella stessa ora. È possibile determinare se un record è un duplicato verificando il numero Operation e RequestId.

Ogni log verrà scritto nel formato seguente:

<service-name>/YYYY/MM/DD/hhmm/<counter>.log

Nella tabella seguente viene descritto ogni attributo nel nome del log:

 

Attributo Descrizione

<service-name>

Nome del servizio di archiviazione. Ad esempio: blob, table o queue

YYYY

Anno a quattro cifre per il log. ad esempio 2011

MM

Mese a due cifre per il log. ad esempio 07

DD

Giorno a due cifre per il log. ad esempio 31

hh

Ora a due cifre che indica l'ora di inizio dei log, in nel formato UTC 24 ore. ad esempio 18

mm

Numero di due cifre che indica il minuto iniziale per i log.

noteNota
Questo valore non è supportato nella versione corrente di Analisi archiviazione e sarà sempre 00.

<counter>

Contatore in base zero a sei cifre che indica il numero di Blob di log generato per il servizio di archiviazione in un periodo di tempo espresso in ore. Il contatore inizia da 000000. ad esempio 000001

Di seguito è riportato un nome di log completo di esempio che combina gli esempi precedenti:

blob/2011/07/31/1800/000001.log

Di seguito è riportato un URI di esempio che può essere utilizzato per accedere al log precedente:

https://<accountname>.blob.core.windows.net/$logs/blob/2011/07/31/1800/000001.log

Quando viene registrata una richiesta di archiviazione, il nome del log risultante è correlato all'ora in cui è stata completata l'operazione richiesta. Ad esempio, se una richiesta GetBlob è stata completata alle 6:30 PM del 7/31/2011, il log viene scritto con il prefisso seguente: blob/2011/07/31/1800/

Tutti i BLOB dei log vengono archiviati con i metadati che è possibile utilizzare per identificare i dati di registrazione contenuti nel BLOB. Nella tabella seguente viene illustrato ciascun attributo dei metadati:

 

Attributo Descrizione

LogType

Indica se il log contiene informazioni relative alle operazioni di lettura, scrittura o eliminazione. Questo valore può includere un tipo o una combinazione di tutti e tre, separati da virgole.

Esempio 1: write

Esempio 2: read,write

Esempio 3: read,write,delete

StartTime

L'ora meno recente di una voce del log, sotto forma di YYYY-MM-DDThh:mm:ssZ. ad esempio 2011-07-31T18:21:46Z

EndTime

L'ora più recente di una voce del log, sotto forma di YYYY-MM-DDThh:mm:ssZ. ad esempio 2011-07-31T18:22:09Z

LogVersion

Versione del formato del log. Attualmente l'unico valore supportato è: 1.0

Nell'elenco seguente vengono visualizzati metadati di esempio completi utilizzando i precedenti esempi:

  • LogType=write

  • StartTime=2011-07-31T18:21:46Z

  • EndTime=2011-07-31T18:22:09Z

  • LogVersion=1.0

Tutti i dati nel contenitore $logs sono accessibili utilizzando le API del servizio Blob, incluse le API .NET fornite dalla libreria gestita di Windows Azure. L'amministratore dell'account di archiviazione può leggere ed eliminare i log, ma non può crearli né aggiornarli. Sia i metadati sia il nome del log possono essere utilizzati per eseguire query su un log. È possibile che i log di una determinata ora non risultino nell'ordine corretto, tuttavia i metadati specificano sempre l'intervallo di tempo delle voci di un log. Pertanto, è possibile utilizzare una combinazione di nomi e metadati quando si cerca un log specifico.

Vedere anche

Microsoft sta conducendo un sondaggio in linea per comprendere l'opinione degli utenti in merito al sito Web di MSDN. Se si sceglie di partecipare, quando si lascia il sito Web di MSDN verrà visualizzato il sondaggio in linea.

Si desidera partecipare?
Mostra:
© 2014 Microsoft