VENDITE: 1-800-867-1389

Risoluzione dei problemi relativi alle operazioni dell'API

Aggiornamento: novembre 2013

Nelle sezioni seguenti vengono offerti suggerimenti relativi alla risoluzione dei problemi delle operazioni API:

Traccia delle richieste non riuscita

Intestazione x-ms-request-id

Nell'ambiente di sviluppo è supportato l'utilizzo della funzionalità Traccia richieste non riuscite di Internet Information Services (IIS) 7.0 per registrare le informazioni sulle richieste. Questa funzionalità consente di generare log di traccia dettagliati in base ai filtri definiti nella configurazione di un ruolo Web.

I file di log di traccia vengono generati nella directory IIS predefinita per i log delle richieste non riuscite. Per impostazione predefinita, questa directory è %SystemDrive%\inetpub\logs\FailedReqLogFiles.

Ogni ruolo Web deve abilitare la traccia utilizzando le regole presenti nel file web.config del progetto. Per abilitare la traccia, inserire quanto segue nella sezione system.webServer del file web.config:

<tracing>
  <traceFailedRequests>
    <add path="*">
      <traceAreas>
        <add provider="ASP" verbosity="Verbose" />
        <add provider="ASPNET" areas="Infrastructure,Module,Page,AppServices" verbosity="Verbose" />
        <add provider="ISAPI Extension" verbosity="Verbose" />
        <add provider="WWW Server" areas="Authentication,Security,Filter,StaticFile,CGI,Compression,Cache,RequestNotifications,Module" verbosity="Verbose" />
      </traceAreas>
      <failureDefinitions statusCodes="400-599" />
    </add>
  </traceFailedRequests>
</tracing>

Per disabilitare la traccia, rimuovere questa sezione dal file web.config.

Ogni richiesta effettuata nei servizi di archiviazione restituisce un'intestazione di risposta denominata x-ms-request-id. Questa intestazione contiene un valore opaco che identifica in modo univoco la richiesta.

Se una richiesta, la cui corretta formulazione è stata accertata, ha ripetutamente esito negativo, è possibile utilizzare questo valore per segnalare l'errore a Microsoft. Nel report includere il valore di x-ms-request-id, l'ora approssimativa in cui è stata effettuata la richiesta, il servizio di archiviazione in cui è stata effettuata e il tipo di operazione oggetto della richiesta.

Vedere anche

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2014 Microsoft