Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Preparare l'immagine server per il caricamento in Windows Azure

Aggiornamento: marzo 2011

[La funzionalità Ruolo VM di Windows Azure verrà ritirata il 15 maggio 2013. Dopo la data di ritiro, le distribuzioni del ruolo VM verranno eliminate. Per continuare a utilizzare le applicazioni esistenti, è possibile utilizzare le Macchine virtuali di Windows Azure. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo delle macchine virtuali per l'applicazione in uso, vedere l'argomento relativo al passaggio dal Ruolo VM alle Macchine virtuali di Windows Azure.

Affinché il disco rigido virtuale venga caricato correttamente in Windows Azure, è necessario procedere alla generalizzazione dell'immagine server tramite il comando Sysprep. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di Sysprep, vedere la pagina relativa all'introduzione all'utilizzo di Sysprep.

Prima di completare questa attività, è necessario assicurarsi che siano state completate le attività nelle sezioni seguenti:

Durante il processo di preparazione dell'immagine server per il caricamento in Windows Azure è possibile eseguirne la generalizzazione e, successivamente, la specializzazione più volte, in un processo iterativo. Ogni volta che si crea una macchina virtuale dall'immagine server, vengono eseguiti il processo di installazione del sistema operativo e le funzioni di specializzazione per la macchina in questione. L'attività finale prima di caricare l'immagine server nel repository immagini di Windows Azure consiste nella generalizzazione dell'immagine.

Il passaggio di specializzazione si verifica nuovamente al termine della distribuzione dell'immagine in Windows Azure. In ogni istanza del ruolo VM creata dall'immagine server viene eseguita l'installazione di Windows. Nell'installazione di Windows vengono utilizzati i valori di configurazione del file di risposte installato nella directory radice dell'immagine server dai componenti di integrazione di Windows Azure.

È possibile utilizzare la procedura seguente per preparare l'immagine da caricare.

  1. Aprire una finestra del prompt dei comandi come amministratore.

  2. Impostare la directory su %windir%\system32\sysprep, quindi eseguire sysprep.exe.

  3. Nella finestra di dialogo dell'Utilità preparazione sistema selezionare Passare alla Configurazione guidata per Azione pulizia sistema.

  4. Assicurarsi che l'opzione Generalizza sia selezionata.

  5. Selezionare Arresto per Opzioni di arresto del sistema.

  6. Scegliere OK.

È possibile collegare un disco rigido virtuale in Gestione computer e controllare il relativo stato di sysprep.

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, quindi fare clic su Gestione computer.

  2. Nel riquadro sinistro espandere Archiviazione, fare clic con il pulsante destro del mouse su Gestione disco, quindi fare clic su Collega file VHD.

  3. Passare al file con estensione vhd che si desidera controllare, quindi scegliere OK. A questo punto al disco rigido virtuale viene collegata e assegnata una lettera di unità.

  4. Utilizzando Blocco note aprire X:\Windows\Setup\State\State.ini (dove X: corrisponde alla lettera di unità associata al disco rigido virtuale collegato). Il valore di ImageState deve essere IMAGE_STATE_GENERALIZE_RESEAL_TO_OOBE per un'immagine preparata correttamente utilizzando sysprep.

  5. Nel riquadro centrale inferiore di Gestione computer fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco collegato, quindi fare clic su Scollega file VHD.

Dopo la generalizzazione dell'immagine server e l'arresto della macchina virtuale, è possibile caricare il file con estensione vhd in Windows Azure. Per ulteriori informazioni, vedere Caricare un disco rigido virtuale per un ruolo VM in Windows Azure.

Vedere anche

Aggiunte alla community

Mostra:
© 2014 Microsoft