Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Note sulla versione di Azure SDK (marzo 2011)

Aggiornamento: luglio 2014

In questo documento sono contenute le note sulla versione per Azure SDK versione 1.4 (marzo 2011).

Il sistema operativo guest Azure è il sistema operativo in cui il servizio viene eseguito nel cloud. Quando si distribuisce un servizio in Azure, è necessario assicurarsi che la versione del sistema operativo guest Azure sia compatibile con la versione dell'SDK con cui è stato sviluppato. Per informazioni dettagliate, vedere Rilasci del sistema operativo guest Azure e matrice di compatibilità SDK.

Sono disponibili due modi per installare Azure SDK. È possibile scaricare e installare tutto utilizzando l'Installazione guidata piattaforma Web Microsoft oppure è possibile installare la versione autonoma dell'SDK.

Se si utilizza l'Installazione guidata piattaforma Web Microsoft verranno automaticamente installati:

  1. Strumenti di Azure per Microsoft Visual Studio

  2. Azure SDK

  3. Visual Web Developer 2010, se non si dispone di Visual Studio 2010

  4. Le impostazioni delle funzionalità IIS richieste

  5. Hotfix necessari

Per installare l'Installazione guidata piattaforma Web Microsoft e Azure SDK, vedere la pagina relativa all'Installazione guidata piattaforma Web Microsoft.

Prerequisiti per l'installazione e l'utilizzo della versione autonoma di Azure SDK

In questa sezione vengono descritti il software e le configurazioni necessari per installare e utilizzare Azure SDK.

  1. Microsoft .NET Framework

  2. Internet Information Services (IIS) 7.0

  3. Requisiti del database per l'emulatore di archiviazione di Microsoft Azure

  4. Aggiornamento da una versione precedente dell'SDK

noteNota
Prima di installare l'SDK, è necessario uscire da tutte le versioni in esecuzione degli emulatori di archiviazione e di calcolo di Azure (precedentemente noti come infrastruttura e archiviazione di sviluppo).

L'SDK è disponibile in una versione a 64 bit e in una versione a 32 bit.

  • La versione a 64 bit (x64) dell'SDK richiede una versione a 64 bit di Windows 7, Windows Vista Service Pack 2 o versioni successive o Windows Server 2008 SP2 o versioni successive.

  • La versione a 32 bit (x86) dell'SDK richiede una versione a 32 bit di Windows 7, Windows Vista Service Pack 2 o versioni successive o Windows Server 2008 SP2 o versioni successive.

noteNota
La versione a 32 bit dell'SDK non può essere installata in un sistema operativo a 64 bit. L'esecuzione dell'SDK in Microsoft Windows-32-bit-On-Windows-64-bit (WOW64) non è supportata.

Microsoft .NET Framework 3.5 SP1 è necessario per installare ed eseguire Azure SDK. Azure SDK inoltre prevede ora il supporto di .NET Framework 4. Se si sceglie di installare .NET Framework 4, è necessario installare anche .NET Framework 3.5 SP1 se non è già presente nel computer.

Se si esegue l'ambiente di sviluppo di Azure in un sistema operativo precedente a Windows Vista Service Pack 2 o Windows Server 2008 Service Pack 2, è necessario effettuare una delle seguenti operazioni prima di poter eseguire un ruolo Web destinato a .NET Framework 4.0:

Con Azure SDK 1.3, è necessario installare IIS comprensivo della Console di gestione IIS. A seconda del tipo di servizio che si intende compilare, potrebbe essere necessario abilitare componenti di IIS 7.0 diversi. Seguire le istruzioni appropriate riportate di seguito per configurare questi componenti per il sistema operativo in uso.

  1. Fare clic sul pulsante Start, selezionare Tutti i programmi | Programmi | Strumenti di amministrazione, quindi scegliere Server Manager.

  2. In Server Manager in Riepilogo ruoli, verificare che Server Web (IIS) sia visualizzato nell'elenco dei ruoli disponibili. In caso contrario, fare clic su Aggiungi ruoli per installare IIS.

