Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Il presente articolo è stato tradotto manualmente. Passare il puntatore sulle frasi nell'articolo per visualizzare il testo originale. Ulteriori informazioni.
Traduzione
Originale

Elenco di controllo per la distribuzione: scalabilità orizzontale mediante l'aggiunta di server PowerPivot a una farm di SharePoint 2010

Se si prevede un volume elevato di richieste per l'elaborazione di query PowerPivot in una farm di SharePoint, è possibile aggiungere un'ulteriore istanza di PowerPivot per SharePoint per supportare in modo facile l'elaborazione di query e dati.

Dopo aver installato una nuova istanza, si dispone di capacità aggiuntive per l'esecuzione di query sui dati PowerPivot o l'elaborazione di processi di aggiornamento dati PowerPivot. Facoltativamente, è possibile configurare ogni server per gestire un solo tipo di richiesta: query o aggiornamento dati.

SharePoint Server 2010 è installato e configurato.

SharePoint Server 2010 SP1 è applicato e la farm è aggiornata.

L'istanza di PowerPivot per SharePoint esistente nella farm è SQL Server 2012, ovvero una nuova installazione o un aggiornamento da SQL Server 2008 R2.

Il computer su cui viene installato il nuovo server SQL Server 2012 PowerPivot per SharePoint viene unito in join alla farm. Il computer e gli altri server nella farm devono appartenere allo stesso dominio.

Esaminare gli argomenti aggiuntivi seguenti per comprendere i requisiti relativi al sistema e alla versione:

Nota Nota

In una farm con più server, la versione di tutte le istanze di PowerPivot per SharePoint deve essere identica. Se sono stati applicati Service Pack o aggiornamenti ad altri server PowerPivot già presenti nella farm, la nuova istanza che si intende aggiungere dovrà essere aggiornata alla stessa versione dell'istanza esistente già presente nella farm. La nuova istanza non sarà disponibile finché gli aggiornamenti non sono stati applicati.

Utilizzare l'elenco di controllo in questo argomento per aggiungere altri server PowerPivot a una farm SharePoint. Queste istruzioni presuppongono che si disponga già di un server PowerPivot per SharePoint nella farm e che si intenda aggiungere un secondo server per gestire un carico di elaborazione aggiuntivo. Fatta eccezione per le differenze nei requisiti di installazione, nella configurazione dopo l'installazione e nella verifica, i passaggi per la distribuzione di una soluzione con scalabilità orizzontale sono identici a quelli per l'aggiunta di un singolo server PowerPivot a una farm esistente.

Passaggio

Collegamento

Determinare l'account del servizio dell'istanza di Analysis Services già presente nella farm

Ogni istanza aggiuntiva installata deve essere eseguita nello stesso account della prima istanza. Utilizzare uno degli approcci per determinare l'account del servizio:

  • Nella sezione Sicurezza di Amministrazione centrale scegliere Configura account di servizio. Selezionare Servizio Windows - SQL Server Analysis Services. Dopo aver selezionato il servizio, il nome dell'account del servizio verrà visualizzato nella pagina.

  • In un server che dispone già di un'installazione del servizio PowerPivot, aprire l'applicazione console Servizi in Strumenti di amministrazione. Fare doppio clic su SQL Server Analysis Services. Fare clic sulla scheda Accedi per visualizzare l'account di servizio.

    Nota importante Importante

    Utilizzare unicamente Amministrazione centrale per modificare gli account di servizio. Se si utilizza un altro strumento o un approccio diverso, le autorizzazioni non verranno aggiornate correttamente nella farm.

Eseguire il programma di installazione per installare una seconda istanza di PowerPivot per SharePoint.

Installare PowerPivot per SharePoint (SharePoint 2010)

Scegliere un server applicazioni che viene unito in join alla farm, ma che non dispone di un'istanza PowerPivot esistente sul server.

Durante l'installazione, quando viene richiesto di specificare un account, immettere l'account specificato nel passaggio precedente. Tutte le istanze del servizio Analysis Services devono essere eseguite nello stesso dominio. Questo requisito abilita l'utilizzo della funzionalità account gestiti in SharePoint che consente di aggiornare la password in un'unica posizione per tutte le istanze del servizio dello stesso tipo.

Configurare la seconda istanza

È possibile utilizzare uno degli approcci per configurare l'istanza: Strumenti di configurazione PowerPivot o Configurazione di PowerPivot tramite Windows PowerShell

Quando si configura una seconda istanza, è necessario solo effettuare il provisioning dei servizi locali. Tutte le altre attività di configurazione (ad esempio, la creazione di applicazioni di servizio o la configurazione dell'aggiornamento dati) vengono eseguite durante la configurazione iniziale e utilizzate dalle istanze successive installate.

Attività successive all'installazione

Non sono richiesti ulteriori passaggi. Non è necessario creare applicazioni di servizio, attivare funzioni, distribuire soluzioni o modificare l'identità dell'applicazione di servizio. Il nuovo software server verrà individuato e utilizzato automaticamente dalle applicazioni di servizio e dalle applicazioni Web esistenti.

Facoltativamente, se è stato installato un secondo server al fine di utilizzare un server per le query e uno per l'aggiornamento dati, è possibile configurare le proprietà dell'istanza del server ora per specificare il tipo di richieste gestite da ogni server. Per ulteriori informazioni, vedere Configurare l'aggiornamento dati o l'elaborazione di sole query dedicato (PowerPivot per SharePoint).

Verificare l'installazione della seconda istanza

È possibile utilizzare i passaggi seguenti per verificare l'elaborazione di query PowerPivot nel server appena installato.

  1. In Amministrazione centrale, aprire la pagina Gestisci servizi nel server per confermare che il server e i relativi servizi vengano visualizzati.

    1. In Server fare clic sulla freccia giù, su Cambia server, quindi selezionare il server in cui è presente la nuova installazione di PowerPivot per SharePoint.

    2. Verificare che SQL Server Analysis Services e il Servizio di sistema PowerPivot di SQL Server siano avviati.

  2. In Amministrazione centrale arrestare altri server PowerPivot per SharePoint in modo che il server appena installato sia l'unico disponibile. Per ulteriori informazioni, vedere Avviare o arrestare un server PowerPivot per SharePoint.

  3. Fare clic su una cartella di lavoro di PowerPivot per aprirlo dalla raccolta.

  4. Fare clic su un filtro dei dati o trasformare i dati tramite Pivot per avviare una query. I dati PowerPivot verranno caricati in background. Nel passaggio successivo verrà effettuata la connessione al server per verificare che i dati vengano caricati e memorizzati nella cache.

  5. Avviare SQL Server Management Studio dal gruppo di programmi Microsoft SQL Server nel menu Start. Se questo strumento non è installato nel server, è possibile ignorare l'ultimo passaggio per confermare la presenza di file memorizzati nella cache.

  6. In Tipo di server selezionare Analysis Services.

  7. In Nome server, immettere <nome-server>\powerpivot, dove <nome-server> è il nome del computer contenente la nuova installazione di PowerPivot per SharePoint.

  8. Fare clic su Connetti.

  9. In Esplora oggetti fare clic su Database per visualizzare l'elenco di file di dati PowerPivot caricati.

  10. Nel file system del computer, controllare la cartella seguente per determinare se i file vengono memorizzati nella cache su disco. La presenza di file memorizzati nella cache è un'ulteriore verifica che la distribuzione è operativa. Per visualizzare la cache dei file, spostarsi nella cartella \Programmi\Microsoft SQL Server\MSAS11.POWERPIVOT\OLAP\Backup.

  11. Riavviare i servizi arrestati precedentemente.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft