Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Novità di Service Bus versione 2.1 (maggio 2013)

Nella versione di Service Bus di Windows Azure del mese di maggio 2013 sono disponibili nuove caratteristiche e funzionalità. Questa versione non è associata a un aggiornamento di Windows Azure SDK, tuttavia contiene la versione 2.1 di Microsoft.ServiceBus.dll. È possibile ottenere una nuova versione dell'assembly scaricando il pacchetto NuGet più recente da qui.

Di seguito è riportato un riepilogo di tali caratteristiche e vengono forniti i collegamenti per visualizzare ulteriori informazioni.

AMQP 1.0

Questa versione di Service Bus di Windows Azure include il supporto per il protocollo AMQP (Advanced Message Queuing Protocol) versione 1.0, passata dallo stato di anteprima alla fase GA (General Availability). AMQP è un protocollo di messaggistica wire-level efficiente e affidabile che può essere utilizzato per creare applicazioni di messaggistica multipiattaforma e affidabili.

Per ulteriori informazioni su AMQP, vedere:

Spazi dei nomi associati

Quando uno spazio dei nomi servizio di Service Bus non risulta più disponibile, a causa di interruzioni impreviste di breve durata o temporanee, può non essere possibile ricevere o inviare messaggi allo spazio dei nomi che ospita la coda, l'argomento o la sottoscrizione. Per ovviare a questo problema, nella versione precedente era in genere necessario impostare uno spazio dei nomi separato da utilizzare come backup, quindi implementare una logica estesa di failover e di ripetizione dei tentativi.

Per una disponibilità elevata più affidabile, in Service Bus sono ora supportati gli spazi dei nomi associati, che consentono la connessione di due spazi dei nomi. Quando viene attivato lo spazio dei nomi secondario, i messaggi vengono archiviati nella coda secondaria per poter essere distribuiti alla coda primaria in un secondo momento. Se per qualche motivo il contenitore, o spazio dei nomi, principale non è più disponibile, il failover automatico consente il recapito dei messaggi dalla coda secondaria a quella primaria. Questa funzionalità, definita SendAvailability, consente a un singolo mittente di continuare a elaborare messaggi nel caso in cui uno dei nuovi spazi dei nomi rilevi un'entità di messaggistica non più disponibile. Se l'entità primaria non è disponibile, i messaggi vengono inviati a quella secondaria. Impostare la proprietà Microsoft.ServiceBus.Messaging.SendAvailabilityPairedNamespaceOptions.EnableSyphon su true nei ruoli di lavoro del servizio cloud (elaborazione di back-end), anziché nei siti e ruoli Web (elaborazione di front-end).

noteNota
Tenere presente che dal sifone secondario a quello primario non viene mantenuto l'ordinamento dei messaggi.

Ad esempio:

factory = MessagingFactory.Create(SB_Primary_NS_Address);
factory.PairNamespace(new SendAvailabilityPairedNamespaceOptions
    {
        EnableSyphon = true,
        TransferQueueCount = 10,
        MessagingFactory = paired-NS_factory,
        NamespaceManager = paired-NS_manager
    });
factory.Open();

Per ulteriori informazioni, vedere

Criteri per l'esecuzione di nuovi tentativi

La funzionalità relativa ai criteri per l'esecuzione di nuovi tentativi sul lato client consente di impostare un set di criteri per l'esecuzione di nuovi tentativi in base a errori temporanei di recapito del messaggio. La libreria continuerà a eseguire nuovi tentativi fino al raggiungimento del limite impostato nella proprietà OperationTimeout. È inoltre possibile disabilitare l'esecuzione di nuovi tentativi. Se si nota una maggiore latenza durante l'utilizzo di questa funzionalità, disabilitarla per ripristinare il comportamento precedente, ad esempio:

MessagingFactory factory = MessagingFactory.Create();
factory.RetryPolicy = RetryExponential.Default; // retry on transient errors until the OperationTimeout is reached
factory.RetryPolicy = RetryPolicy.NoRetry; // disables retry for tranisent errors

Per ulteriori informazioni, vedere

Aggiunte alla community

Mostra:
© 2014 Microsoft