  3. Se si desidera sviluppare applicazioni ASP.NET, effettuare le operazioni seguenti:

    1. In Riepilogo ruoli fare clic su Server Web (IIS).

    2. Nella finestra di gestione del server Web (IIS) fare clic su Aggiungi servizi ruolo.

    3. Nella finestra di dialogo Aggiungi servizi ruolo, in Sviluppo applicazioni, fare clic su ASP.NET, quindi fare clic su Avanti per eseguire l'installazione.

  4. Se si desidera utilizzare fastCGI:

    1. Nella finestra di gestione del server Web (IIS) fare clic su Aggiungi servizi ruolo.

    2. Nella finestra di dialogo Aggiungi servizi ruolo espandere Server Web | Sviluppo applicazioni, quindi selezionare CGI statico.

    3. Fare clic sul pulsante Avanti per eseguire l'installazione.

  1. Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Pannello di controllo.

  2. Nel Pannello di controllo fare clic su Programmi e funzionalità.

  3. In Programmi e funzionalità fare clic su Attiva o disattiva le funzionalità Windows.

  4. Per installare IIS e la console di gestione IIS, selezionare Internet Information Services

    Se si desidera sviluppare applicazioni ASP.NET, espandere Internet Information Services | Servizi Web | Funzionalità per lo sviluppo di applicazioni, quindi selezionare ASP.NET.

  5. Se si desidera utilizzare fastCGI, selezionare CGI.

  6. Fare clic su OK per installare IIS e le funzionalità selezionate.

QFE necessario per FastCGI

Per utilizzare FastCGI in IIS nell'ambiente di sviluppo in Windows Vista SP1, è necessario installare il QFE seguente:

http://support.microsoft.com/kb/967131

Questo QFE non è necessario con i sistemi operativi Windows 7, Windows Vista SP2 o Windows Server 2008.

Modulo IIS7 URL Rewrite

Se si desidera utilizzare il modulo IIS URL Rewrite, è necessario installarlo e configurare le regole di riscrittura. Per ulteriori informazioni, vedere la pagina relativa al modulo URL Rewrite.

Per eseguire i servizi per l'Emulatore di archiviazione di Microsoft Azure, è necessario disporre di un'installazione di SQL Express 2005, di SQL Express 2008 o di Microsoft SQL Server.

Per impostazione predefinita, l'emulatore di archiviazione viene eseguito in un'istanza di SQL Express. Per configurarlo affinché venga eseguito in un'istanza locale di SQL Server, chiamare lo strumento DSInit con il parametro /sqlInstance passando il nome dell'istanza di SQL Server di destinazione. Utilizzare il nome dell'istanza di SQL Server senza il qualificatore del server, ad esempio MSSQL anziché .\MSSQL, per fare riferimento a un'istanza denominata. Utilizzare "." per indicare un'istanza senza nome o predefinita di SQL Server.

È possibile chiamare dsInit /sqlInstance in qualsiasi momento per configurare l'emulatore di archiviazione affinché faccia riferimento a un'istanza diversa di SQL Server.

Il problema descritto di seguito potrebbe verificarsi durante l'aggiornamento da una versione precedente dell'SDK.

  1. Per utilizzare gli Strumenti di Azure per Microsoft Visual Studio con SDK 1.4, è necessario eseguire un'edizione di Visual Studio 2010 o Visual Studio 2010 Express.

  2. Se si utilizza Azure SDK versione 1.2 o precedente, ricordare che la versione di Microsoft.WindowsAzure.StorageClient.dll è passata dalla 1.0.0.0 alla 1.1.0.0 per supportare nuove funzionalità e una modifica relativa alla modalità di escape degli input URL. La modifica del comportamento non dovrebbe influire sulla maggior parte delle applicazioni. È tuttavia necessario aggiornare i riferimenti al progetto precedenti affinché venga utilizzato il nuovo assembly e ritestare l'applicazione.

Vedere anche

Altre risorse

About Windows Azure

Microsoft sta conducendo un sondaggio in linea per comprendere l'opinione degli utenti in merito al sito Web di MSDN. Se si sceglie di partecipare, quando si lascia il sito Web di MSDN verrà visualizzato il sondaggio in linea.

Si desidera partecipare?
Mostra:
© 2014 Microsoft