Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Note sulla versione di Azure SDK per .NET 2,1

Aggiornamento: ottobre 2014

In questo documento sono contenute le note sulla versione per di Azure SDK per .NET 2.1 e vengono fornite informazioni sull'Interruzione del supporto di Visual Studio 2010 nelle versioni future dell'SDK, il Debug del servizio cloud side-by-side non supportato con i progetti compilati prima della versione 1.7 e le Modifiche di rilievo.

Il numero di versione (2.1) di di Azure SDK per .NET è determinato dall'assembly principale di runtime del servizio Azure che utilizza il controllo delle versioni semantico. Le altre librerie client incluse in di Azure SDK per .NET, insieme ai rispettivi pacchetti NuGet, seguono il controllo delle versioni indipendente in base allo schema del controllo delle versioni semantico.

di Azure SDK per .NET 2.1 include le librerie del Servizio di archiviazione Azure 2.0.6, di Azure Service Bus 2.1, del servizio Azure Caching 2.0 e di Gestione configurazione di Azure 2.0.1. Queste librerie possono essere scaricate anche dai rispettivi pacchetti NuGet.

Per altre informazioni correlate a questa versione, vedere le risorse seguenti:

Microsoft annuncia che di Azure SDK per .NET 2.1 sarà l'ultima versione dell'SDK a supportare Visual Studio 2010. Nella prossima versione dell'SDK sarà aggiunto il supporto per Visual Studio 2013 e verrà interrotto il supporto per Visual Studio 2010. È possibile continuare a utilizzare Visual Studio 2010 per i progetti che utilizzano di Azure SDK per .NET 2.1 e versioni precedenti.

Sebbene la versione 2.1 dell'SDK continui a supportare Visual Studio 2010, Visual Studio 2012 e Visual Studio 2013 Preview, si consiglia di aggiornare i progetti di Visual Studio 2010 a Visual Studio 2012 o Visual Studio 2013 una volta che questo SDK sarà rilasciato. L'aggiornamento dei progetti garantirà la possibilità di usufruire delle ultime funzionalità di di Azure una volta che sarà rilasciata la versione successiva dell'SDK.

Side-by-Side Cloud Service Debugging è supportato solo in Azure SDK per .NET versioni 1.7, 1.8, 2.0 e 2.1. Per usufruire del debug completo, i progetti compilati con le versioni precedenti alla versione 1.7 devono essere aggiornati. Per ulteriori informazioni, vedere Ciclo di vita del supporto per i servizi cloud di Azure.

Quando si esegue, ad esempio, un progetto compilato in Azure SDK per .NET versione 1.6 in un computer nel quale è installata la versione 2.1, verrà visualizzato il messaggio di errore indicante la mancanza nel sistema di un prerequisito necessario all'esecuzione del servizio.

Per ovviare a questo errore, disinstallare l'emulatore di calcolo incluso nella versione 2.1 e installare l'emulatore di calcolo per la versione 1.6. Così facendo non sarà però possibile eseguire in quel computer applicazioni compilate con l'SDK versione 2.1.

Di seguito sono indicate le modifiche di rilievo incluse in di Azure SDK per .NET 2,1:

  • Creating an ASP.NET MVC 5 Web API project or SPA project in a new Cloud Service in Visual Studio 2013 Preview- Quando si creano questi tipi di progetto tramite File->Nuovo->Servizi cloud di Azure->Applicazione Web ASP.NET, è necessario aggiungere manualmente un reindirizzamento di assembly a ODataLib versione 5.5 se si usa la Libreria client di archiviazione nel progetto. A tale scopo, è possibile procedere un due modi:

    • Rimuovere e aggiungere nuovamente il pacchetto NuGet della Libreria client di archiviazione facendo clic con il pulsante destro del mouse su Riferimenti del progetto in Esplora soluzioni e selezionando Gestisci pacchetti NuGet

    • In alternativa, aggiungere il reindirizzamento dell'assembly come indicato nell'avviso di compilazione:

      C:\Program Files (x86)\MSBuild\12.0\bin\Microsoft.Common.CurrentVersion.targets(1613,5): warning MSB3247: 
      Found conflicts between different versions of the same dependent assembly. 
      Please add the following binding redirects to the "runtime" node in your application configuration file: 
      <assemblyBinding xmlns="urn:schemas-microsoft-com:asm.v1">
        <dependentAssembly>
          <assemblyIdentity name="Microsoft.Data.Edm" culture="neutral" publicKeyToken="31bf3856ad364e35" />
          <bindingRedirect oldVersion="0.0.0.0-5.5.0.0" newVersion="5.5.0.0" />
        </dependentAssembly>
      </assemblyBinding>
      <assemblyBinding xmlns="urn:schemas-microsoft-com:asm.v1">
        <dependentAssembly>
          <assemblyIdentity name="System.Spatial" culture="neutral" publicKeyToken="31bf3856ad364e35" />
          <bindingRedirect oldVersion="0.0.0.0-5.5.0.0" newVersion="5.5.0.0" />
        </dependentAssembly>
      </assemblyBinding>
      <assemblyBinding xmlns="urn:schemas-microsoft-com:asm.v1">
        <dependentAssembly>
          <assemblyIdentity name="Microsoft.Data.OData" culture="neutral" publicKeyToken="31bf3856ad364e35" />
          <bindingRedirect oldVersion="0.0.0.0-5.5.0.0" newVersion="5.5.0.0" />
        </dependentAssembly>
      </assemblyBinding>
      
      
  • Running the Azure compute emulator on the Windows 8.1 Preview- Internet Explorer in Windows 8.1 Preview dispone di una nuova modalità di Sicurezza avanzata che è possibile utilizzare per interrompere la funzionalità Avvia senza eseguire debug (CTRL+F5) dell'emulatore di calcolo. Quando l'emulatore di calcolo viene avviato, Internet Explorer viene avviato ma non riesce a caricare l'applicazione Web ospitata dall'IP host locale perché http://127.0.0.x non è presente nell'elenco Siti attendibili. La funzionalità Avvia senza eseguire debug (F5) non viene influenzata.

  • Loading the ServiceRuntime from SDK 2.0 or later in a startup task throws an exception- Per risolvere il problema, aggiungere l'attributo useLegacyV2RuntimeActivationPolicy con un valore true all'elemento startup del file App.config per l'eseguibile, come nell'esempio seguente:

    <?xml version="1.0" encoding="utf-8" ?>
    <configuration>
        <startup useLegacyV2RuntimeActivationPolicy="true">
             ...
             ...
             ...
        </startup>
    </configuration>
    
  • WebPI feed failure conditions-

    • Il feed WebPI non potrà essere installato in assenza dell'autorità di certificazione radice Microsoft 2010 o 2011. Per ulteriori informazioni, vedere http://support.microsoft.com/kb/931125.

    • Il feed WebPI non verrà eseguito, e non verrà visualizzato alcun avviso a proposito, nei computer che sono in attesa di un riavvio dopo l'installazione di aggiornamenti o di nuovo software. Per risolvere il problema, riavviare il computer e riavviare l'installazione.

Vedere anche

Altre risorse

Introduzione di Azure

Mostra:
© 2014 Microsoft